Suggerimenti

Ortaggi a foglia: [Pianta, cura e tipi]

Storia delle verdure a foglia

La nascita degli ortaggi in genere, è legata a quelle prime civiltà sedentarie.

Ciò significa che, quando in principio l’ uomo era dedito alla caccia e alla raccolta , si nutriva di prede animali e di frutti e fiori selvatici , semi , foglie o radici.

Ciascuno dei suoi reperti si basa sugli antichi giardini e frutteti di Babilonia , nonché sui disegni catturati nelle tombe degli egizi, dove si dice che mangiassero verdure in quantità.

La maggior parte delle verdure oggi in Europa proviene dall’Asia e dall’Estremo Oriente. E furono introdotti sul mercato dagli arabi sin dalla conquista dei paesi mediterranei.

Così è nato che le verdure insieme alle verdure sono diventate il gruppo alimentare essenziale all’interno della cucina mediterranea.

Tuttavia, durante il Medioevo , la coltivazione degli ortaggi era destinata a sfamare soprattutto i ceti più poveri, mentre gli altri mangiavano carne e bevevano solo “brodi vegetali” quando il medico glielo prescriveva per combattere qualche malattia.

In questo senso, i viaggi in America a partire dal XV secolo facevano riferimento a un contatto tra civiltà, che finì per concludersi in un grande scambio di prodotti alimentari tra loro.

Il che spiega che l’aumento del consumo di ortaggi comincia a manifestarsi nella prima metà del Novecento . La storia presume addirittura che dopo la seconda guerra mondiale questo consumo potrebbe aumentare di oltre il 30%.

L’attuale produzione di ortaggi nel mondo è molto importante insieme agli ortaggi, perché rappresentano il secondo gruppo alimentare più prodotto al mondo, dopo i cereali.

Cosa sono le verdure a foglia?

Secondo Flores y Plantas (2016) , le verdure sono un insieme di piante generalmente coltivate negli orti e consumate come cibo, crude o cotte in cucina .

In questo senso, le verdure a foglia sono tutte quelle che vengono consumate per le loro foglie, sia lame che piccioli. All’interno di questo gruppo possiamo citare bietole, spinaci, lattuga, cavoli e indivia, tra gli altri . Di   solito provengono da un clima temperato freddo.

Queste verdure forniscono poche calorie e hanno un grande valore nutritivo grazie alla loro ricchezza in vitamine A, C, il complesso B, E e K; minerali come calcio e ferro .

Pertanto, si consiglia di consumarli più frequentemente durante la giornata, il tutto con il chiaro obiettivo di generare salute e benessere sociale.

Tipi di verdure a foglia

Secondo Palacios (2017), le principali verdure a foglia sono:

bietola

È una pianta biennale che non forma né una radice né un frutto commestibili.

Le sue foglie sono grandi, di forma ovale, leggermente corazzate, con nervature marcate che nascono dalla metà del fusto. Di solito viene raccolto quando pesa tra 750 grammi e 1 chilo.

Il suo colore è solitamente tra il verde scuro, il verde chiaro e il giallo.

 Guida alla semina delle bietole. 

Spinaci

È una pianta annuale, coltivata per le sue grandi foglie commestibili di colore verde molto scuro.

Ha una radice leggermente ramificata e uno sviluppo radicale superficiale. Il suo fusto è eretto da 30 cm a 1 m di lunghezza dove si trovano i fiori.

 Guida alla semina degli spinaci. 

Lattuga

È una pianta annuale, il che significa che si sviluppa tutto l’anno.

Non presenta fusti evidenti, poiché a prima vista sembra che le foglie derivino dalla radice. Ogni foglia è però provvista di una porzione di fusto, questi sono cilindrici e molto ramificati dalla base.

Le sue foglie sono verdi, a seconda del tipo, il colore varia.

 Guida alla semina della lattuga

Canoni

Gli agnelli sono una pianta annuale che richiede molta acqua. Sono facili da coltivare, tuttavia sono esposti a molti nemici, come lumache o uccelli.

 Guida alla semina dei Canoni

indivia

Sono piccoli boccioli allungati con foglie lisce e bianche , un po’ gialle intorno ai bordi. Vanno scelti freschi e senza macchie, facendo attenzione ai bordi, che non saranno danneggiati o verdi.

Altre verdure a foglia sono:
  • I porri .
  • denti di leone.
  • Indivia.
  • Rucola.

Semina ortaggi a foglia

Per Dondo (2007), questi ortaggi possono essere seminati direttamente, a spaglio (un tipo di tecnica che consiste nel far cadere i semi sotto forma di pioggia fine sull’aiuola e poi ricoprirli con un sottile strato di terriccio o compost ) o in linea (sono posizionati in scanalature precedentemente contrassegnate).

Va notato che le specie fogliari sono comunemente coltivate all’aperto.

In questo caso, per alcune zone, va fatto sotto un sistema di protezione, come una rete ombreggiante, per evitare di bruciare le foglie.

Tuttavia, è sempre più comune che la sua coltivazione avvenga sotto copertura per vari motivi.

In primo luogo, si ottengono maggiore qualità, precocità e quindi maggiore redditività, soprattutto in autunno-inverno-primavera. Il suo ciclo è breve (50 – 60 giorni), che consente la realizzazione di più semine nell’anno.

La rete ombreggiante viene posizionata nella stagione calda, per lo stesso motivo dei sistemi a cielo aperto.

Come innaffiamo le verdure a foglia?

L’ irrigazione a goccia , che di solito è più adatta a questi ortaggi.

Tuttavia, non esiste ancora una ricetta per farlo, ovvero la quantità e la frequenza di fornitura dell’acqua dipenderanno da fattori come il tipo di verdura, la stagione dell’anno, lo stato di crescita, tra gli altri.

Alcuni consigli su come dovrebbe essere l’irrigazione sono i seguenti:

  • Le piante molto giovani dovrebbero essere annaffiate frequentemente in modo che non si secchino mai.
  • Se le verdure vengono coltivate all’aperto, vanno raggruppate in base all’acqua di cui hanno bisogno.
  • Le verdure sono sensibili sia all’acqua in eccesso che a quella insufficiente.
  • È molto importante che in tutte le verdure il drenaggio sia buono, cioè che non si allaghi a lungo.

Ogni quanto va annaffiato?

In genere si consiglia di annaffiare la mattina presto o la sera dopo il tramonto.

Non va annaffiato nelle ore più calde della giornata, perché l’evaporazione è maggiore e le gocce d’acqua che rimangono sulle foglie o sui frutti concentrano i raggi del sole e possono provocare ustioni. 

Nelle verdure a foglia come; spinaci, bietole e lattuga, il periodo più critico è tra i 10 ei 21 giorni prima della maturazione; In questo periodo è fondamentale che sia disponibile molta acqua.

Parassiti e malattie degli ortaggi a foglia

Per Martínez (2013), i parassiti e le malattie negli ortaggi sono solitamente il rischio maggiore assunto dai produttori, a causa delle perdite che possono rappresentare nella produzione e delle spese sostenute per il loro controllo.

Secondo quanto contemplato dal portale Infojardín (2017), i principali parassiti delle verdure a foglia sono:

  • Verme bianco (Melolontha melolontha): le larve di questo coleottero hanno un corpo biancastro, con l’estremità addominale posteriore di colore nerastro.
  • Filo di verme (Agriotes lineatum), i coleotteri sono scuri e allungati. Le larve sono di colore bruno dorato, con una certa somiglianza con i millepiedi, di forma cilindrica. Producono gallerie nelle radici delle piante.
  • Verme grigio (Agrotis segetum), questo lepidottero danneggia la vegetazione, recidendo il collo delle piantine appena piantate.
  • Pulce (Chaetocnema tibialis), l’adulto è un coleottero lungo circa 2 mm, di forma ovale, di colore nero-verdastro e lucentezza metallica. I danni sono piccoli fori arrotondati nelle foglie.
  • Afide (Aphis fabae), questi insetti si trovano nella parte inferiore delle foglie provocando danni che possono pregiudicarne la commercializzazione.
  • Il nematode della barbabietola (Heterodera schachtii Smith), genera nodi che portano all’avvizzimento delle piante.
  • Pegomia o mosca della barbabietola (Pegomya betae Curtis), gli adulti hanno la testa grigiastra con una striscia rossa sul davanti; gli occhi sono rosa e le zampe sono gialle. Perforano l’epidermide e penetrano all’interno dei tessuti del limbus.
  • Tripidi (Thrips tabaci), è un parassita dannoso, la presenza di questo virus nelle piante inizia a causare necrosi fogliare grande e muore.
  • I minatori (Liriomyza trifolii e Liriomyza huidobrensis), formano gallerie nelle foglie e se l’attacco dei parassiti è molto forte, la pianta si indebolisce.
  • Peronospora (Peronospora brassicae), questo fungo provoca piccole macchie di colore giallo e di forma angolare. Allo stesso tempo, si forma una lanugine bianco-grigiastra sul lato inferiore delle foglie.
  • Mosca della cicoria (Ophioma pinguis), le larve scavano gallerie nelle foglie e nei boccioli.

Riferimenti bibliografici

  • Dondo, Gloria (2007). Ortaggi a foglia. Disponibile su: http://www.fca.uner.edu.ar/files/academica/deptos/catedras/horticultura/hortalizas_de_hoja.pdf
  • Fiori e piante (2016). Ortaggi da foglia, da radice, da fiore e da frutto. Disponibile su: https://www.floresyplantas.net/hortalizas-de-hojas-raices-flores-y-frutos/
  • Martinez,   Gesù (2013). Parassiti che attaccano le verdure. Disponibile su: http: // ww w.agronuevoleon.gob.mx/oeidrus/hortalizas/6plagas.pdf
  • Palacios,   Roque (2018). Principali caratteristiche degli ortaggi a foglia. Disponibile su: http://www.monografias.com/trabajos84/principales-caracteristicas-hortalizas-hojas/principales-caracteristicas-hortalizas-hojas.shtml#hortalizaa#ixzz 56FYiayV5

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *