Suggerimenti

Pianta di incenso: cura

La pianta dell’incenso è una pianta molto più comune di quanto molti pensino. Tanto che è molto probabile che tu l’abbia visto molte volte senza averlo riconosciuto e, almeno in Spagna, è molto comune vederlo su terrazzi, giardini e anche in casa come pianta ornamentale. Originaria dell’India, questa pianta arrivò in Spagna per mano di mercanti arabi, all’epoca dei Taifa. Era allora considerato di buon auspicio o simbolo di buona fortuna e da allora si è mantenuto il suo uso ornamentale.

Se vuoi imparare a prenderti cura della pianta di incenso, unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde dove troverai una guida completa alla cura della pianta di incenso.

Caratteristiche della pianta di incenso

Il genere Plectranthus è composto da più di 300 specie erbacee che provengono da diverse zone a temperatura calda dell’emisfero australe, tra cui India, Indonesia, Australia e Africa. Tra questi, ce ne sono diversi che vengono identificati come la pianta dell’incenso, principalmente Plectranthus coleoides ‘Marginatus’ e Plectranthus madagascariensis. Il Plectranthus coleoides ‘Marginatus’ è la specie più conosciuta, essendo un membro erbaceo della famiglia delle Lamiaceae, che può raggiungere un’altezza di circa 60 cm.

La cosa che più colpisce sono le sue piccole foglie, lunghe non più di 3 cm, di un bel verde, solitamente variegate sui bordi frastagliati, dove assumono una tonalità chiara. I fiori, che si presentano a grappolo, sono molto piccoli e di scarso valore ornamentale, essendo normalmente di colore bianco o porpora. È una pianta di grande crescita, che assume il portamento pendulo in una o due stagioni. Il suo odore è gradevole per le persone, ma funge anche da ottimo antizanzare. Se sei interessato a questa qualità, ti potrebbe piacere anche la pianta conosciuta come Mosquito Geranium.

Se ti piacciono le piante sospese come la pianta di incenso, puoi dare un’occhiata a queste guide alle piante sospese al sole e alle piante sospese per interni.

Posizione per la pianta di Plectranthus

Dove posizionare la pianta di incenso? Quando si tratta di se è meglio mettere la tua pianta di incenso all’interno o all’esterno, dipende completamente dal tipo di clima in cui vivi.

Come tutte le piante di origine tropicale sopporta bene le temperature temperate, ma non sopporta il caldo eccessivo e, soprattutto in questo caso, il freddo. Se vivi in ​​una zona con temperature miti puoi coltivare la tua pianta di incenso in giardino senza problemi, ma in un clima mediterraneo o freddo dovrai tenerla al chiuso. Trova una stanza senza temperature estreme e con quanta più luce naturale possibile. In estate cerca di fare in modo che l’incidenza della luce sia indiretta, e fai sempre attenzione all’effetto lente di ingrandimento dei vetri delle finestre, che potrebbe danneggiare le foglie. Se usi una pentola, è molto importante che abbia dei fori di drenaggio.

Irrigazione delle piante di incenso

Come per tutte le piante, è importante che le annaffiature siano più frequenti nei mesi caldi, cioè quando la pianta è più attiva. Nel caso del Plectranthus coleoides, è importante che il substrato non si inzuppi mai, quindi è meglio annaffiare più frequentemente e meno abbondantemente.

Puoi controllare le condizioni del substrato attaccando uno stuzzicadenti o un dito e controllando se il terreno si attacca. Dopo l’irrigazione, assicurati di rimuovere l’acqua in eccesso dal piatto circa 10-15 minuti dopo. Cerca di annaffiare quando lo strato superiore del substrato si è asciugato, cioè quando non c’è terra attaccata al bastoncino o al dito con cui hai controllato come è.

In questo altro articolo puoi imparare quando innaffiare le piante.

Substrato per la pianta dell’incenso

Come abbiamo già accennato, questa pianta non tollera i ristagni idrici, che possono facilmente far marcire le sue radici, come accade con tante piante tropicali. La pianta dell’incenso non è particolarmente esigente con i nutrienti del terreno, quindi la cosa più importante è migliorare la capacità drenante e la leggerezza del tuo terreno.

Mescolare torba, fibra di cocco e humus di vermi in parti uguali e aggiungere una buona manciata di vermiculite e perlite al composto. Questa miscela dà origine ad un substrato molto ricco di sostanze nutritive, che la pianta apprezzerà anche se non necessita di grandi quantità e, soprattutto, è molto leggero e offre proprietà ideali per trattenere l’acqua a sufficienza e drenare l’acqua in eccesso.

Fertilizzante per la pianta dell’incenso

È meglio usare fertilizzanti organici durante i mesi primaverili ed estivi. L’humus di vermi è una delle migliori opzioni per il suo carico di microrganismi benefici, ma anche il compost o il guano sono ottime opzioni.

Qui puoi imparare come fare l’humus di lombrichi e come fare il compost fatto in casa.

Potatura e moltiplicazione delle piante di incenso

Il periodo migliore per potare la pianta dell’incenso è all’inizio della primavera, quando la sua altezza si riduce di circa la metà, oltre a togliere le foglie ei fiori in cattive condizioni durante tutto l’anno.

Inoltre, puoi sfruttare la potatura per fare talee della pianta dell’incenso, che è il modo migliore per moltiplicarlo. Le talee raccolte in primavera hanno buone possibilità di radicare bene, soprattutto se usi il mix di substrato che ti abbiamo dato in precedenza e le potenzia con l’ormone radicante, che puoi preparare da solo a casa.

Se desideri leggere altri articoli simili a Pianta di incenso: cura, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.