Suggerimenti

La Ivy: [Pianta, irrigazione, cura e substrato]

L’edera comune o Hedera Helix, insieme alla Canariensis o Canarian Ivy, sono varietà create appositamente dalla natura per essere coltivate in ambienti chiusi, dove le loro foglie dipinte di sfumature bianche e dorate si moltiplicano senza alcun problema in molte case del continente europeo. da, che richiede poco e dà molto.

Si è diffuso in Nord Africa, Isole Canarie, Giappone e Asia centrale.

Attualmente sono circa 15 i tipi identificati, dove, oltre al comune e alle Isole Canarie, spiccano specie come: Hedera colchica (Edera caucasica), Hedera maroccana, Hedera algeriensis (Edera algerina), Hedera nepalensis (Edera nepalese).

Questa pianta ornamentale , speciale per decorare gli ambienti, appartiene alla famiglia delle araliaceae e funziona molto bene anche all’aperto , ma non spreca mai le sue grandi potenzialità di modellarsi in giardini pensili verticali o orizzontali.

La sua capacità di adattamento è stata grande. È passato dalle serre, dove prima veniva tenuto al sicuro, alle zone calde dove ora crescono varietà nane o variegate.

Una delle sue principali attrazioni sono proprio le sue foglie verde scuro , che hanno da 3 a 4 lobi che formano figure ovali o ellittiche verso l’area del grappolo. Esistono anche tonalità macchiate, con strisce bianche o gialle , dette variegate.

Ha piccoli fiori che non contrastano con lo splendore delle sue foglie . Li vedrai tra la tarda primavera e l’inizio dell’autunno . E frutti o bacche tossici gialli, verdi o neri che raggiungono a malapena mezzo centimetro di diametro.

In esterno , si comporta come un’efficiente trepadora in grado di raggiungere vaste aree su fusti che possono superare i 15 metri, grazie al portamento di una legnosità infallibile che consente di comportarsi come un rampicante in grado di ricoprire tutto: giardini, pavimenti, muri o muri.

Ci sono anche alcune varietà che superano i 40 metri di lunghezza nei loro steli.

Vengono quindi utilizzate come piante per rivestire muri, sbarre, colonne, pendii o sottobosco.

Se hai intenzione di coltivarlo in casa, i vasi sospesi sono l’ideale. Non ti pentirai di esserti preso cura di lui a casa. Vuoi sapere come? Ecco alcune indicazioni pratiche.

Temperatura: dove dovremmo piantarlo?

L’edera è un rampicante sempreverde , ampiamente utilizzato anche come pianta da appendere .

Una temperatura tra i 15 e i 21°C è perfetta, il che non toglie che non riesca a resistere, ad esempio, alla prova di resistere ai 5°C in inverno, o a massime fino a 32°C in estate . Piuttosto il contrario. Ivy è davvero resistente alle avverse condizioni climatiche .

Attenzione però a non esporlo troppo a lungo a queste variazioni ambientali per lunghi periodi, perché le sue belle foglie soffriranno fino a quando non si seccano e muoiono.

Luce: che bisogno di luce hai?

Ha davvero bisogno di poca luce. Ma gli piace la morbida luce naturale.

Se non è vicino a una finestra, non si lamenterà dei cambiamenti nella sua morfologia. No signore. Sopporterà ambienti calmi non così bui dove le sue foglie sbiadiscono per mancanza dell’incidenza dei raggi solari.

L’edera , senza dubbio, fa meglio se la esponi regolarmente al pieno sole o se stai in luoghi ombreggiati. E non viene ucciso dalle gelate, o dagli sbalzi di temperatura, perché si impone il coraggio della variegata specie.

Prendi il sole qualche ora al giorno e lui saprà ringraziarti più di ogni altra cosa.

Non essendo molto impegnativo con il sole, sopporta bene gli spazi chiusi. Quindi diventa una pianta d’appartamento da considerare.

Substrato e Compost: come prepariamo il terreno?

Utilizzare un fertilizzante minerale almeno una volta al mese in primavera. In estate arriva anche questo aiuto, che l’ Edera apprezzerà molto.

Un terreno ricco di terriccio da giardino con una miscela equilibrata di torba e sabbia le sarà di grande sollievo, perché il drenaggio scorrerà senza problemi con conseguenze fatali per le sue radici.

Il pH del terreno ideale per la sua crescita è vicino a sei e sarà molto meglio se puoi aggiungere uno strato di humus di lombrico o compost , quando la pianta supera i sei mesi di vita sotto il tuo riparo. Questa aggiunta sarà spettacolare per migliorare la sua crescita sana.

Semina l’edera passo dopo passo

  1. Una volta scelto il luogo dove andremo a piantare l’edera (preferibilmente a mezz’ombra), faremo una buca la cui profondità sarà maggiore di quella del vaso.
  2. Prendiamo la pianta dal vaso (con attenzione) e la mettiamo nella buca.
  3. Quindi mettiamo il substrato nel buco e intorno all’edera che abbiamo appena messo.
  4. Infine, riempiamo nuovamente il buco con il terreno precedentemente rimosso.
  5. Infine, innaffiamo dolcemente oa goccia a lungo (senza allagare la terra).

Per saperne di più, puoi vedere: Talee di edera .

Cura dell’edera

Attenzione:
L’edera è una pianta che, se ha le giuste condizioni, cresce molto e si diffonde facilmente, diventando una pianta invasiva .

Si raccomanda che l’edera abbia uno spazio per arrampicarsi. Se viene annaffiata (ora la vedremo) con assiduità e non viene trascurata, l’edera può crescere molto.

Si consiglia una o due volte l’anno di effettuare una potatura intensa (soprattutto quando è già ingrossata).

Irrigazione: con che frequenza e come annaffiamo l’edera?

Un sistema di irrigazione ottimale ed equilibrato è quello che mantiene umido il substrato senza ristagnare la sua morfologia, in particolare le sue radici.

Ad esempio, l’ inverno è la stagione in cui riceverà meno acqua. Una spruzzata sarà sufficiente finché il terreno si sarà completamente asciugato, cosa che di solito si verifica al massimo una volta alla settimana per le varietà da interno.

Fai spruzzi occasionali dei suoi rami in inverno , che saranno anche ben utilizzati da questa popolare pianta rampicante. Soprattutto quando inizi a notare che le sue foglie cambiano in una consistenza ruvida marrone o giallastra. Questo indica che hai solo bisogno di idratazione.

Ma quando arriva il caldo estivo, l’irrigazione dovrebbe essere aumentata con una frequenza stimata di 3 o 4 volte a settimana per dargli un’idratazione permanente.

Approfitta anche della potatura all’inizio della primavera e stimola così una crescita sana ed evita l’invasione inappropriata dei suoi fusti flessibili in muri, grondaie e persino tubi. Se non stai attento, si intrufola ovunque, all’altezza del suo nome.

Goditi questa pianta fedele alle tue idee decorative ristrutturanti in casa, con un impatto economico a basso costo data la sua minima manutenzione.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.