Suggerimenti

Parassiti e Malattie della Signora della Notte

Quali parassiti e malattie colpiscono la donna di notte?

La signora della notte è una pianta generalmente molto resistente, tuttavia è esposta come la maggior parte delle piante del giardino a una serie di parassiti e malattie .

E, sebbene non ci siano parassiti speciali che colpiscano questa profumata pianta notturna, tranne i più comuni come la famosa triade di parassiti:

Afidi , Mosche (prevalentemente bianche) e Ragni rossi , viene attaccata anche dalla Caparreta Nera, che è un tipo di cocciniglia più resistente.

afidi

Sono insetti da 2 a 3 millimetri, che possono avere un colore verde, nero o arancione. Si sviluppano molto rapidamente.

Formano colonie visibili di notte sui giovani germogli, sul lato inferiore delle foglie o dei boccioli dei fiori della signora.

Secernono inoltre una melata molto apprezzata dalle formiche e sulla quale si sviluppa la muffa fuligginosa. Tra i danni visibili che gli afidi provocano alla dama della notte, si nota l’ ingiallimento delle foglie e una deformazione tra i giovani germogli.

Mosca bianca

Sono piccoli insetti con una dimensione da 2 a 3 mm, bianchi come indica il loro nome, e vivono nella parte inferiore della foglia dove depongono le uova.

Stanno succhiando insetti che si nutrono del contenuto delle cellule fogliari e secernono melata. E, come gli afidi, producono l’ingiallimento delle foglie che finiscono per cadere.

ragni rossi

È un acaro molto piccolo (0,5 mm), che solitamente sfrutta la signora di notte quando si trova in un ambiente asciutto. È un parassita facilmente identificabile perché tesse ragnatele attorno al raccolto.

Si vedono spesso foglie legate a stoffa. Quando il parassita è diffuso, l’intera pianta è circondata da questo tessuto.

Il suo meccanismo d’azione è quello di succhiare e succhiare tutto il materiale vegetale, indebolendo e indebolendo così la pianta . Fai molta attenzione perché si trovano anche nella parte inferiore delle foglie, come la mosca bianca .

Caparreta nera o cocciniglia di fuliggine

Di colore bruno scuro, ha uno scudo duro; è un tipo di parassita molto pericoloso perché si raggruppa in colonie per nutrirsi della linfa delle piante .

Si stabilisce su foglie e germogli dei raccolti della signora durante la notte. Succhiano la linfa dalle parti verdi, provocando macchie clorotiche e deformazioni.

La principale malattia osservata in queste orchidee è la comparsa di macchie brune sulle foglie e sulle radici dovute all’attacco fungino (elevata umidità per lunghi periodi).

Lenzuola gialle

Nella signora della notte: significano che sta ricevendo molte annaffiature , quindi le foglie iniziano a perdere la loro brillantezza, a ingiallire , fino a cadere.

Questo problema è facilmente risolvibile, basta distanziare i tempi di irrigazione, e aspettare che il terreno sia un po’ più asciutto, per evitare di bagnare il terreno.

Signora della notte senza fiori

Quando il problema è che la pianta non fiorisce, è dovuto a due possibili cause; la prima ha a che fare con la potatura , la seconda con l’irrigazione e il compost .

Se la pianta non riceve abbastanza sole in tutti i rami, si indeboliscono gradualmente e perdono l’energia di cui hanno bisogno per prosperare.

La disattenzione con l’irrigazione e la concimazione del terreno influirà sulla quantità necessaria di sostanze nutritive per nutrire e tutta l’energia che usano per mantenere le loro foglie sempreverdi non è sufficiente per produrre anche i fiori così preziosi .

Perché vengono prodotti e quali rimedi ci sono?

Gli ambienti umidi e caldi che generalmente avvantaggiano le piante da appartamento sono preferiti anche da alcuni parassiti come afidi, mosche e cocciniglie.

D’altra parte, la mancanza di luce, l’eccesso di calore o l’eccesso di acqua sono anche ambienti che favoriscono la comparsa di parassiti e malattie nella signora durante la notte.

Tra le misure di sicurezza che si potrebbero adottare c’è quella di osservare attentamente la signora di notte per poter intervenire tempestivamente, in caso di rilevamento di eventuali pestilenze.

Inoltre, e una volta che i parassiti sono stati rilevati nella signora durante la notte, possono essere eliminati con un panno con acqua che lo passa attraverso le foglie o con un potente getto d’acqua, senza danneggiare le foglie.

Nella lotta curativa contro i parassiti e le malattie della signora della notte, può essere effettuato un trattamento con insetticidi speciali per combattere ogni piaga o un prodotto sistemico, ripetendolo più volte durante due o tre settimane.

Bibliografia e riferimenti

  • Roig y Mesa, Juan Tomás; (1945). Piante medicinali, aromatiche o velenose di Cuba. Volume I. Editoriale tecnico-scientifico. L’Avana Cuba.
  • Liogier, Alain H. (1990). Piante medicinali di Porto Rico e dei Caraibi . Iberoamericana de Ediciones. Madrid, Spagna.
  • Restrepo-S., Ana María; Echeverri, Fernando. (2005). Chimica della relazione tra l’insetto Epilachna mexicana (coccinelidae) e la sua pianta ospite Cestrum nocturnum (solanacee). SIU-Università di Antioquia. Medellín Colombia. Riprodotto da: http://matematicas.udea.edu.co/~actubiol/actualidadesbiologicas/25arestrepo.pdf
  • Bautista Baños, Silvia; Barrera Necha, Laura Leticia; Hernández Lauzardo, Ana Niurka; Velázquez del Valle, Miguel Gerardo; Alia Tejacal, Iran; Guillén Sánchez, Dagoberto. (2008). Polveri, estratti e frazioni di foglie di Cestrum nocturnum L. e loro attività antimicotica in due isolati di Fusarium spp. UDO Argícola Magazine. Universidad Autónoma del Estado de Morelos. Cuernavaca-Messico. Tratto da: https://www.researchgate.net/profile/Silvia_Bautista-Banos/publication/38107083_Powders_extracts_and_fractions_of_leaves_of_Cestrum_nocturnum_L_and_their_antifungal_activity_over_two_isolations_of_Fusarium_spp/links/00b4951a69394dcba2000000/Powders-extracts-and-fractions-of-leaves-of-Cestrum-nocturnum-L-and-their -attività-antimicotica-su-due-isolamenti-di-Fusarium-spp.pdf

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.