Suggerimenti

Potatura a margherita: [Importanza, tempo, considerazioni e passaggi]

La potatura delle margherite è un’operazione che ci aiuterà a rendere le fioriture più abbondanti e con caratteristiche migliori.

Servirà anche per eliminare tutte le parti che risultano danneggiate e che possono causare danni all’impianto.

Le margherite hanno la caratteristica di iniziare il loro ciclo di crescita e fioritura in primavera e di lavorare abbastanza velocemente. Questo invita ad effettuare potature molto più frequenti rispetto ad altri tipi di piante, anche se ne necessitano più ogni anno.

È un’azione che potrebbe essere considerata facile da eseguire ma è meglio fare attenzione a non danneggiarli e qui ti diremo oggi come farlo con successo.

Perché potare le margherite?

Ci sono due ragioni principali per cui è necessario potare le margherite: la salute delle piante e una migliore fioritura. Nel primo caso, l’idea è quella di rimuovere le parti danneggiate, secche, morte e che possono presentarsi in qualsiasi momento.

Nel secondo, viene promossa una migliore fioritura attuale stimolando nuove fioriture future. Un ultimo motivo, meno frequente, ha a che fare con il luogo in cui si trovano.

Se sono in vaso, ad esempio in terrazzo, la potatura diventa fondamentale per controllare la crescita poiché tendono ad espandersi rapidamente.

Quando è meglio potare le margherite?

La potatura della margherita può essere eseguita durante i periodi estivi e autunnali a seconda dello scopo previsto.

In estate servirà per aiutare il fiore pianta più e meglio e può essere eseguito subito dopo una fioritura è finita.

Questo perché la pianta è orientata a continuare il suo ciclo riproduttivo . Se questa procedura non viene applicata, entrerà in uno stato di quiescenza e la fioritura probabilmente culminerà. Cioè, ce ne sarà solo uno nell’anno.

In autunno è l’ideale rimuovere le parti danneggiate, perché in questo periodo la fioritura è già culminata e si possono accedere a germogli non sviluppati, foglie appassite, ecc. In questo modo la pianta avrà il tempo di riprendersi prima della prossima primavera .

Quali strumenti dovremmo usare per potare le margherite?

I margarita possono essere potati facilmente con le dita poiché la sua struttura è morbida e maneggevole. Se si utilizza questo metodo, è conveniente utilizzare guanti da giardinaggio che prevengano danni alle mani da irritazione. 

Per ottenere una maggiore efficienza di taglio, tuttavia, è consigliabile utilizzare piccole cesoie da giardino. Ricorda che è fondamentale disinfettarli prima e dopo averli utilizzati per evitare il trasferimento di malattie. Idealmente, usa l’alcol, ma se non ce l’hai, lavarli con il sapone sarà più che sufficiente.

 

Cosa dobbiamo tenere in considerazione quando potiamo le margherite?

Prima di potare le margherite in estate, è necessario rilevare la posizione dei boccioli dei fiori che crescono vicino alla base della pianta. Questi germogli aiuteranno la prossima fioritura, quindi non dovrebbero essere potati.

È essenziale prestare attenzione a questa raccomandazione. Nel caso della potatura autunnale, l’importante è verificare che la pianta abbia completato il suo ciclo di fioritura.

Come potare le margherite senza danneggiare la pianta?

Per evitare di provocare danni all’impianto, sarà necessario seguire questi passaggi:

  1. Rimuovere tutte le parti che sono in cattive condizioni . Sebbene sia consigliabile programmare una sola potatura all’anno per questo scopo, è possibile anche asportare le parti che appaiono secche o appassite come appaiono. Rimuovendone uno o due alla volta, la pianta non sembrerà dolorante.
  2. Regola gli steli in modo che siano tutti della stessa altezza e si rinnovino per offrire una nuova fioritura. L’ideale è fare in modo che tutti raggiungano circa 12 centimetri di altezza.
  3. Taglia i gambi che sono cresciuti fuori servizio o che si stanno dirigendo in una direzione diversa da quella voluta . In questo modo non solo stimolerai la nuova produzione di fiori ma la guiderai anche ad occupare l’area che hai stabilito.
  4. Nella potatura autunnale il processo deve essere più drastico e l’altezza della pianta deve essere ridotta a 60 centimetri, più o meno. Qui sarà necessario eliminare almeno la metà dei gambi, i fiori morti, le foglie appassite, ecc.

La buona notizia che ci danno le margherite è che hanno un processo di recupero molto veloce. Ciò significa che se sono nella stagione della fioritura, solo 20 giorni dopo la fine della potatura, ci regaleranno una nuova serie di bellissimi fiori.

Inoltre, le margherite sopportano più potature ad ogni ciclo, quindi non è necessario interrompere le fioriture.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.