Suggerimenti

Rame nelle piante: [Usi, Carenze, Vantaggi e Svantaggi]

Il rame è un micronutriente che svolge alcune funzioni vitali nella pianta ma è necessario in quantità molto basse .

È presente nel terreno a un livello benefico per le colture, anche se è sempre buona norma monitorare gli eccessi oi difetti delle stesse.

Come interagisce con altri micronutrienti, è fondamentale valutare lo stato di ognuno, operando con concimazioni adeguate.

Se vuoi saperne di più su questo argomento e, soprattutto, sapere come comportarti in situazioni legate a questo elemento, non smettere di leggere.

Cos’è il rame?

Il rame è un elemento chimico denotato dal simbolo Cu che fa parte della famiglia dei micronutrienti di cui le piante hanno bisogno per il loro sviluppo.

Una corretta quantità di rame nei tessuti vegetali porterà a piante più sane e una maggiore resistenza all’attacco di parassiti e malattie.

Quali fattori influenzano la risposta della coltura alla concimazione con rame?

Le concimazioni di rame nel terreno possono essere influenzate da diversi fattori come un alto livello di pH che porta ad uno scarso assorbimento .

È anche possibile che la competizione con altri nutrienti: come il fosforo o il potassio influisca sulla capacità della pianta di appropriarsene.

I terreni che contengono una maggiore quantità di materia organica godono di migliori livelli di rame , poiché è all’interno della materia organica che vive.

Anche la tessitura del terreno gioca un ruolo fondamentale in tutta questa questione, poiché quelli argillosi hanno una quantità maggiore di quelli sabbiosi .

Qual è il contenuto di rame nel terreno?

Il rame si trova naturalmente nel terreno, occupando un range di presenza che oscilla tra 0,05 e 0,5 ppm nei terreni poveri .

In quelli di qualità, questo intervallo può essere aumentato fino a raggiungere 70 ppm.

In generale, questa è una quantità sufficiente affinché le colture abbiano i valori necessari per i loro processi.

Quali vantaggi può avere un terreno ricco di rame?

  • Un terriccio ricco di rame aiuterà le piante a presentare una migliore consistenza nella loro struttura, conferendo loro durezza e resistenza .
  • Questo perché il rame funziona in funzione degli enzimi che regolano la lignina, che è la sostanza presente nelle cellule che svolgono questo lavoro.
  • Nelle piante che producono ortaggi e fiori commestibili , il rame è un ottimo supporto quando si tratta di ottenere un sapore migliore da essi.
  • Agisce in modo particolare nei processi metabolici della pianta che sono legati a proteine ​​e carboidrati.
  • E, sebbene in piccole proporzioni, svolge anche un ruolo nel processo di fotosintesi , oltre che nel processo respiratorio della pianta.

Quali sono gli svantaggi di un eccesso di rame nella terra?

  1. Il problema principale che sorge quando c’è un eccesso di rame nelle colture si manifesta nelle radici.
  2. Il rame può bruciare le punte delle radici, facendole crescere senza controllo ai lati.
  3. Le aree delle piante che stanno appena nascendo possono apparire più verdi del normale.
  4. Tuttavia, il rame impedisce alle piante di ottenere la quantità di ferro di cui hanno bisogno , quindi prima o poi si vedranno i sintomi della clorosi ferrica .
  5. Un fatto importante è che il rame non compete solo con il ferro, ma anche con altri nutrienti come zinco e molibdeno.
  6. Nei casi più avanzati, l’ eccesso di rame farà sì che la pianta produca più rami di quanto dovrebbe .
  7. E, sebbene il tasso di probabilità sia piuttosto basso, non si può perdere di vista il fatto che il rame è in grado di generare la perdita assoluta del raccolto.
  8. Per valutare se una pianta ha questo tipo di tossicità, è meglio effettuare uno studio del suolo, oltre che osservare gli ingredienti dei fungicidi .
  9. Nel caso in cui sia il fungicida che contiene rame e stia causando il problema, è necessario lavare le foglie prima di esplorare.

Quali colture e piante beneficiano maggiormente della presenza di rame nel terreno?

Tra le colture che più beneficiano della presenza del rame abbiamo alcuni alberi da frutto come la vite , il corbezzolo , il lampone e il mirtillo .

Nel campo degli ortaggi spiccano specie come aglio , cipolla , tra gli altri.

Molte specie ornamentali beneficiano anche di buoni livelli di rame, sebbene siano le più rare a causa del loro consumo medio basso.

In tutti questi casi, sebbene le concimazioni naturali siano date dal terreno stesso, la più comune è quella di utilizzare la via fogliare.

Ciò significa che viene utilizzato un fertilizzante specifico che viene sciolto in acqua e viene applicato insieme all’acqua di irrigazione, essendo il fogliame responsabile dell’assorbimento.

Come rileviamo la carenza o la carenza di rame nelle nostre colture e piante?

  1. Il rame ha la proprietà di essere un nutriente che rimane senza mobilità nelle piante.
  2. Ciò significa che la manifestazione di una carenza della stessa si noterà prima nelle nuove foglie .
  3. Il più comune è che si sviluppi clorosi, sebbene sia anche possibile che si generi un arricciamento fogliare.
  4. Se vengono mantenuti bassi livelli di rame, esiste la possibilità che le foglie emergenti si riducano di dimensioni.
  5. Una mancanza di rame influisce anche sulla brillantezza delle foglie e può farle appassire rapidamente.
  6. Se la pianta ha fiori ornamentali, è più probabile che i petali o le brattee siano di colori più opachi del normale .
  7. Il modo più comune per fornire rame alle piante e regolarne i livelli è con fertilizzanti micronutrienti.
  8. Tuttavia, in caso di necessità molto specifica, possono essere utilizzati anche chelati e solfati di rame.
  9. Naturalmente, per questo processo, occorre esercitare grande cautela per evitare che il deficit diventi un eccesso che ancora nuoce alla pianta.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.