Suggerimenti

Stratificazione dei semi: una guida completa a questo suggerimento sulla germinazione dei semi

Per molti anni ho coltivato piante da semi che sono facili da far germogliare. Ma man mano che mi sono interessato alle piante perenni più esotiche, ho continuato a trovare istruzioni per stratificare i semi.

Onestamente, all’inizio non sapevo nemmeno cosa significasse. Così ho ignorato le istruzioni. Purtroppo, pochissimi di quei semi sono germinati. Dopo aver sprecato tempo e denaro, ho finalmente deciso di andare a fondo di questo problema della stratificazione dei semi.

A quanto pare non è così complicato da fare. Ed è molto più facile farlo se si capisce perché alcuni semi hanno bisogno di essere stratificati per germogliare e quali condizioni daranno i migliori risultati.

Permettetemi di condividere con voi alcune delle cose che ho imparato nella mia ricerca per capire la stratificazione dei semi.

>


Cos’è la stratificazione dei semi?

La stratificazione dei semi è in realtà un trucco che facciamo per farli sentire come se fossero sopravvissuti all’inverno. Mettendo i semi in frigorifero o all’esterno in caso di freddo per un periodo di tempo, simuliamo l’esperienza dell’inverno.

Poi, quando togliamo i semi dal freddo e li trasferiamo in un luogo caldo, pensano che sia primavera. Dopo un po’ di tempo in un terreno caldo, dopo questo periodo freddo, i semi germoglieranno.


Perché laminare?

Questa è la definizione di base di
stratificazione dei semi, ma c’è molto di più da sapere per farlo bene.
Ad esempio, perché la natura fa dipendere alcune piante da
stratificazione e nessun altro?

La risposta breve è sopravvivenza .


Piante a clima caldo

Piante come pomodori, peperoni, basilico, amaranto e okra si sono evolute in climi caldi senza inverni rigidi. Pertanto, nel loro clima originale, anche se queste piante producono semi a fine estate e germinano subito dopo, queste piccole piantine non rischiano di morire durante le prime gelate.

Poiché i climi caldi non devono preoccuparsi del clima invernale, le piante possono continuare a crescere tutto l’anno. Possono produrre altri semi e ricominciare da capo in qualsiasi momento. Pertanto, i semi delle piante che provengono da climi caldi non hanno bisogno di essere stratificati.

Alcuni di questi possono richiedere la scarificazione, che è in realtà un altro modo per aiutare i semi a uscire dal loro letargo. Alcuni semi delle stagioni calde possono anche richiedere lunghi periodi di trattamento caldo e umido per stimolare la germinazione. Tuttavia, la stratificazione, cioè l’alternanza di temperature calde e fredde, è necessaria solo per le piante resistenti al freddo.


Impianti per il freddo

Per le piante che si sono evolute in luoghi con inverni freddi, il fatto che i semi germogliano in estate con le prime gelate dietro l’angolo potrebbe significare che la pianta non sopravvive abbastanza a lungo per creare più semi. Così, invece di far germogliare i semi quando non possono sopravvivere alle loro condizioni originali e produrre più semi, la natura ha costruito un meccanismo di sicurezza.

Questo meccanismo di sicurezza…
il requisito che il seme debba svernare prima di germogliare –
assicura che i semi non germineranno prima di raggiungere un
una possibilità di sopravvivere per fare più seme.


Scambio mondiale di semi

Questo sistema di dipendenza di alcuni semi dalla stratificazione è impressionante se solo queste piante vengono coltivate nel clima in cui si sono evolute. Tuttavia, a noi giardinieri piace comprare semi da piante che si sono evolute in tutto il mondo e farli crescere nei nostri ambienti molto diversi. Ci piace anche coltivarli quando vogliamo, anche se non è quando la natura ha progettato i semi per germogliare.

Per far crescere le piante dove e quando vogliamo, dobbiamo usare dei trucchi per far germogliare questi semi. È qui che entra in gioco la stratificazione dei semi.


Metodi di stratificazione

Ci sono due metodi principali di stratificazione. Si tratta di stratificazione a secco e a umido.


Stratificazione a secco

Per la stratificazione a secco, è sufficiente mettere il pacchetto di semi in frigorifero, o occasionalmente nel congelatore, per alcune settimane o mesi. I semi che beneficiano di questo metodo sono spesso adatti per terreni asciutti o inverni secchi.

Le erbe perenni resistenti al freddo e le piante del deserto hanno spesso bisogno di una stratificazione secca per ottenere buoni tassi di germinazione. Per determinare per quanto tempo la stratificazione deve asciugarsi, studiate il clima originale della pianta e cercate di avvicinarvi a queste condizioni nel vostro frigorifero e freezer.


Stratificazione dell’umidità

Per la stratificazione umida, i semi devono rimanere a contatto con un ambiente che trattiene l’umidità per settimane o mesi. La maggior parte delle piante coltivate in casa che hanno esigenze di stratificazione richiedono un trattamento a freddo umido. Per questo motivo ci concentreremo su questo nel resto dell’articolo.


Semi che necessitano di stratificazione a umido

Vi darò alcune nozioni di base per aiutarvi a identificare i semi di cui potreste aver bisogno, o che potrebbero beneficiare della stratificazione a umido. Ora, ci sono eccezioni ad ogni regola, quindi questi indizi non funzioneranno ogni volta. Ma questo vi darà un buon inizio.


Tipo 1: Foglie decidue o sempreverdi resistenti al freddo

Semi di piante perenni che 1) possono resistere al gelo e 2) hanno alcune parti della pianta in superficie che non muoiono in inverno tendono ad amare la stratificazione. Questo include piante decidue resistenti al freddo, semi-permanenti e perenni.

– Ore di refrigerazione

Ad esempio, i semi di alberi da frutta che richiedono un certo numero di ore di raffreddamento prima della fioritura: mela, mirtillo, ciliegio, ciliegio, pero, pesca, ecc. richiedono una stratificazione per ottenere buoni tassi di germinazione. D’altra parte, i semi degli alberi da frutta che non richiedono ore di raffreddamento e non sono molto resistenti al freddo, come il limone, il lime o l’avocado, non hanno bisogno di stratificazione per germogliare (anche se possono beneficiare della scarificazione).

– Piante della foresta temperata

Le piante che crescono naturalmente in un ambiente forestale temperato traggono vantaggio dalla stratificazione. Querce, pini, noci, acero, burro di noce, agrifoglio, ginseng, amamelide e molti altri ancora beneficiano della stratificazione a freddo.

– Stratificazione a lungo termine

Le piante di questo tipo necessitano generalmente di una stratificazione a freddo più lunga per avere un buon tasso di germinazione rispetto ai due tipi successivi. Di solito stratifico questo tipo di semi per 8-12 settimane per ottenere i migliori risultati.


Tipo 2: Piante perenni erbacee resistenti al freddo e autoalimentate

Le piante che muoiono completamente nel terreno e poi spuntano da sole in primavera, con alcuni amici appena piantati, spesso beneficiano della stratificazione a freddo. I papaveri sono il mio esempio preferito.

– Papaveri

Conosco diversi giardinieri che hanno cercato di piantare papaveri da seme perenne all’inizio della primavera senza successo. Poi, l’anno successivo, hanno un’esplosione di papaveri.

Infatti, se iniziate questi semi quando il terreno è già troppo caldo, i semi rimarranno semplicemente dormienti fino all’anno successivo, poi cominceranno a crescere prima.

– Eccezione: papaveri annuali

Si noti che alcuni papaveri, come quelli coltivati per i loro semi commestibili, sono annuali. Inoltre, beneficiano anche della stratificazione a freddo. (Ti ho promesso delle eccezioni, vero?)

– Fiori di campo

Anche le colombaie, i lupini, l’echinacea, le alghe e praticamente tutti i fiori selvatici perenni resistenti al freddo che sono autoseminati dalla natura traggono grande beneficio da un periodo di stratificazione a freddo.

– Erbe

Erbe come l’origano, la menta, l’issopo di anice e l’erba di San Giovanni hanno anche migliorato il tasso di germinazione attraverso il trattamento a freddo.

Eccezione: piante perenni coltivate come annuali

Le cipolle coltivate, la salsefrica, la cicoria, i porri e altre ancora rientrano in questa categoria eccezionale. In genere beneficiano della stratificazione, soprattutto se si cerca di piantarli fuori stagione. Tuttavia, non lo richiedono.

I suoi parenti selvatici, tuttavia, tendono ancora a richiedere la stratificazione per un buon tasso di germinazione.

– Stratificazione a medio termine

Con la stratificazione di piante erbacee perenni e piante resistenti al freddo per 4-8 settimane, il lavoro è di solito fatto.


Tipo 3: Biennali della stagione fredda con germinazione irregolare

La maggior parte dei semi biennali della stagione fredda beneficeranno anche della stratificazione. In particolare, i semi biennali con “germinazione irregolare” germoglieranno più uniformemente con un breve periodo di stratificazione.

I semi biennali a germinazione irregolare di solito hanno una caratteristica di sicurezza naturale in quanto ritardano la germinazione di una percentuale del seme di alcune settimane. Si tratta di una sorta di sicurezza naturale contro la germinazione di tutti i semi con un falso inizio di primavera e la morte per freddo.

– Apiaceae o famiglia delle Ombrellifere

Tra gli esempi ci sono verdure come carote, pastinaca e sedano. Anche le erbe come l’aneto e il prezzemolo e le spezie come la Nigella sativa e il cumino rispondono bene alla stratificazione.

– Stratificazione a breve termine

In questo caso, non si tratta di far credere ai semi di essere sopravvissuti a un lungo inverno. Invece, state facendo sperimentare ai semi uno schiocco di freddo e un ritorno alla primavera.

Poiché queste biennali di solito richiedono solo una o due settimane di stratificazione a freddo prima di essere piantate in terreni caldi per ottenere buoni tassi di germinazione.


Eccezioni

>Come ho detto, queste sono guide utili per aiutarvi a capire quando i semi possono aver bisogno di essere stratificati. Ma, è sempre una buona idea fare qualche ricerca specifica per trovare raccomandazioni dettagliate di stratificazione per la pianta che si sta partendo dal seme.

Esperti nella coltivazione di alcune piante hanno sviluppato tecniche per migliorare la germinazione che sono più complete delle tecniche di base sopra descritte. Per esempio, i coltivatori di Hellebores vi diranno che questi semi hanno effettivamente bisogno di diversi periodi di stratificazione alternata di caldo e freddo per germogliare.


Come stratificare i semi umidi a freddo

>Ora che sapete perché la stratificazione dei semi è necessaria per alcune piante, e avete qualche indizio su quando potrebbe essere necessaria, esaminiamo alcuni metodi di stratificazione a freddo e a umido.


Opzione 1: Sovrapposizione di frigoriferi

Il metodo più comune per la lavorazione dei semi a freddo è la stratificazione a freddo umido mediante refrigerazione. Si tratta essenzialmente di bagnare una qualche forma di mezzo, mettendo i semi in un contenitore nel mezzo, e poi mettere il contenitore nel frigorifero.


Mezzi di stratificazione

Si può bagnare la sabbia, la torba, i semi senza terra
mix iniziale, batuffoli di cotone, filtri per il caffè, asciugamani di carta, o anche
utilizza solo acqua corrente come mezzo. L’importante è
evitare che il substrato si stampi durante tutto il processo di laminazione
e questo è tutto.

– Terreno medio

Se si utilizza torba, sabbia, sabbia o
terra, o mix di semi senza terra, si desidera aggiungere solo abbastanza di esso.
acqua che sia abbastanza bagnata da formare una palla, ma non
che sgocciola con l’acqua. Il raggiungimento di questo tipo di coerenza riduce
potenziale di muffa in questi mezzi di comunicazione.

– Prodotti di carta o cotone

Quando si usano prodotti di carta o batuffoli di cotone, usare uno spray per bagnare il supporto fino a saturazione, ma non renderlo sopportabile. Si possono anche immergere e poi torcere delicatamente questi oggetti per dare loro una buona consistenza bagnata per cominciare.

– Acqua

Potete anche mettere i vostri semi in acqua, per esempio riempiendo il fondo di un vaso in muratura o un sacchetto di plastica sigillato. Questo funziona bene finché il vostro frigorifero non si raffredda troppo. Controllare la temperatura dell’acqua per assicurarsi che rimanga al di sopra dei 40º F.

Questo metodo funziona generalmente più velocemente degli altri e può portare alla germinazione in acqua. Pertanto, sarà necessario monitorare le piantine. Poi trasferirli immediatamente su un terreno caldo in condizioni di crescita ideali.


Fasi per la stratificazione in frigorifero

Ora che conoscete le vostre opzioni per
i mezzi da utilizzare, la base per la stratificazione è la stessa per tutti
i media.

Fase 1: Aggiungere i semi

Scegliere un contenitore come un sacchetto di plastica sigillabile, un contenitore di plastica o un barattolo in muratura per la stratificazione. Coprite i vostri semi con il vostro mezzo. Poi chiudere il contenitore e metterlo in frigorifero.

Potete anche mettere i vostri semi in sacchetti di rete e mettere questi sacchetti al centro. In questo modo è possibile stratificare diverse varietà di semi nello stesso contenitore e rimuovere facilmente i semi per il mantenimento della muffa (vedi sotto).

Per i supporti senza terra, sono sufficienti uno o due pollici sul fondo del contenitore. Per la carta, due o tre strati funzionano bene per garantire un contenuto di umidità costante. Per i batuffoli di cotone, inserire i semi tra i batuffoli di cotone.

Fase 2: Monitoraggio dell’umidità

Mantenete l’ambiente umido per tutta la durata del
periodo di stratificazione. È possibile utilizzare una cannuccia, un contagocce o uno spray
per inumidire delicatamente il vostro supporto, se necessario.

Fase 3: Ispezionare la presenza di muffa

La sfida più grande della stratificazione è quella di evitare che l’ambiente venga modellato. L’ispezione quotidiana dei vostri semi per verificare la presenza di segni di crescita di muffe è essenziale per proteggerli dalle infezioni fungine.

– Fungicidi

Alcune persone usano un fungicida come il Captan sul loro vettore o spruzzato sui loro semi per ridurre il rischio di muffa. I fungicidi riducono la muffa. Tuttavia, possono anche scatenare il caos se si coltivano piante organiche.

Questi fungicidi penetrano nel mantello del seme e sono presenti nella piantina. Questo fungicida residuo può limitare la capacità della pianta di formare connessioni micorriziche nel terreno dopo l’impianto. In quanto tale, le prestazioni dell’impianto possono essere influenzate negativamente.

– Aria fresca

Personalmente, penso che sia meglio evitare i fungicidi. Invece, prendo il mio contenitore dal frigorifero e lo apro ogni giorno per far entrare e uscire aria fresca. Secondo la mia esperienza, sembra che basta dare al contenitore una boccata d’aria fresca al giorno per eliminare il rischio di muffa per un massimo di tre mesi.

– Manutenzione media

Se il vostro medium mostra segni di muffa, togliete immediatamente i semi, sciacquateli con acqua fredda e trasferiteli in un nuovo medium. Se uno dei vostri semi è ammuffito, gettatelo via.

Fase 4: Piantare

Una volta che i vostri semi hanno trascorso abbastanza tempo in un clima freddo simulato, potete trasferirli nel vostro terreno di coltura. Quando il terreno raggiunge le temperature ideali di germinazione, i vostri semi stratificati crederanno che la primavera è arrivata e germoglieranno senza difficoltà.


Opzione 2: Sovrapposizione del vaso esterno

Se vivete in un clima simile a quello originale della vostra pianta, potete anche riempire un piccolo vaso con terra sterile o una miscela di semi non sporca. Poi, spingete i vostri semi circa un centimetro sotto la superficie per evitare che gli uccelli li raggiungano e per limitare la luce.

Mantenete l’erba in un luogo ombreggiato e protetto. Poiché la temperatura non sarà così costante nel vostro frigorifero, potreste voler concedere qualche settimana in più di stratificazione per garantire la germinazione.

Inoltre, come per la stratificazione di un frigorifero, è necessario mantenere l’ambiente umido e privo di muffe fino alla fine del periodo di stratificazione. Se avete una giornata sorprendentemente calda, vorrete anche spostare il vostro barattolo in un luogo più fresco, per evitare che i barattoli che si rompono si congelino.

Rimuovere lo strato superiore del terreno di coltura in modo che i semi siano appena sotto la superficie quando si sposta il vaso in condizioni calde per la germinazione.


Opzione 3: Sovrapposizione naturale

La stratificazione naturale funziona solo se le piante che state cercando di far crescere germinano naturalmente nel vostro clima. Ad esempio, se state cercando di coltivare un giardino di fiori selvatici autoctoni, potete preparare del terreno, spargere dei semi in autunno e poi lasciarli germogliare naturalmente in primavera e all’inizio dell’estate.

Se è possibile utilizzare la stratificazione naturale,
vorrai fare qualche passo in più per essere sicuro di ottenere un voucher.
il tasso di sopravvivenza dei semi.

– Inizia in autunno

La stratificazione dei raffreddatori è estremamente controllata. La stratificazione naturale varia a seconda del clima. Ad esempio, la stratificazione naturale richiede più tempo della stratificazione in frigorifero.

Per ottenere i migliori risultati, iniziare a piantare in autunno dopo che il terreno si è raffreddato.

– Seme

Gli uccelli, i parassiti e gli insetti della terra si nutrono di semi in inverno per sopravvivere. La maggior parte delle piante mette molti più semi di quelli necessari per la sopravvivenza, perché la natura si aspetta che molti di questi semi vengano mangiati o non germinino.

Pertanto, si vorrà supervisionare per assicurarsi che almeno alcuni di questi semi ottenere attraverso l’inverno senza diventare cena per qualcosa.

– Piantare i semi in superficie

Anche la natura deposita i semi sul terreno e poi lascia il tempo di colpirli. In questo modo i semi sono alla giusta profondità per sperimentare tutti gli alti e bassi dell’inverno e hanno ancora abbastanza luce per germogliare quando la temperatura del suolo si riscalda.

Vorrai riprodurlo a casa.
Per iniziare, basta coprire leggermente i semi con del terriccio. Lasciate fare alla natura
…riposo.

– Utilizzare le coperture delle file

È inoltre possibile utilizzare coperture in tessuto per proteggere l’appezzamento fino all’inizio della germinazione. Le coperture delle file possono scoraggiare gli animali da tana (ad esempio, il vostro cane da compagnia) dal disturbare il terreno e ridurre il numero di uccelli che mangiano i loro semi.

Potete semplicemente appoggiare le coperture delle file sul terreno e caricarle con terra o pietre. Posizionando le coperture dell’andana direttamente sul terreno, esse offrono una protezione leggermente maggiore contro l’umidità rispetto a quelle sparse sui cerchi.

– Acqua occasionale

La natura non beve sempre. Ma la natura non ha le stesse precise aspettative di germinazione che abbiamo noi umani. Pertanto, anche se vi stratificate naturalmente, vorrete annaffiare i vostri semi e il terreno durante i periodi di siccità, quando il terreno non è ghiacciato, per garantire la germinazione nel primo anno.


Conclusione

Ogni volta che approfondisco il “perché” del giardinaggio, il mio legame e il mio apprezzamento per la natura si approfondiscono. Trovo anche che le mie capacità di giardiniere vadano ben oltre il semplice seguire le istruzioni.

La natura è piena di trucchi e strumenti incredibilmente intelligenti per garantire la sopravvivenza delle piante. Il requisito della stratificazione dei semi è solo uno dei tanti. Spero che questa piccola incursione nella stratificazione dei semi abbia contribuito ad approfondire il vostro stupore per la bellezza e l’intelligenza della natura, come ha fatto per me.

Possano tutti i semi piantati per il vostro giardino, e nella vostra mente, germogliare nel tempo e ad una velocità incredibile!

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *