Zucchero di canna da zucchero

Cura della canna da zucchero – Informazioni sulle piante di canna da zucchero e consigli per la coltivazione

La canna da zucchero è una specie di erba perenne della famiglia delle Poaceae che cresce ai tropici. Questi steli fibrosi e ricchi di zucchero non possono sopravvivere nelle regioni con inverni freddi. Come sono cresciuti? Scopriamo come viene coltivata la canna da zucchero.


Informazioni sul Centro di Zucchero

Erba tropicale originaria dell’Asia, la canna da zucchero è coltivata da oltre 4.000 anni. Il suo primo utilizzo fu come “canna da masticare” in Melanesia, probabilmente in Nuova Guinea, del ceppo indigeno Saccharum robustum . La canna da zucchero è stata poi introdotta in Indonesia e nel Pacifico dai primi abitanti delle isole del Pacifico.

Durante il XVI secolo, Cristoforo Colombo portò nelle Indie Occidentali le piante di canna da zucchero e il ceppo autoctono si sviluppò in Saccharum officinarum e altre varietà di canna da zucchero. Oggi, quattro specie di canna da zucchero si intrecciano per creare le canne giganti che vengono coltivate per la produzione commerciale e rappresentano circa il 75% dello zucchero del mondo.

La canna da zucchero era un tempo un’enorme coltura da reddito per le regioni del Pacifico, ma ora è coltivata più spesso per i biocarburanti nei tropici americani e asiatici. La coltivazione della canna da zucchero in Brasile, il più grande produttore di canna da zucchero, è abbastanza redditizia, in quanto gran parte del carburante per auto e camion viene trasformato in etanolo dalle piante di canna da zucchero. Sfortunatamente, la coltivazione della canna da zucchero ha causato danni ambientali significativi nei pascoli e nelle aree forestali, poiché i campi di canna da zucchero sostituiscono gli habitat naturali.

La coltivazione della canna da zucchero copre circa 200 paesi che producono 1.324,6 milioni di tonnellate di zucchero raffinato, sei volte di più della produzione di barbabietole da zucchero. Tuttavia, la canna da zucchero non viene prodotta solo per lo zucchero e i biocarburanti. Le piante di canna da zucchero sono coltivate anche per la melassa, il rum, la soda e la cachaca, lo spirito nazionale del Brasile. I resti di canna da zucchero dopo la spremitura sono chiamati bagassa e sono utili come fonte di combustibile per la combustione di calore ed elettricità.


Come coltivare la canna da zucchero

Per coltivare la canna da zucchero, è necessario risiedere in un clima tropicale come le Hawaii, la Florida e la Louisiana. La canna da zucchero è coltivata in quantità limitate in Texas e in alcuni altri stati della costa del Golfo.

Poiché tutte le canne da zucchero sono ibride, la canna da zucchero è piantata con steli ottenuti da una pianta madre di una specie favorevole. Questi a loro volta germinano, creando cloni geneticamente identici alla pianta madre. Poiché le piante di canna da zucchero sono multi-specie, l’utilizzo di semi per la propagazione darebbe luogo a piante che si differenziano dalla pianta madre; pertanto, viene utilizzata la propagazione vegetativa.

Sebbene l’interesse per lo sviluppo di macchinari per la riduzione del costo del lavoro sia stato forte, in generale, la semina a mano avviene dalla fine di agosto a gennaio.


Cura della canna da zucchero

I campi di canna da zucchero vengono ripiantati ogni due o quattro anni. Dopo il primo anno di raccolta, la seconda serie di steli, chiamata sape, inizia a crescere da quella vecchia. Dopo ogni raccolto di canna da zucchero, il campo viene bruciato fino a quando il livello di produzione non diminuisce. In quel momento, il campo sarà arato e il terreno sarà preparato per una nuova coltura di canna da zucchero.

La cura della canna da zucchero viene fatta con il raccolto e gli erbicidi per controllare le erbacce nella piantagione. Una fertilizzazione supplementare è spesso necessaria per una crescita ottimale delle piante di canna da zucchero. A volte l’acqua può essere pompata fuori dal campo dopo forti piogge, e a sua volta pompata indietro durante le stagioni più secche.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *