Funghi

Stephanocisti dello strobilurus

Caratteristiche macroscopiche

Caratteristiche:

Cappello piccolo, di appena 2 o 3 cm di diametro, di colore bruno-rossastro, prima svasato, poi piano-convesso. Di solito ha un piccolo mamellone al centro, il margine è curvo e non striato, la cuticola liscia e non separabile.

Lenzuola bianche o leggermente cremose, non molto strette e un po’ tortuose, rispetto al piede sono dnate o addirittura libere in alcune occasioni.

Piede lungo in relazione al diametro del cappello, bruno-rossastro in basso, più leggero in prossimità delle lame. È cilindrica e di solito centrale, anche se può essere in qualche modo ricurva.

Carne biancastra di consistenza un po’ elastica, non molto spessa, con un leggero odore fungino, non molto avvertibile, e un sapore dolce.

Habitat:

Questo fungo è esclusivamente primaverile, appare in modo gregario apparentemente a terra, ma in realtà su ananas sepolti, abbastanza frequente.

Commenti:

Si può gustare come dolce, ma non è troppo attraente per la cucina, tuttavia è una specie primaverile commestibile poco conosciuta. Tutti gli Strobilurus devono il loro nome al fatto che crescono su pini e abeti rossi in modo saprofita. Il suo sapore dolce e i suoi toni rossastri lo distinguono dallo Strobilurus tenacellus tenacellus un po’ amaro.

Ulteriori informazioni:

  • Nome comune:
    Bolet de pinya.
  • Sinonimo:
    Collybia stephanocystis Kühner & Romagn.

Tassonomia:

  • Divisione:
    Basidiomycota
  • Suddivisione:
    Basidiomicotina
  • Classe:
    Omobasidiomiceti
  • Sottoclasse:
    Agaricomycetidae
  • Ordine:
    Tricholomatals
  • La famiglia:
    Marasmiaceae

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.