piante d'appartamento

Palme da interno: nomi, caratteristiche, cure e foto

Le foglie delle palme sono davvero decorative, sia per i loro toni verdi che per le loro forme più larghe o sottili ma sempre allungate o addirittura allungate ma unite a formare una palma o una foglia più arrotondate.

Se vuoi decorare la tua casa con una pianta sorprendente che copre gli spazi vuoti senza bisogno di molte cure, in EcologíaVerde, ti diremo quali sono le palme da interno che possono servirti. Inoltre, abbiamo incluso ulteriori informazioni su come prendersi cura delle palme da interno, dove vedrai suggerimenti di base come quale fertilizzante per le palme da interno dovresti usare per iniziare a coltivarle a casa. Quindi continua a leggere per scoprire queste 10 palme da interno e molto altro.

Chamaedorea elegans o camadorea

Iniziamo la nostra lista di una delle specie più popolari utilizzate per la decorazione d’interni. La camadorea o palma da salotto (Chamaedorea elegans) ha foglie bifide di colore verde chiaro che possono tendere al grigiastro, molto simili a quelle delle foglie di bambù. Sebbene di solito non crescano oltre i 3 metri di altezza, è consigliabile tenerne conto quando si decide su questo tipo di palma da interno. La sua coltivazione in vaso è molto semplice, basta posizionarla in un luogo dove riceva luce solare indiretta e annaffia regolarmente.

In questo altro articolo vi raccontiamo di più sulla Cura della Chamaedorea.

Phoenix roebelenii o palma nana

Un’altra delle palme ornamentali da interno è quella detta anche palma nana (Phoenix roebelenii) nonostante possa raggiungere quasi i 5 metri di altezza se piantata a terra e in una vasta area.

Normalmente, questo tipo di palma crescerà al massimo 2 metri e dovrà essere collocata in un luogo ben illuminato e ricevere 2 dosi di irrigazione a settimana. Questa famosa palma non tollera bene i ristagni d’acqua, quindi devi stare attento e assicurarti che il contenitore in cui la coltivi abbia un buon drenaggio.

Dypsis lutescens o areca

Uno dei tipi di palme da interno a più steli o in grado di dividersi in più steli. La sua altezza è solitamente di circa 3 metri al massimo, ma è noto di esemplari che hanno raggiunto fino a 6 metri. Come per la specie precedente, quella nota anche come palma di bambù, deve trovarsi in un luogo ben illuminato, ma lontano da correnti d’aria. Per quanto riguarda l’irrigazione per la palma areca o (Dypsis lutescens), si dovrà annaffiare al massimo 2 volte a settimana e 3 volte se l’estate è iniziata.

In questo altro post puoi saperne di più sulla cura della palma areca.

Archontophoenix alexandrae o palma di Alejandra

C’è una varietà di palma Alejandra (Archontophoenix alexandrae) che può essere coltivata in vaso. Questa palma originaria dell’Australia ha foglie pennate che sono verdastre nella parte superiore e glauche nella parte inferiore. È una delle palme decorative da interno più apprezzate per le sue infiorescenze e i frutti di colore rossastro. Necessita di diverse dosi di irrigazione a settimana poiché non tollera bene la siccità. Allo stesso modo, è anche importante assicurarti di averlo in un contenitore ben drenato e posizionarlo in un luogo semi-ombreggiato.

Howea forsteriana o kentia

Sebbene la kentia (Howea forsteriana) sia una palma in grado di raggiungere i 15 metri di altezza, può essere coltivata anche in vaso poiché il suo gambo solitamente non supera i 15 centimetri di spessore. È una specie a crescita lenta che necessita di essere collocata in un luogo dove riceva la luce solare per almeno alcune ore al giorno. Naturalmente ricordate che se lo lasciate esposto per lungo tempo potrebbe perdere il colore delle sue foglie e subire scottature su di esse. Innaffialo 1-2 volte a settimana.

In quest’altra guida puoi saperne di più sulla cura della palma kentia.

Adonidia merrillii o palma di Natale

Il suo nome comune, palma di Natale (Adonidia merrillii), deriva dai suoi frutti rossi che compaiono proprio durante le festività natalizie. Capace di crescere fino a 5 metri e con uno stelo di circa 25 cm di spessore, questa palma da interno a crescita lenta richiede poche cure per crescere in modo ottimale durante tutto l’anno: annaffiala moderatamente e posizionala in un luogo dove non riceva luce solare diretta. strada.

Caryota mitis o palma a coda di pesce

Proveniente dal sud-est asiatico, è una delle piccole palme da interno più utilizzate per decorare gli spazi e dare alla nostra casa un tocco esotico grazie alle sue curiose foglie verde scuro e lucente. La palma a coda di pesce in vaso (Caryota mitis) di solito non supera i 2 metri di altezza. Non resiste bene nemmeno al gelo, quindi ti consigliamo di posizionarlo in un luogo umido dove riceva la luce solare diretta.

Licuala grandis o totuma

La palma da interno comunemente nota come totuma e scientificamente come Licuala grandis, è anch’essa a crescita lenta, di solito non supera i 3 metri di altezza ed ha uno stelo di non più di 6 centimetri di spessore. Si consiglia di posizionarlo in un luogo luminoso e spazioso, annaffiare almeno due volte a settimana e aumentare la dose durante i mesi estivi.

Raphis excelsa o palmerita cinese

Un’altra delle specie di palme da interno resistenti a più o più steli. L’altezza massima della palmerita cinese (Raphis excelsa) è solitamente di circa 5 metri, ha foglie palmate e preferisce essere in luogo ben illuminato. Devi solo assicurarti di coltivarlo in un contenitore ben drenante e annaffiare almeno due volte a settimana.

Cocos nucifera o albero di cocco

Concludiamo la nostra lista con la palma conosciuta come l’ albero di cocco (Cocos nucifera), perfetta per creare un’atmosfera tropicale nella nostra casa grazie alla forma e al colore delle sue foglie. L’albero di cocco deve essere posizionato in un angolo dove riceva la luce solare diretta e una dose di irrigazione a settimana, tranne nei mesi estivi quando dovresti aumentarlo.

Qui puoi scoprire di più sui diversi tipi di palme.

Cura delle palme indoor

Dopo aver conosciuto questi tipi di palme da interno e i loro nomi, ti consigliamo di imparare un po’ su come prenderti cura delle palme da interno:

  • Illuminazione: in generale si può dire che le palme da interno hanno bisogno di ricevere la luce solare almeno per alcune ore al giorno. Pertanto, ti consigliamo di posizionarlo sempre vicino a una finestra.
  • Irrigazione: sarà sufficiente annaffiarli almeno una volta alla settimana e utilizzare, se possibile, acqua senza calce. Il modo migliore è mettere un piattino d’acqua sotto la pentola per almeno 10 minuti.
  • Abbonato: ti consigliamo di pagare le tue palme da interno una volta iniziata la stagione di crescita. Questo di solito include i mesi dalla primavera all’autunno. Usa sempre fertilizzanti naturali.
  • Trapianto: è necessario eseguire un trapianto ogni primavera. Per fare questo, usa un contenitore più largo di almeno 4 centimetri rispetto al precedente e piantalo in una miscela di substrato universale mescolato con perlite. Ricorda che la pentola deve avere un buon drenaggio per evitare ristagni d’acqua.

Dopo aver visto queste immagini di palme e aver conosciuto specie che, sebbene possano essere molto grandi in natura, possono trovarsi in grandi vasi al chiuso, ti invitiamo ad ampliare queste conoscenze di base sulla cura delle palme con questa guida EcologíaVerde.

Se desideri leggere altri articoli simili a Palme da interno: nomi, caratteristiche, cura e foto, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Piante d’appartamento.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.