Piante

Guida alla coltivazione della Syringa vulgaris

Se nel nostro giardino abbiamo un piccolo foro riservato ad un albero magnificamente fiorito, nell’elenco comparirà la specie Syringa vulgaris, comunemente nota come lilla o lilla comune. Se c’è qualcosa per cui questo piccolo albero si distingue è per l’inebriante fioritura dai colori rosa durante la primavera, al punto che è stato considerato il fiore di stato dello Stato del New Hampshire (USA).

In questa guida vi raccontiamo quali sono le caratteristiche principali della Syringa vulgaris o lilo, nonché le cure che dobbiamo riservarle nel nostro giardino. Include l’apprendimento del controllo dell’umidità del suolo con l’irrigazione, la concimazione primaverile ed estiva, la potatura e molto altro.

Caratteristiche dell’albero ornamentale Syringa vulgaris

La Syringa vulgaris è considerata un piccolo arbusto o albero, ampiamente utilizzato in tutto il mondo per il suo aspetto ornamentale. Principalmente, ciò che spicca di più è la sua caratteristica fioritura, simile per volume e tonalità di colore al genere Prunus (mandorlo, pesca, albicocca, ecc.). Inoltre, questi fiori sono molto aromatici e attirano un gran numero di insetti impollinatori.

Questo albero è ampiamente utilizzato nei parchi e nei giardini cittadini, dove si possono trovare sottovarietà o cultivar che giocano con fiori dai toni biancastri o addirittura giallastri (molto appariscente è anche la cultivar ‘Aurea’).

La Syringa vulgaris è ampiamente coltivata come specie ornamentale praticamente in tutte le aree d’Europa, sebbene sia presente anche negli Stati Uniti. La sua taglia è piccola, come abbiamo accennato, con specie adulte che non superano i 4 metri di altezza, in termini generali.

Nomi comuni:  lilo, lilla o lilla comune.

aspetto ad albero

È considerato un piccolo albero, ma non si distingue per avere un solo tronco. Le specie che non vengono potate generano spesso più steli dalla base, comportandosi come un grande cespuglio. Legno grigio, flessibile e liscio negli esemplari di età inferiore ai 5 anni, con foglie grandi, di colore verde brillante (simili a quelle del genere Pyrus) e con un’elevata densità di fogliame in primavera ed estate.

fiori e frutti

La cosa più attraente di questo albero a foglie caduche (perde le foglie al freddo) è la sua fioritura. Questi hanno una base tubolare (tubolare) e sono di piccole dimensioni. Si tratta di una corolla che può raggiungere 1 cm di lunghezza con lobi un po’ più piccoli. A seconda della cultivar, troviamo sfumature di giallo, bianco o rosa, quest’ultimo colore è il più comune.

I frutti  sono formati da una specie di capsula di colore bruno e di aspetto secco, con una lunghezza di circa 2 cm. La cosa più curiosa del frutto è che è diviso in 2 fino a metà della lunghezza del frutto. In questo modo guadagna in aerodinamica e ne consente la moltiplicazione e la distribuzione più facilmente.

Cura principale della Syringa vulgaris

Conosceremo la cura principale della Syringa vulgaris quando la coltiviamo nel nostro giardino. Prevediamo che sia una specie robusta e facile da coltivare, avendo cura del luogo iniziale in cui piantiamo il nostro lillà e controllando l’umidità del terreno per ottenere una fioritura spettacolare.

Posizione e tempo

L’ambiente perfetto per il nostro albero di Syringa vulgaris è in un ambiente soleggiato, situato anche in pieno sole, anche se tollera diverse ore al giorno di mezz’ombra. L’ideale per ottenere una magnifica fioritura in primavera e in estate è, in generale, un ambiente con una buona illuminazione.

Questo albero tollera molto bene il freddo, poiché la sua origine è dell’area balcanica e, da lì, si è diffuso in altre zone d’Europa con inverni freddi. Senza foglie o fiori, tollera temperature gelide fino a -10 ºC e anche un po’ di più. Tuttavia, con i fiori, devi tenerlo lontano dal freddo.

Per ottenere un numero di fiori molto vistoso e grande, questo albero ha bisogno di trascorrere un inverno con condizioni fredde. Il termine tecnico è freddo ed è comune negli alberi da frutto del genere Prunus. Nel nostro caso, la Syringa vulgaris appartiene alla famiglia delle Oleaceae, ma si comporta in modo simile a questi alberi da frutto.

caratteristiche del suolo

Albero abituato a terreni calcarei, con pH maggiore di 7,5. Gli ambienti acidi compromettono lo sviluppo delle radici. Per la sua coltivazione, cercheremo una condizione del suolo ideale con un buon drenaggio ma una certa conservazione dell’umidità. Raggiungiamo questa disparità aggiungendo periodicamente materia organica, offrendo maggiore spugnosità e rilascio di nutrienti per un terreno argilloso.

Contributo di sostanza organica

Si consiglia di aggiungere tra 3 e 4 kg di materia organica ben miscelata alla buca di impianto. Inoltre, ogni anno o ogni 2 anni contribuiremo con lo stesso importo all’albero piantato, distribuendo il compost attorno ai fusti principali e coprendo l’intera area della chioma. L’umidità ambientale e l’irrigazione avranno il compito di rilasciare i nutrienti naturali della materia organica, favorendo anche lo sviluppo di una microbiologia benefica per le radici.

Irrigazione della Syringa vulgaris

Offre una certa tolleranza alla siccità, anche se bisogna controllare l’acqua fornita, soprattutto nei mesi primaverili ed estivi, dove offre fogliame intenso (fiori e foglie) che perde molta acqua quando le temperature sono molto calde.

Un programma di irrigazione tipico per Syringa vulgaris è il seguente:

  • Irrigazione in primavera e in estate:  da 3 a 4 annaffiature a settimana
  • Irrigazione in autunno e inverno:  da 1 a 2 annaffiature a settimana senza precipitazioni.

Il solito modo per annaffiarlo in giardino è utilizzare un sistema di irrigazione a goccia. Per un alberello come il lillà comune, è consuetudine posizionare 1 irrigatore da 4 L/h.

Pertanto, l’irrigazione sarà da 40 a 60 minuti in primavera e in estate e da 30 a 40 minuti in inverno. Questa variazione dipenderà da come viene creato il bulbo umido nel terreno (a seconda della sua consistenza) e dalle temperature atmosferiche.

Abbonato

Il lillà comune è una specie di albero che consuma molta energia in primavera. Emette molti nuovi steli e una fioritura di grande volume e densità. Per questo, oltre al periodico apporto di sostanza organica che andremo ad effettuare a metà autunno, si consiglia l’applicazione di concimi minerali all’inizio della primavera, in pre-fioritura.

Se non disponiamo di apparecchiature per l’iniezione di fertilizzanti liquidi (venturi), il modo più semplice per fornire nutrienti alla Syringa vulgaris è attraverso il fertilizzante granulare. Una formula generica che funziona molto bene per questo tipo di alberi da fiore è NPK 12-8-16 con magnesio e micronutrienti, fornendo tra 200 e 300 grammi per albero all’inizio della primavera e ripetendo l’applicazione a metà estate.

Con questi apporti aggiunti a quelli che daremo con la sostanza organica, basterà a coprire tutti i nutrienti di cui il nostro lillà comune ha bisogno, garantendo una fioritura spettacolare se l’adattamento climatico è totale.

Moltiplicazione

Esistono diversi modi per ottenere nuove specie, la più comune è la talea e la stratificazione, anche se può essere moltiplicata anche per semi.

Germinazione dei semi

Le piantine ottenute per seme presenteranno differenze rispetto alla pianta madre. Poiché questi semi cadono a terra in inverno, necessitano di un periodo di stratificazione fredda, che dura dai 40 ai 60 giorni (praticamente 2 mesi di freddo inverno) con temperature comprese tra 4-6 ºC.

Da qui e alla fine dell’inverno o all’inizio della primavera, i semi vengono seminati in un vaso con substrato umido e posti in mezz’ombra.

talee

Le talee più funzionali per la moltiplicazione della Syringa vulgaris vengono selezionate in primavera e in estate, e saranno germogli verdi dello stesso anno. Ne tagliamo uno che vediamo forte e sano, con una lunghezza di 10-15 cm. Portiamo questo gambo in una pentola con metà substrato universale e metà fibra di cocco, mantenendo una leggera umidità per tutto il periodo.

Per questo comune taglio di lillà, si consiglia l’uso di un qualche tipo di stimolante delle radici.

gomiti

Con la stratificazione si ottengono nuove piante da rami giovani di circa 1 anno, ottenendo pochi esemplari ma essendo una tecnica sicura ed efficace con un’alta probabilità di successo.

La stratificazione può essere eseguita in primavera, su legno giovane (1-2 anni).Da un ramo si rimuove un anello di corteccia lungo diversi cm (da 3 a 4 cm), esponendo la parte interna del ramo Abilmente, ricopriamo quell’anello con un sacchetto contenente supporto universale inumidito, al riparo dalla luce (si consiglia di utilizzare un sacchetto nero).

Il processo di radicazione per margotta è più lento del taglio, richiedendo un minimo di 2 mesi per la produzione delle prime radici. Non appena vedremo che la parte aerea si muove, producendo nuovi germogli e foglie, sarà segno che le radici stanno lavorando.

potatura

Non è consuetudine potare il lillà comune, anche se in inverno, quando i rami sono privi di foglie, è comune asportare i rami storti, diretti verso il centro o con danni visibili. In generale si parla di pulizia della potatura.

Effettueremo anche un’altra potatura di pulizia durante l’estate e al termine di essa, poiché nella tazza rimangono foglie e fiori secchi, che è consigliabile asportare per garantire la salute delle piante del lillà comune.

In primavera, dopo la fioritura dei lillà, bisogna togliere quei fiori che sono secchi o che sembrano appassiti, così come i rami secchi e quelli invecchiati.

La potatura generosa è complicata e consigliata solo agli esperti del settore, poiché la maggior parte dei rami contiene boccioli di fiori che formeranno i futuri fiori della campagna successiva.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.