Suggerimenti

12 cose che puoi fare per prevenire i parassiti nel tuo giardino e giardino.

Lotta antiparassitaria in agricoltura biologica : un insieme di tecniche tramandate e messe in pratica da millenni e nuove ricerche effettuate sfruttando gli ultimi progressi tecnologici.

Parassiti del pomodoro , parassiti dell’olivo …. E tutti i tipi di parassiti delle piante possono essere prevenuti o notevolmente ridotti con semplici metodi agroecologici da mettere in pratica che ci aiuteranno a mantenere un ecosistema equilibrato nel nostro frutteto o giardino ecologico e favorire la biodiversità.

Ti consigliamo inoltre quali semi biologici utilizzare , le migliori fioriere, cassette e tavoli da coltivazione per il tuo giardino e libri indispensabili per imparare tutto sul giardinaggio biologico .

L’uso di agrofarmaci di sintesi è sconsigliato perché a medio e lungo termine impoveriscono i suoli e contaminano l’aria, le falde acquifere e i fiumi o torrenti vicini, nonché i terreni agricoli stessi. Sono anche molto dannosi per la fauna tanto importante per la natura quanto gli impollinatori. Il suo utilizzo non è sostenibile e non è salutare né per l’ambiente né per noi.

12 cose che puoi fare per prevenire i parassiti nel tuo giardino e giardino

1.- Scommetti sulle policolture rispetto alle monocolture .

È stato dimostrato che coltivare diversi tipi di piante davanti a uno solo ha grandi benefici nella prevenzione dei parassiti. Ciò si verifica per diversi motivi:

  • Vi è una maggiore presenza e diversità di predatori naturali degli insetti parassiti.
  • Coltivando diverse piante insieme, gli insetti e altri piccoli animali infestanti possono disorientarsi e respingersi.
  • È più difficile e meno probabile che un parassita si diffonda in frutteti o giardini con policoltura, poiché richiede uno sforzo maggiore ed è meno sostenibile per l’insetto parassita. Leggi maggiori dettagli .

2.- Utilizzare semi autoctoni e di buona qualità.

Se vuoi avere buoni ortaggi e piante ornamentali avrai bisogno di semi di qualità. I semi biologici provengono da piante biologiche certificate che non sono state trattate con prodotti di sintesi. Quando semini i semi e le piante in età adulta ti danno nuovi semi, questi possono essere salvati e seminati nelle stagioni successive e germoglieranno senza problemi.

La stragrande maggioranza dei semi che si trovano sul mercato sono semi ibridi (F1, F2… a seconda della generazione). Quali sono gli svantaggi dei semi ibridi? Ecco alcuni motivi per cui consiglio di evitare i semi ibridi:

  • Sono semi che, sebbene non siano transgenici, sono stati manipolati per aggiungere un po’ di “miglioramento”. Sono stati ottenuti dall’incrocio di diverse varietà. Questo può avvenire naturalmente o spontaneamente nel nostro frutteto o giardino attraverso gli impollinatori o il vento e non deve necessariamente essere negativo in questi casi. Il problema è quando è fatto artificialmente.
  • Se salvi i semi ibridi che ottieni da piante ibride, F2 (seconda generazione) per seminare nella stagione successiva, il tasso di germinazione di questi sarà molto molto basso perché il materiale genetico del seme è degradato e i frutti che danno il piante sono di qualità inferiore. Cioè, ogni anno dovrai acquistare di nuovo e non saprai mai esattamente quale pianta otterrai, poiché il seme contiene materiale genetico di diverse varietà.

Perché è importante cercare di ottenere semi autoctoni e biologici? Poiché sono adattati al clima, ai parassiti e ad altre condizioni della nostra zona, contribuiamo a garantire che la biodiversità locale non scompaia e non siano sottoposti a trattamenti agrochimici (ad esempio per i funghi).

3.- Mettere in pratica rotazioni e associazioni colturali .

La rotazione delle colture consiste nella crescita di piante diverse nello stesso luogo in successione. Per esempio: prima coltivi i pomodori, quando la stagione è finita togli la pianta e fai crescere nello stesso posto poi coltiviamo i fagioli, quando li togliamo coltiviamo lattuga, quando raccogliamo la lattuga seminiamo patate e così via.

Cosa si ottiene con la rotazione delle colture? Alternando le colture nello stesso spazio, evitiamo che i parassiti persistano, perché compaiono su piante specifiche e se coltiviamo piante diverse ogni stagione, preveniamo la loro comparsa ogni anno. È anche un modo molto semplice per fare un uso migliore dei nutrienti nel terreno.

L’associazione delle colture consiste nel combinare piante che generano sinergie tra loro, cioè che coltiviamo insieme e allo stesso tempo piante di diverse famiglie botaniche che creeranno un reciproco vantaggio. Questo vantaggio può essere quello di respingere i parassiti l’uno dall’altro. Ma ci sono più vantaggi in questa pratica. Leggi le rotazioni e le associazioni delle colture per maggiori dettagli.

4.- Coltiva piante protettive o repellenti per i parassiti .

Questi tipi di piante saranno molto utili per respingere gli insetti parassiti. Inoltre, questo tipo di piante repellenti per parassiti sono piante aromatiche, culinarie o medicinali che possiamo utilizzare per altri scopi.

Per esempio:

  • Il basilico respinge acari e mosche bianche
  • L’ortica respinge gli afidi
  • Il nasturzio respinge formiche e lumache.

È molto utile e semplice avere queste piante protettive in frutteti e giardini perché sono di grande aiuto, ti consiglio di vedere più esempi .

Ma possiamo anche usare altre piante multifunzionali per il nostro giardino o giardino, come Bardana, Consolida maggiore o Borragine che miglioreranno la fertilità, proteggeranno dai parassiti, ecc. Leggi di più qui.

5.- Crea uno stagno nel tuo frutteto o giardino.

Un laghetto può avere un impatto molto positivo sul nostro orto o giardino ecologico. Non deve essere molto grande, con dedicando un metro quadrato o simili possiamo creare questo spazio che favorirà la biodiversità e attirerà molti animali (compresi i predatori) che favoriranno l’autoregolazione dei parassiti, impedendo loro di proliferare.

Il meglio che possiamo fare nel nostro frutteto o giardino è intervenire il meno possibile e permettere che si crei un equilibrio basato sull’autoregolazione degli insetti parassiti attraverso i loro predatori naturali. Ecco perché è importante conoscere gli insetti utili che saranno i nostri alleati quando si tratta di regolare i parassiti.

Inoltre, la progettazione e la creazione dello stagno stesso può essere una bella esperienza ed essere in grado di vedere come lo usano per bere dagli uccelli insettivori alle libellule, dalle api alle rane che aiuteranno a mantenere un ecosistema più ricco in equilibrio.

Leggi di più sul laghetto in giardino .

6.- Adeguato apporto di sostanza organica .

Né il difetto né l’eccesso di fertilizzante sono vantaggiosi, e tanto meno se si utilizzano prodotti di sintesi perché tendono a impoverire i terreni a medio e lungo termine. Ma anche, in termini di parassiti, i nutrienti in eccesso, come l’azoto, possono favorire la proliferazione dei parassiti degli afidi. In questo caso, più non è sinonimo di meglio.

È consigliabile imparare a conoscere i fabbisogni di macro e micronutrienti delle piante che coltiviamo e mettere in pratica la rotazione delle colture.

Con la rotazione delle colture faremo un uso migliore dei nutrienti nel terreno perché ogni tipo di pianta può avere esigenze diverse.

In genere la sostanza organica viene solitamente aggiunta due volte all’anno: in primavera e in autunno/inverno. Possiamo utilizzare principalmente compost che produciamo noi stessi, getti di lombrichi , tè di compost , miglioratori vegetali fatti in casa (da valeriana , da ortica , farina fossile , ecc.).

Tuttavia, ti consiglio di leggere questa guida sulla coltivazione del terreno e dei fertilizzanti.

7.- Buona gestione dell’irrigazione .

A volte il non saper regolare in modo corretto e puntuale l’irrigazione può essere la causa principale della proliferazione dei parassiti nelle nostre piante.

Ci sono colture che non sopportano molto bene la mancanza d’acqua e non sopportano lo stress idrico, d’altra parte l’acqua in eccesso è anche un’altra causa della perdita di vitalità della pianta per soffocamento delle radici e le radici non riescono a ottenere correttamente i nutrienti del terreno.

Sia l’eccesso che la mancanza di acqua mantenuta tendono ad indebolire le piante e questo le renderà più vulnerabili ai parassiti perché gli insetti parassiti sono in grado di rilevare quando una pianta è più debole e attaccarla.

Leggi l’acqua in eccesso e l’irrigazione a goccia .

8.- Semina o pianta al momento giusto .

Quando iniziamo il giardinaggio o l’orticoltura, molte volte non ci è molto chiaro quando seminare o trapiantare. Conoscere queste informazioni è molto importante affinché la pianta possa crescere nel momento giusto dell’anno.

Le piante hanno un ciclo di vita e se devono svilupparsi in condizioni a cui non sono abituate, non cresceranno correttamente e non avranno la stessa vitalità come se le seminassimo nel periodo ottimale dell’anno. Questo, come già sappiamo, li rende più vulnerabili ai parassiti.

Quando seminare? Controlla i calendari di semina per gli emisferi nord e sud per assicurarti il ​​momento migliore per questo importante compito.

9.- Evitare la lavorazione profonda .

Quando si tratta di prevenire i parassiti, a volte dimentichiamo quanto sia importante la terra o il terreno di coltivazione.

Se il terreno ha una buona struttura, consentirà una buona circolazione dell’aria e dell’acqua e favorirà l’attività biologica dei microrganismi benefici.

Un terreno in buone condizioni può fungere da filtro contro i parassiti purché si eviti la lavorazione profonda, pratica che contribuisce a ridurre questa vita microbica positiva che funge da barriera protettiva contro gli insetti nocivi.

E oltre ad evitare lavorazioni più profonde di 50 cm, come possiamo migliorare la vita microbica del suolo? I concimi verdi sono una strategia fantastica per raggiungere questo obiettivo. Leggi sui concimi verdi .

10.- Mettere imbottitura o pacciamatura .

La pacciamatura è un pacciame che si crea sulla superficie del terreno quando è ricoperto da materiali come ghiaia, paglia, serina, erba tagliata, pezzi di corteccia d’albero, alghe, ananas, foglie, ecc. Questa pratica viene svolta perché produce diversi effetti benefici nel nostro frutteto o giardino:

  • Inibisce la proliferazione delle piante spontanee, incolte o avventizie. Queste piante sono spesso utilizzate per ospitare insetti parassiti, quindi, se riduciamo o limitiamo questi tipi di piante, preverremo i parassiti.
  • Aumenta la fertilità e il suolo microbico.
  • Aumenta la capacità di ritenzione dell’umidità
  • Protegge le radici da improvvisi sbalzi di temperatura

Maggiori informazioni sulla pacciamatura e sui tipi di pacciamatura .

11.- Conservare gli strumenti e gli utensili in buone condizioni .

Utilizziamo costantemente attrezzi e altri utensili in giardino o in giardino: dai guanti alle forbici o alla zappa.

Li usiamo su diverse piante durante il giorno e possono essere uno dei modi più comuni per disperdere malattie e parassiti nel giardino. Pertanto, è importante dedicare tempo sufficiente per mantenere gli strumenti e gli utensili nelle migliori condizioni possibili.

Soprattutto quando facciamo un trattamento per prevenire o eliminare i parassiti, è importante disinfettare anche i tuoi utensili. Può essere fatto semplicemente con alcol a 96º e quindi eliminiamo ogni possibilità di diffondere parassiti con gli strumenti.

Leggi gli strumenti di base per l’orto biologico .

12.- Rimuovere resti di raccolti, foglie e frutti in cattive condizioni .

Uno dei compiti essenziali quando si tratta di prevenire la proliferazione dei parassiti è quello di mantenere il nostro giardino o giardino libero da tutti quegli elementi che possono attirare insetti parassiti, come frutti in decomposizione, fiori appassiti e secchi, foglie giallastre o cattive, ecc. .

È preferibile rimuovere tutte queste parti delle piante perché oltre ad attirare i parassiti, la pianta sta sprecando linfa ed energia in esse quando sarebbe più redditizio concentrarsi sulle parti sane della pianta per contribuire alla sua crescita.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *