Suggerimenti

Aloe Ferox: [coltivazione, cura, irrigazione, substrato, parassiti e malattie]

L’ aloe ferox rappresenta una sorta di caratteristiche molto simili all’aloe vera che tutti conosciamo.

La sua trama è quasi identica e ha una serie di condizioni di impianto simili, come la capacità di adattarsi facilmente.

Essendo originario dell’Africa, ha una predilezione per i climi caldi e non è un problema se si trova in pieno sole.

Quindi se stai cercando una pianta dalle caratteristiche eccezionali come questa, presta attenzione a tutte le informazioni che abbiamo raccolto per te.

Punti importanti quando si pianta l’Aloe Ferox
  • Quando? In primavera o in estate.
  • Dove? In pieno sole.
  • Come prepariamo il terreno? Con rocce e, se molto argilloso, con un po’ di sabbia.
  • Come dovremmo annaffiare? Con poca acqua, solo il necessario per inumidire un po’ il terreno.
  • Ogni quanto bisogna annaffiare? In estate, fino a due volte a settimana. In inverno non è necessario.
  • Quali parassiti e malattie ha? Molto resistente a tutti i tipi di parassiti o malattie.

Caratteristiche dell’aloe ferox

L’aloe ferox ha proprietà uniche e crea un’atmosfera esotica in casa. La pianta appartiene alle grandi succulente, capaci di raggiungere un’altezza di tre metri.

Le foglie sono spesse e massicce e i peduncoli raggiungono gli 80 cm. I fiori di questa varietà di aloe sono luminosi, arancioni o rossi. I fiori tubolari sono particolarmente buoni quando la pianta lancia più pennelli contemporaneamente.

Da altri tipi di aloe, questa varietà è diversa non solo per le dimensioni. Il suo succo ha un’elevata amarezza, il colore della foglia può essere paludoso e persino marrone. La pianta viene utilizzata per scopi medicinali , e quindi viene coltivata soprattutto nelle piantagioni.

Alla raccolta il peso di una singola foglia può raggiungere i 2 kg.

Quando piantare l’aloe ferox?

In primavera o in estate .

Pur essendo una specie in grado di resistere al freddo invernale, non è consigliabile collocarla in condizioni così sfavorevoli all’inizio.

Inoltre, bisogna considerare che dal momento in cui si piantano i semi fino all’ottenimento della piantina, possono volerci fino a sei mesi.

Dove piantare l’aloe ferox?

L’aloe ferox va tenuta alla luce diretta del sole poiché ricrea il suo ecosistema originale.

Non è necessario proteggerlo dagli sbalzi di temperatura perché è in grado di adattarsi alle temperature più elevate d’estate e anche al freddo d’ inverno .

Come preparare il terreno?

Le condizioni affinché l’aloe ferox cresca correttamente includono un ambiente roccioso e preferibilmente bassa umidità.

Ciò significa che puoi preparare uno spazio all’interno del tuo giardino dove stabilirlo.

È una specie che tollererà molto bene anche la vicinanza di muri, recinzioni, anche tra i cespugli, poiché questi fanno parte del suo ambiente naturale.

È necessario fare attenzione che il terreno non sia eccessivamente argilloso, poiché quelli a struttura sabbiosa lo fanno meglio.

Per quanto riguarda il pH , gli acidi funzioneranno bene, anche se come abbiamo detto è una specie molto adattabile e potrebbe anche stabilirsi in alcali.

Come innaffiamo l’aloe ferox?

I rischi saranno stabiliti in base al periodo dell’anno che si sta attraversando, perché essendo una specie del deserto non è particolarmente impegnativo con questo problema.

Durante l’estate è consigliabile mantenere lo spazio idratato , ma senza avvicinarsi ad allagamenti.

Infatti, quando ci sono le piogge, questa quantità d’acqua sarà più che sufficiente per dargli l’ambiente umido di cui ha bisogno.

Nel caso delle stagioni invernali l’irrigazione diventa superflua ed è bene sospenderla fino a quando il clima non sarà di nuovo caldo.

Quanto spesso annaffiamo?

In estate le innaffiature possono arrivare fino a due volte a settimana a seconda dei gradi di temperatura esistenti.

Tale frequenza sarà ridotta ad una settimanale in autunno , fino a generare una sospensione assoluta in inverno.

Come seminare l’aloe ferox passo dopo passo?

  1. La semina dell’aloe ferox avverrà mediante semi selezionati . Questo è un metodo che funziona bene perché, di fatto, è il suo modo naturale di moltiplicarsi.
  2. Per raggiungere il successo, sarà necessario rispettare la seguente procedura:
  3. Preparare semenzai con substrato universale e poca sabbia di fiume per migliorare il drenaggio.
  4. Metti i semi al ritmo di due o tre per semenzaio e coprili con la sabbia.
  5. Inumidisci il substrato in modo che l’acqua penetri sul fondo per dare ai semi un ambiente umido.
  6. Mantieni questo processo di umidità costante mentre si sviluppano e germinano.
  7. Attendere che la piantina acquisisca dimensioni e forza sufficienti per procedere con il trapianto in vaso o, in mancanza, nell’area preparata per stabilirla definitivamente.
  8. Parte della carnosità che le piante di aloe ferox sviluppano nelle loro foglie è dovuta all’umidità che riescono ad assorbire dall’ambiente.

Quindi, è così importante mantenere gli spazi sufficientemente idratati nelle prime fasi della crescita.

Di che cure ha bisogno l’aloe ferox?

  • Poiché è una pianta di tipo selvatico ed è proiettata endemicamente in Africa, è comune pensare che il fertilizzante non sia applicabile nel tuo caso.
  • La realtà è che può sopravvivere senza di essa, ma dargli uno strato di compost durante la fase di crescita e fioritura farà molto.
  • Come per molte altre specie, questa è un’azione che genererà benefici per ottimizzare la sua crescita.
  • D’altra parte, il numero di foglie che sviluppa solitamente l’aloe ferox è limitato, così come il fatto che proviene da un unico stelo, quindi non è necessaria la potatura.
  • Nel caso tu stia cercando di rimuovere una foglia per usarla per le sue proprietà medicinali, ad esempio, devi stare attento con il taglio . Ciò impedirà alla pianta di appassire a causa di danni alla sua struttura.

Quali parassiti e malattie colpiscono l’aloe ferox?

Come nel caso dell’aloe vera, l’aloe ferox è incredibilmente resistente a tutti i tipi di parassiti e malattie.

Se ci basiamo sulla sua realtà originaria, è una specie che potrebbe non ricevere mai cure da qualcuno.

Tuttavia, questa realtà non è un impedimento per sopravvivere e moltiplicarsi quasi senza sforzo.

Una delle caratteristiche più sorprendenti dell’aloe ferox, e che la separa dall’aloe vera, è che produce infiorescenze arancioni sorprendenti .

Ha però un dettaglio complesso nella struttura delle foglie che sono i denti appuntiti (come l’aloe vera) con cui bisogna fare attenzione.

Ciò ha portato al nome di feroce aloe in alcune popolazioni.

Questa pianta ha anche molti usi medicinali e poteri curativi, specialmente quando si tratta di danni alla pelle, come le ustioni.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.