Suggerimenti

Ceibo: [Coltivazione, Irrigazione, Cura, Parassiti e Malattie]

L’ Erythrina crista-galli è un piccolo albero originario del Sud America, dei paesi dell’Uruguay, del Brasile, del Paraguay e dell’Argentina.

È noto per la bellezza dei suoi fiori rossi , che sono stati scelti come fiore nazionale dell’Argentina e dell’Uruguay.

Viene utilizzato principalmente come specie ornamentale in parchi e giardini. Allo stesso modo, è riconosciuto per le proprietà medicinali della sua corteccia.

Tuttavia, si consiglia l’uso con cautela a causa degli alcaloidi, che possono rappresentare un rischio per la salute. Il ceibo è stabilito vicino a corpi d’acqua, sui bordi di fiumi, torrenti, lagune, paludi o zone umide.

In queste condizioni raggiunge un’altezza di 2,5 metri in soli 2 anni. L’epiteto crista-galli con cui è stato chiamato questo albero significa ” cresta di gallo “, significato che si riferisce al petalo più grande dei fiori noto come stendardo.

Punti importanti durante la semina del ceibo
  • Nome scientifico: Erythrina crista-galli. 
  • Nome comune: Ceibo, cresta di gallo, eritrina, albero di corallo, fiore di corallo, cresta di gallo.
  • Altezza: da 5 a 10 metri.
  • Fabbisogno di luce: luce diretta e semiombra.
  • Temperatura: climi temperati, caldi e umidi (da 7ºC a 24ºC).
  • Irrigazione: media.
  • Fertilizzante : fertilizzante organico.

Quali sono le caratteristiche del ceibo?

Il ceibo è un albero a foglie caduche dalla chioma ampia e globosa che misura tra i 5 ei 10 metri di altezza. Sviluppa un tronco contorto con corteccia ruvida, che raggiunge i 70 centimetri di diametro. Dal tronco spuntano steli verdastri lucenti.

Entrambi questi, come i piccioli, sono leggermente ricoperti di pungiglioni o spine ricurvi. Nel caso delle foglie, nascono da piccioli e sono formate da tre foglioline di forma ovale o ovale. I fiori di Ceibo sono formati da un calice e una corolla di petali chiamata chiglia o stendardo.

Sono di colore cremisi, misurano 5 centimetri di lunghezza e sono raggruppati in grappoli da 20 a 40 fiori. Fioriscono durante i mesi da maggio ad agosto. I frutti sono baccelli grandi e allungati che possono misurare dai 15 ai 20 centimetri di lunghezza.

Inizialmente sono di colore verde, ma man mano che maturano cambiano in una tonalità marrone scuro o nerastra. Nel caso dei semi, questi misurano tra i 10 ei 15 millimetri di lunghezza. Sono a forma di rene e di colore marrone scuro o nerastro.

Quando piantare un ceibo?

Il kapok può essere piantato per seme durante la primavera . Nel caso dell’emisfero settentrionale, deve essere effettuato ad aprile. In caso di coltivazione per talea, il momento più favorevole sarà durante la stagione delle piogge o quando compariranno nuovi germogli.

Dove piantare un ceibo?

La cosiddetta eritrina è coltivata in zone con ambienti tropicali , subtropicali e temperati miti e protetti.

Predilige i luoghi soleggiati situati in aree spaziose, lontano dagli edifici poiché le sue radici si estendono ampiamente nel terreno e potrebbero interessare gli spazi costruiti.

Questo albero è sensibile al freddo e alle basse temperature. Non tollera il gelo, soprattutto nei primi anni di sviluppo, con un limite di 4°C. Tuttavia, si comporta abbastanza bene a temperature comprese tra 7ºC e 24ºC.

Come preparare il terreno?

Il ceibo va messo a dimora in terreni fertili, ben drenati, con pH neutro e leggermente umidi o addirittura allagati. Prima di piantare il ceibo, la terra dovrebbe essere lavorata fino a quando il terreno non si allenta.

Nel caso di coltivazione in vaso si può utilizzare qualsiasi substrato universale sterile. In entrambe le circostanze, il terreno deve essere completamente inumidito, senza saturarsi. Anche se non del tutto necessario, il terreno può essere arricchito applicando fertilizzante organico , composto o materia organica come letame essiccato. Si raccomanda di applicare l’inoculante di funghi micorrizici in terreni carenti di potassio durante la semina.

Come innaffiamo un ceibo?

Il kapok cresce bene nelle zone umide, anche se tollera la siccità. Si consiglia comunque di effettuare annaffiature regolari, ma non eccessive, cercando sempre di conservare un po’ di umidità, soprattutto durante la primavera e l’ estate .

Ogni quanto annaffiamo il ceibo?

Si consiglia di irrigare 3 o 4 volte a settimana durante l’estate e 1 o 2 volte a settimana durante il resto dell’anno.

Come piantare un ceibo passo dopo passo?

Il kapok può essere coltivato da seme e talee semi – legnose. I passaggi per crescere utilizzando questi due metodi sono condivisi di seguito.

Per semi

  1. Scegli semi maturi e mettili a bagno per 12 ore in acqua tiepida.
  2. Posizionare il seme su un substrato universale e umido in un contenitore posto all’ombra.
  3. Coprire con uno strato sottile di substrato e inumidire.
  4. Attendi da 5 a 10 giorni affinché i semi germinino.
  5. Non appena un paio di foglie vere sono germogliate, le piantine possono essere messe in vaso o nel loro posto finale, dopo l’ultima gelata.

Tagliando

  1. Tagliare un ramo di 30 centimetri di lunghezza e 60 centimetri di diametro almeno da un albero di ceibo . Più è alto e grosso, meglio è.
  2. Posiziona la talea verticalmente in un luogo fresco e ombreggiato per 24 ore o più, entro 2 settimane.
  3. Segna la corteccia nel taglio di base per favorire il radicamento.
  4. Scava una piccola buca e applica un inoculante per accelerare la crescita delle radici. Il sito deve essere protetto dal pieno sole.
  5. Inserire la talea con la base marcata verso il basso, ad una profondità equivalente al 20% della sua lunghezza e premere leggermente nel terreno. Se viene utilizzata una talea piccola, dovrebbe essere interrata ad almeno 6 centimetri di profondità.
  6. Innaffia la talea per mantenere umido il substrato. Le radici dovrebbero apparire un mese dopo la semina.

Di che cure ha bisogno il ceibo?

Il ceibo non ha bisogno di cure particolari. Basterà potare i rami secchi non appena si seccano, o se si vuole dare struttura al tronco.

Attenzione con questo!

È importante tenere l’albero di ceibo lontano da bambini piccoli o animali domestici, poiché contiene alcune sostanze tossiche che possono essere dannose per la salute.

Quali parassiti e malattie colpiscono il ceibo?

L’albero del ceibo non è suscettibile a parassiti o malattie, ma può essere bersaglio di acari, nematodi, tripidi e cocciniglie , che possono essere facilmente eliminati.

Riferimenti

  • https://teleoposiciones.es/wp-content/uploads/2019/06/TEMA-6-ARBOLES-Y-ARBUSTOS.pdf
  • https://homeguides.sfgate.com/can-put-plumeria-cuttings-directly-ground-101422.html
  • https://keyserver.lucidcentral.org/weeds/data/media/Html/erythrina_cristagalli.htm
  • http://tropical.theferns.info/viewtropical.php?id=Erythrina+crista-galli
  • https://www.redalyc.org/pdf/669/66919229005.pdf
  • http://www.murcia.es/medio-ambiente/parquesyjardines/material/Erythrina_crista-galli_octubre.pdf
  • https://contenidos.ceibal.edu.uy/fichas_educativas/_pdf/ciencias-naturales/reino-vegetal/010-ceibo.pdf
  • http://www.lillo.org.ar/revis/universo-tucumano/2018/2018-ut-v13.pdf
  • https://www.researchgate.net/publication/333992627_Determinacion_de_los_Indices_Bioclimaticos_de_Erythrina_crista-galli_y_Handroanthus_heptaphyllus_en_el_sur_de_la_provincia_de_Santa_Fe_Argentina

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *