Suggerimenti

Potare un cactus: [Importanza, tempo, strumenti, considerazioni e passaggi]

Il cactus è una specie che viene frequentemente utilizzata per la decorazione d’interni perché molto ornamentale. Prendersi cura di loro correttamente sarà l’unica strategia per garantire che mantengano quell’eccezionale profilo decorativo.

Anche se può sembrare un compito semplice perché dopotutto crescono spontaneamente in luoghi deserti, non è così semplice.

La potatura rappresenta uno dei compiti obbligatori per averli in perfette condizioni e oggi qui ti diremo come eseguirlo in modo da non avere paura.

Perché potare i cactus?

Il motivo principale che porta alla potatura di un cactus ha a che fare con le dimensioni che raggiungono quando crescono sani. Questa condizione pone due problemi. Il primo è relativo allo spazio che occuperà nel luogo in cui lo abbiamo stabilito.

La cosa più comune quando si hanno cactus in casa è che sono disposti in vasi, quindi se la dimensione del cactus supera le dimensioni di questi, causerà un problema.

D’altra parte, un cactus molto grande può portarlo a piegarsi su un lato dal peso, il che danneggerà la sua struttura. È anche comune potare i cactus per rimuovere qualsiasi parte che è in cattive condizioni e quindi evitare di contaminare il resto della pianta .

Quando è meglio eseguire la potatura del cactus?

Se il cactus è protetto in casa, può essere potato in qualsiasi momento dell’anno perché non soffrirà di rischi di gelo. 

Se sei fuori , è meglio aspettare che arrivi il caldo estivo in modo che sia nelle migliori condizioni.

Quali strumenti dovremmo usare quando potiamo i cactus?

Il cactus è una specie che ha spine distribuite in tutta la sua struttura, quindi la potatura deve partire dal rispetto delle misure di sicurezza. Intorno a questo, la cosa più consigliabile è usare guanti da giardinaggio spessi che riducano le possibilità di colpire le mani.

Per applicare i tagli si possono utilizzare forbici di diverse dimensioni a seconda del tipo di cactus in questione. 

Infatti, se si tratta di una specie piccola che viene conservata in un contenitore, sarà possibile separare le parti desiderate con un taglierino . La cosa più importante in tutto questo è che gli strumenti da taglio siano affilati e igienizzati per evitare inconvenienti.

Quali considerazioni dovremmo tenere in considerazione quando potiamo i cactus?

Il cactus va valutato prima di procedere con la potatura in modo che non ci siano tagli che danneggino la struttura generale. Qui la cosa principale è impostare un percorso di lavoro che probabilmente andrà dalle parti più esterne dello stesso a quelle più interne.

È possibile che vengano effettuati dei tagli da trapianto, quindi vanno definiti preventivamente.

Come potare i cactus senza danneggiare la pianta?

Quando sarà arrivato il momento di potare, il passo dopo passo da seguire sarà così:

  1. Seleziona gli steli che sono più lunghi e occupano più spazio del dovuto e rimuovili . A questo punto è interessante valutare anche i germogli che non generano nulla di valore per la pianta.
  2. Taglia i gambi che sono molto ravvicinati e che occupano zone che impediscono il passaggio della luce all’interno della pianta. Caso simile vale per coloro che si scontrano tra loro.
  3. Rimuovere i gambi che sono rovinati , secchi o malati.
  4. Controllare se la pianta ha sviluppato dei polloni alla base e, in tal caso, rimuoverli con cura . Questi possono essere prelevati e piantati in un nuovo vaso per avere più esemplari. Sono anche usati come regalo per una persona cara. Sarebbe molto apprezzato.
  5. Valuta lo stato delle radici ed estrai quelle parti che noti con poco vigore o che sono marce . L’idea è di lasciare solo quelli che hanno una struttura sana.
  6. Taglia gli steli che hanno prodotto fiori nell’anno in corso per consentire loro di sviluppare una nuova struttura e fiorire nella stagione successiva. Qui bisogna inserire anche quei fusti che non hanno dato fiori per staccarli dalla base e favorire la nascita di un nuovo esemplare che faccia fiori.
  7. Se lo stelo centrale è molto alto, è anche una buona idea potarlo fino a portarlo ad un’altezza adatta a te.

Tutti questi tagli devono essere eseguiti in diagonale per evitare che l’acqua rimanga stagnante e la ferita marcisca. In generale, non dovrebbero esserci problemi dopo che il processo è stato eseguito perché i cactus tendono a riprendersi molto bene se vengono seguite le misurazioni.

Inoltre, se questa cura viene completata con le altre proposte per questo tipo di piante, i risultati saranno formidabili e godrai a lungo di un bellissimo cactus.

Forse ti interessano anche:
  • Cactus di Natale: [coltivazione, cura, irrigazione e substrato]
  • San Pedro Cactus: [Pianta, cura, substrato, irrigazione]
  • Talee di cactus: [Concetto, tempo, radicamento e semina]
  • Irrigazione di cactus: [Necessità, frequenza e procedura]
  • Trapiantare un cactus senza radici: [Metodo e passaggi da seguire]

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.