Suggerimenti

Inquinamento dei fiumi da pesticidi: una situazione preoccupante in Spagna

La Spagna è il paese europeo che usa più pesticidi . Questo uso massiccio si traduce in una crescente presenza di residui di queste sostanze in natura, e anche nel nostro piatto.

Lo scarico diretto o indiretto di pesticidi e altri prodotti fitosanitari nei nostri fiumi rappresenta una grave minaccia sia per la fauna e la flora acquatica che per le persone. In questo articolo ne parliamo e vi mostriamo alcuni dati che svelano la situazione in cui ci troviamo.

Inquinamento delle acque da pesticidi

L’inquinamento dell’acqua, o inquinamento dell’acqua , è un’alterazione di esso, normalmente prodotta dall’azione umana, in modo che diventi inappropriato o addirittura pericoloso per l’agricoltura, l’industria, le attività ricreative e il consumo umano o animale. Le cause dell’inquinamento idrico sono generalmente due:

  • Una causa diretta, dovuta all’uso di pesticidi destinati all’igiene pubblica.
  • Una causa indiretta, dovuta alla mobilitazione e alla deposizione di inquinanti presenti nell’aria e nel suolo, ad esempio il trascinamento di pesticidi da parte dell’acqua piovana.

L’inquinamento delle acque può comportare livelli di rischio molto elevati, spesso evidenziati in fiumi e laghi, a causa delle sue conseguenze e del pericolo che l’uso dell’acqua rappresenta in tali condizioni inquinanti per gli esseri viventi. Passiamo a vederlo un po’ più nel dettaglio.

Conseguenze nei fiumi: pesticidi e tossicità cronica

I pesticidi sono uno dei principali inquinanti dell’acqua. Gli effetti di queste sostanze sulla vita acquatica dei fiumi sono molto diversi e spesso interconnessi; Variano a seconda del tipo di pesticida e dell’organismo in questione. Questi sono solitamente cronici, non letali, quindi spesso passano inosservati, eppure le conseguenze nella catena alimentare possono essere davvero gravi.

Le seguenti sono le principali conseguenze dei pesticidi e di altri pesticidi sugli organismi viventi nei fiumi, secondo l’ Organizzazione delle Nazioni Unite per l’ alimentazione e l’agricoltura (FAO):

  • Morte dell’organismo.
  • Lesioni, tumori e tumori.
  • Insufficienza riproduttiva.
  • Soppressione del sistema immunitario.
  • Disturbi ormonali.
  • Danno cellulare.
  • Danno al DNA.
  • Deformità fisiche (effetti teratogeni).
  • Effetti intergenerazionali ( manifestati nelle generazioni future ).
  • Altri effetti fisiologici, come basso coefficiente tra globuli rossi e globuli bianchi, eccesso di mucillagine nelle squame e nelle branchie nei pesci, riduzione dello spessore del guscio d’uovo, ecc.

Riguardo alle conseguenze per le persone , la FAO spiega nello stesso rapporto che ” gli effetti prodotti sugli organismi e sull’ambiente costituiscono un monito delle possibili ripercussioni sulla salute umana. Sia il consumo diretto di acqua contaminata che il consumo di pesce e crostacei contaminati possono portare a:

  • Cancro.
  • Affezioni riproduttive.
  • I pesticidi sospettati di essere interferenti endocrini (sostanze che interferiscono con il sistema ormonale) possono anche causare malattie del sistema immunitario e del sistema neurologico.

Inquinamento dei fiumi da pesticidi in Spagna

Una recente indagine condotta dalle organizzazioni Ecologistas en Acción e Pesticide Action Network Europe, Hormone Rivers ( pdf. 1.86 MB), sulla base dei dati ufficiali dei programmi di sorveglianza della qualità dell’acqua di 10 confederazioni idrografiche, rivela alcune questioni preoccupanti sulla contaminazione da agenti fitosanitari prodotti dei fiumi spagnoli .

  • Tutti i bacini idrografici, senza eccezioni, contengono pesticidi potenzialmente tossici. Sebbene i bacini fluviali più inquinati siano quelli in cui l’agricoltura è più intensiva, questi sono: Júcar, Ebro, Paesi Baschi, Tago, Miño-Sil, Duero, Segura, Guadiana, Costa della Galizia e Mar Cantabrico.
  • Sono stati rilevati 47 diversi pesticidi.

.

[Legenda grafica] Numero di pesticidi rilevati in ciascun bacino fluviale

  • Dei 47 pesticidi trovati, 26 sono o sono sospettati di essere interferenti endocrini.

Pesticidi rilevati più frequentemente. Molti di loro interferenti endocrini

  • Il 70% dei pesticidi rilevati è stato vietato per anni a causa della loro tossicità: DDT, lindano, atrazina o endosulfan.

Come abbiamo accennato all’inizio dell’articolo, la Spagna —con un consumo di circa 79.000 tonnellate, secondo i dati del 2014— è il paese europeo che utilizza più pesticidi. “È necessario trasformare l’attuale sistema agrario in un sistema agroecologico. La Spagna deve vietare l’uso di pesticidi che alterano il sistema endocrino e attuare un piano per ridurre l’uso di pesticidi del 50% nei prossimi anni ”, concludono entrambe le organizzazioni nel loro documento.

L’acqua è un bene comune, universale, un liquido vitale senza il quale non potremmo vivere. La sua contaminazione è uno dei principali problemi dell’umanità. I pesticidi inquinano cronicamente la vita acquatica nei fiumi e possono colpire anche gli esseri umani. È urgente trasformare l’insostenibile sistema agricolo in vigore, basato sull’uso massiccio di pesticidi e potenziali inquinanti dell’acqua, in un sistema agroecologico.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *