Suggerimenti

Clorella: proprietà, benefici e come assumere questa alga

Potresti aver già sentito parlare delle proprietà della clorella. È, insieme all’Erba di Grano e alla famosa Spirulina , considerata da molti un super alimento.

In questo articolo ti forniamo tutte le informazioni attuali disponibili sulla clorella in modo che tu sappia il più notevole sulle sue virtù nutrizionali, a cosa serve, come si assume e le sue possibili controindicazioni.

Al giorno d’oggi puoi trovare una moltitudine di integratori alimentari, ma se vuoi prenderli con tranquillità, ti consigliamo solo gli integratori alimentari bio perché hanno la certificazione biologica, hanno superato più controlli, hanno una qualità assicurata ed evitano di esporsi a problemi .

Non perdetevi il video che abbiamo preparato per voi con un riassunto di questo post, è alla fine dell’articolo.

Cos’è la clorella?

La clorella è una microalga unicellulare di colore verde e di forma sferica, con un diametro compreso tra 100 e 1000 volte inferiore a 1 millimetro e che contiene cloroplasti, strutture preposte allo svolgimento della fotosintesi.

Le alghe, in generale, vivono sia in acqua dolce che salata, assorbendo, trasformando e concentrando elementi come vitamine, minerali e oligoelementi.

Delle oltre 35.000 specie di microalghe individuate, circa 50 sono utilizzate in diverse applicazioni in ambito nutrizionale e cosmetico , oltre a processi industriali come la produzione di biocarburanti, biofertilizzanti e processi di bonifica mediante detossificazione dei metalli pesanti.

Per le loro proprietà nutritive , quelli del genere Chlorella sono utilizzati nella fabbricazione di integratori alimentari e prodotti cosmetici contro l’invecchiamento, nonché per stimolare il sistema immunitario. Assicurati di scegliere la clorella organica per ottenere tutti i suoi benefici.

Il cosmetico Blu , come noto per il trattamento e la prevenzione cosmetica utilizzando sia macroalghe che microalghe, utilizza il genere Chlorella in particolare nei trattamenti antietà .

Nel campo alimentare, la Clorella è stata commercializzata da più di 60 anni nei paesi asiatici, essendo accettata come prodotto dietetico-medicinale e commercializzata in presentazioni come compresse, capsule, compresse e preparati in polvere.

D’altra parte, l’ estratto di clorella e altre microalghe sono utilizzati anche nella preparazione di yogurt, pasta, pane e bevande in diversi paesi, considerandoli additivi di grande valore per la preparazione di alimenti funzionali.

.

Valore nutrizionale della clorella

Contiene grandi quantità di proteine ​​(45% del peso secco) che comprende tutti gli aminoacidi essenziali, grassi (20%), carboidrati (20%), fibre (5%) e una quantità significativa di vitamine e minerali (10% ).

La Clorella si distingue per il suo straordinario contenuto di clorofilla e per l’apporto di Vitamina A , Vitamina C , Vitamina D , e vitamine del gruppo B quali: B1, B2, B6, B9 (acido folico) e attivo B12. Anche i vegani e i vegetariani dovrebbero essere integrati con B12 nonostante il consumo di Chlorella.

Per quanto riguarda i minerali, questa microalga ci fornisce ferro , fosforo , magnesio , potassio e zinco.

Azione terapeutica della Clorella

Oltre al suo valore nutritivo, diversi studi hanno dimostrato che questa alga modula i meccanismi del sistema immunitario e contrasta la crescita delle cellule tumorali.

Per la sua azione digestiva è utilizzato nel trattamento delle ulcere gastriche e per la sua azione cardioprotettiva è preventivo contro disturbi oggi comuni come l’arteriosclerosi e l’ipercolesterolo, oltre al controllo dell’ipertensione .

La sostanza più importante ottenuta dalla clorella è il β-1,3-glucano, un immunostimolante attivo che protegge dai radicali liberi che riduce anche i livelli di lipidi nel sangue (lipidemia).

A cosa serve la clorella? Benefici del suo consumo

A seconda del trattamento somministrato alle microalghe per ottenere estratti si distinguono diversi benefici:

Estratto acquoso :

È preparato da biomassa in polvere secca sottoposta a trattamento termico e centrifugazione per eliminare i detriti cellulari.

Questo estratto ha una concentrazione proteica maggiore rispetto ai carboidrati, con una miscela di aminoacidi e minerali che gli conferiscono preziose qualità nutrizionali.

Estratto idroalcolico :

Utilizzato per l’estrazione delle clorofille, ottenute da biomasse umide o secche in alcool, sottoposte ad agitazione e quindi sterilizzate.

Questo estratto è un disinfettante attivo e antisettico, più efficace dell’alcol e altrettanto efficace del fenolo per coli e P. aeruginosa. Tuttavia, è scomodo per alcuni trattamenti a causa della sua azione colorante.

Idrolizzato proteico:

Si prepara una sospensione al 10% di biomassa secca e depigmentata, sottoposta a idrolisi enzimatica e agitazione.

È una delle tendenze più promettenti per aumentarne la digeribilità e da utilizzare soprattutto in cosmetologia, prodotti biostimolanti e additivi alimentari.

Presentazioni in polvere, capsule e compresse di estratti di Clorella e sviluppate con diversi composti sono utilizzate per trattare l’anemia, lo sforzo eccessivo e il complemento nelle diete vegetariane, grazie al grande apporto di proteine ​​e aminoacidi essenziali.

La clorofilla dal canto suo ha proprietà antisettiche e disinfettanti, per questo gli estratti vengono utilizzati anche nella formulazione di prodotti cosmetici, dai saponi e detergenti, alle creme antietà.

A loro volta, gli estratti delle diverse specie del genere chlorella continuano ad essere studiati per il loro potenziale di:

  • Il trattamento delle ulcere gastriche e di altri disturbi dell’apparato digerente , grazie alla sua azione disintossicante o detox .
  • Come citoprotettore, contro le tossine che causano stress ossidativo e danno cellulare, causando varie malattie.
  • Come antietà , grazie alla sua azione antiossidante.
  • Come antivirale e antibatterico, in diverse applicazioni, soprattutto cosmetiche.
  • E, per i suoi effetti immunogeni, potenziando la capacità del sistema immunitario di reagire contro un antigene.

Come prendere la clorella?

Il modo più semplice e comodo per assumere la clorella è in capsule.

Un altro modo comune di prenderlo è in pillole o compresse e in polvere diluendolo in succhi, latti vegetali, yogurt, ecc. Ma poiché il suo sapore ricorda molto il pesce e può essere forte per la maggior parte di noi, la cosa più comoda da fare è assumere capsule di clorella .

Possibili controindicazioni di Chlorella

Sebbene non vi siano studi che colleghino direttamente l’ingestione di Clorella con rischi per la salute, non sono stati condotti studi in popolazioni suscettibili di alterazioni diverse, pertanto il suo uso non è raccomandato durante la gravidanza e l’allattamento, né negli anziani o negli immunodepressi.

Le persone con problemi alla tiroide, così come le persone in trattamento anticoagulante, dovrebbero consultare il proprio medico prima di consumare qualsiasi prodotto contenente clorella, prestando particolare attenzione ai livelli di iodio e clorofilla nel prodotto.

Gli effetti collaterali, specialmente nel processo iniziale di trattamento, possono causare diarrea, nausea, flatulenza e crampi allo stomaco. Si raccomanda di seguire scrupolosamente la dose suggerita dal medico e le indicazioni della presentazione commerciale.

La Clorella invece può essere esposta a contaminazione e bioaccumulo di tossine (come arsenico, cadmio e zinco) a seconda della forma di coltivazione, quindi è importante conoscerne l’origine e scegliere una Bio Clorella , per evitare problemi.

.
.

Bibliografia consultata

  • “Chlorella vulgaris”, (schede didattiche) Biblioteca Plan Ceibal (Uruguay).
  • “L’uso delle alghe nei cosmetici”, Anna Viscasillas e Alfonso del Pozo. Farmacia pratica, Formazione permanente in dermofarmacia. Vol. 24 N. 2. 2014.
  • “Studio degli elementi essenziali e tossici nelle microalghe: uso di Chorella sorokiniana nella preparazione di alimenti funzionali”, Verónica Gómez Jacinto. Dipartimento di Chimica, Università di Huelva. 2015.
  • “La clorella vulgaris come fonte di acidi grassi essenziali e micronutrienti: un breve commento”, Hercules Rezende Freitas. Open Plant Science Journal, Vol. 10. 2017
  • “Microalghe: aspetti ecologici e biotecnologici”, Liliana M. Gómez Luna. Giornale cubano di chimica. Vol. XIX N° 2. 2007
  • “La somministrazione di Chlorella vulgaris protegge dalla nefrotossicità causata da ICC 4 ”, María Tereza Valdez-Omaña, Octavio Gutiérrez-Flores, Nayelly Jiménez-Sánchez, Mayumi Romero-Valdéz, Alan Massé-Sánchez, Yvonne Tadeo-Jiménes -Ramo, Edgar , Santos Baltazar-Salvador, Carlos Ángel Gallardo-Casas. Giornale in linea di tossicologia. 2003

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *