Suggerimenti

Coltivazione dell’okra: le migliori varietà, guida alla semina, cura, problemi e raccolta

La coltivazione dell’okra non è sempre la prima scelta per un frutteto. Ha la cattiva reputazione di essere blando e viscido a tavola e non è molto conosciuto al di fuori del Sud. Ma se non crescete l’okra, dovreste prenderlo in considerazione. Ben preparato, è delizioso e non è difficile da coltivare.

L’okra è originario dell’Africa ed è arrivato in Nord America nel 1600, portato dagli schiavi. Nel profondo sud, l’okra viene comunemente servita come guarnizione e addensante per stufati e gumbo.

Non avrei mai pensato di poter coltivare l’okra nel mio giardino. Viviamo in Ohio, e l’okra è un raccolto caldo, o almeno così pensavo. Ho imparato che l’okra prospera in qualsiasi clima in cui si coltiva il mais, il che significa che anche gli abitanti dell’Ohio possono coltivare l’okra se vogliono provarlo.

Quindi, se volete provare questa classica coltivazione del sud nel vostro giardino, continuate a leggere per scoprire tutto quello che c’è da sapere sulla coltivazione dell’okra.


Le migliori varietà di okra

Si possono trovare molte varietà di okra, ma ce ne sono alcune più popolari di altre. Assicuratevi di scegliere una varietà di okra che si adatti non solo al vostro clima, ma anche ai vostri gusti e ai vostri progetti. Le dimensioni e il colore del baccello possono essere rilevanti per voi, così come la consistenza dell’okra. Ecco alcune varietà popolari di okra.


Annie Oakley II

Questa varietà ha bisogno di 52 giorni per maturare e ha i baccelli disossati. Le piante raggiungono un’altezza media di 1,5 m.


Clemson Spineless

Molti giardinieri amano la varietà Clemson, che funziona bene nella maggior parte degli stati del sud così come negli stati del Midwest. Questa pianta cresce fino ad un’altezza di 4 piedi e si estende fino a 4 piedi di diametro. Si tratta di una varietà heritage che è pronta per la raccolta in 55-60 giorni.


Delizia Cajun

Ecco una varietà che cresce senza spine, baccelli verde scuro, e la pianta raggiunge un’altezza di 1,5 m. È un’ottima scelta se si ha una breve stagione di crescita nei climi più freddi, poiché la maturazione avviene in 50-55 giorni. I baccelli sono lunghi 3-5 cm.


Louisiana Green Velvet

Se si desidera una varietà adatta a grandi superfici, questa è nota per la sua vigorosa crescita. Le piante raggiungono un’altezza di 1,80 m. I baccelli sono lisci e privi di spine. Questa pianta porta frutti abbondanti e matura in 65 giorni.


Come piantare l’okra

Prepariamoci a coltivare l’okra!


Aree di coltivazione

Le piante della famiglia delle malva, compreso l’okra, crescono nelle zone da 3 a 9.


Requisiti della luce solare

okra ha bisogno di pieno sole, quindi quando si sceglie un posto dove coltivare okra, assicurarsi che riceva da 6 a 8 ore di sole. Scegliete il posto più soleggiato possibile per coltivare l’okra.


Requisiti del suolo

L’okra cresce nel terreno di un normale giardino, ma prospera meglio in un terreno fertile. Idealmente, dovrebbe essere piantato dove cresce una coltura che fissa l’azoto, come i piselli. Gumbo cresce meglio in terreni ben drenati e ricchi di materia organica. Il terreno deve essere acido con un pH compreso tra 5,8 e 7,0.

Per ottenere il terreno giusto per le vostre piante, spalmate generose quantità di fertilizzanti o altre ricche sostanze organiche. Assicuratevi di mescolare il tutto nel terreno prima di piantare tutto. L’applicazione di strati di fertilizzante non solo migliora la composizione dei nutrienti, ma anche la consistenza del terreno.


Quando piantare l’okra

Se vivete nel sud, piantate l’okra all’inizio della primavera e raccogliete un secondo raccolto a giugno. Si può coltivare da 3 a 4 settimane prima dell’ultima gelata primaverile, purché si coprano le piante con un telaio freddo o un tunnel di coltivazione fino a quando le temperature non sono abbastanza calde.

Se vivete in zone più fredde dove la stagione di crescita è breve, iniziate a seminare all’interno sei settimane prima di piantare all’esterno. Dovrebbero essere collocati all’aperto da 3 a 4 settimane dopo l’ultima data di gelo.

Alle piante piace quando le notti sono almeno 60. Durante il giorno, okra preferisce le temperature degli anni ’80. Per raggiungere queste temperature, i giardinieri del nord potrebbero dover aspettare la fine di giugno per piantare. Le capsule appariranno tra due mesi, quindi non preoccupatevi troppo!


Piantare semi di okra

Se si inizia a seminare in vaso, seminare due semi in ogni contenitore. Se entrambi crescono, tagliare la pianta più debole o più piccola. Quando togliete le piante dai vasi, fate attenzione perché hanno radici primarie fragili.

Quando piantate l’okra nel terreno, assicuratevi che il terreno si sia riscaldato. Le temperature dovrebbero essere almeno 70℉. Prima di piantare nel terreno, immergere i semi in acqua per tutta la notte. Un’altra opzione è quella di intaccare ogni strato di seme con un file. Entrambi i metodi favoriscono la germinazione.

Seminare i semi di okra ½ ad una profondità di 1 cm in terra leggera e ad una profondità di 1 cm in terra pesante. Assicuratevi di spaziare ogni seme ad almeno 5 cm di distanza l’uno dall’altro, e le file devono essere distanziate di 3 piedi l’una dall’altra. Una volta che i semi sono germinati, assottigliare le piantine a 18-24 cm di distanza l’una dall’altra. Cercate sempre le piante più forti durante il diradamento.


Coltivazione di gombo in contenitori

Se non avete spazio per il giardinaggio, coltivare l’okra in contenitori è una buona soluzione. Scegliere un contenitore con una dimensione minima di 3 galloni. La scelta ideale è un vaso da 5 galloni con una profondità da 6 a 8 pollici.

È necessario scegliere una varietà di gombo nano o un gombo che non superi 1,5 metri di altezza. È importante ricordare che l’ora non è ben trapiantata, quindi piantate i semi direttamente nel contenitore o in un vaso biodegradabile.


Prendersi cura di Okra

Ora che avete il vostro okra nel terreno, dovete imparare a prendervi cura delle vostre piante. Vediamo le esigenze di irrigazione e di fertilizzazione.


Okra Irrigazione

L’okra è ben adattata al clima caldo e non richiede una tonnellata d’acqua. Se avete un periodo di siccità durante l’estate, assicuratevi di annaffiare. Altrimenti le piante hanno bisogno di un cm d’acqua alla settimana, ma potrebbero averne bisogno di un po’ di più se si vive in una zona calda e arida. Tenere un pluviometro all’esterno per determinare se l’irrigazione è necessaria.


Pacciame intorno a okra

Un consiglio essenziale per la salute di okra è quello di coprirli con pacciame. Quando l’okra raggiunge un’altezza di circa 5 cm, le piante devono essere pacciamate per evitare che le erbacce si insediino e per conservare l’umidità. Applicare uno strato alto da 2 a 3 cm.


Fecondazione gumbo

L’Okra non è un alimento pesante, ma beneficia di un fertilizzante. Si possono condire le piante con il concime ogni quattro settimane. Se non si dispone di fertilizzanti, è possibile utilizzare 10-10-10 fertilizzanti o letame invecchiato, che si possono acquistare nella maggior parte dei negozi di fattoria e di flotta. Pianificare l’applicazione di un fertilizzante liquido bilanciato ogni mese.


Le migliori piante laterali per l’okra

Piantare l’okra vicino a queste piante compagne aumenta la resa. Alcune di queste piante aiutano a respingere i comuni parassiti che attaccano l’okra, oppure possono aggiungere le sostanze nutritive di cui l’okra ha bisogno al terreno. Ecco alcuni esempi delle migliori piante da compagnia di okra.

  • Lattuga
  • Piselli
  • Ravanello
  • Peperoni
  • Pomodori
  • Fagioli
  • Girasoli
  • Basilico
  • Melone
  • Melanzana
  • Cetriolo

Non piantare l’okra con aglio o rabarbaro.


Parassiti e malattie del giardino comune di Okra

okra ha comuni parassiti da giardino e malattie che possono causare danni alle vostre piante. Vediamo alcuni di quelli di cui dovreste essere a conoscenza.


Afidi

Gli afidi sono uno dei parassiti più comuni che colpiscono l’okra. Sono piccoli insetti dal corpo morbido sul lato inferiore delle foglie e degli steli. Una grave infestazione fa ingiallire le foglie e sulle foglie si trova una sostanza appiccicosa che favorisce la crescita di muffe.

Si possono trovare molti metodi organici per il trattamento degli afidi. Provate ad usare pacciame riflettente, come la plastica argentata, per tenere lontani gli afidi o colpiteli con un getto d’acqua. Gli insetticidi sono di solito necessari solo se l’infestazione è grave, poiché la maggior parte delle piante può tollerare un’infestazione da bassa a media. I saponi insetticidi o l’olio di neem possono anche essere usati per controllare la popolazione di afidi.


Carbone in decomposizione

Se si nota una decolorazione del gambo in corrispondenza della linea del terreno o delle canne sul gambo, si può avere un marciume da carbone. Questa malattia può portare all’appassimento delle foglie e alla caduta delle piante. È un fungo che colpisce anche altre piante come i fagioli e il tabacco. Il modo migliore per controllare l’antrace è quello di ruotare le aiuole per evitare l’accumulo di funghi nel terreno ed evitare lo stress idrico.


Vermi del mais

Le larve di tarlo del mais possono danneggiare foglie, germogli, fiori e baccelli. I giardinieri dovrebbero monitorare le piante per le uova e le giovani larve. È possibile utilizzare Bacillus thuringiensis per aiutare a controllare gli insetti sulle piante coltivate biologicamente. È possibile utilizzare un trattamento chimico appropriato per controllare i vermi auricolari se si dispone di un gran numero di colture.


Fusarium appassisce

Se notate che le foglie sono appassite o hanno bordi necrotici, potreste avere la fusarium appassita. Le piante più vecchie possono mostrare appassimento e clorosi delle foglie, ma l’appassimento può essere progressivo. Il Fusarium appassisce è un fungo che emerge durante le temperature calde e può essere introdotto da semi infetti o da materiale contaminato.

Anche se non ci sono molti modi per eliminare l’appassimento della fusarium, si può provare a fumigare il terreno per ridurre l’incidenza delle malattie. Assicuratevi di utilizzare sementi certificate e prive di malattie.


Tarme del ragno

Gli acari del ragno appaiono come piccole macchie bianche o fogliose sulle foglie di gombo in crescita e le ragnatele sono spesso visibili sulle piante. Spruzzare frequentemente le piante con un getto d’acqua. Introdurre insetti benefici come coccinelle e acari parassiti. Spruzzare frequentemente le piante con olio di neem.


Insetti puzzolenti

Per controllare gli insetti puzzolenti, mantenete pulito il vostro cortile per eliminare i luoghi dove gli insetti possono nascondersi. Spruzzare le piante con una soluzione di argilla di caolino e poi introdurre nel giardino insetti benefici come pizzi, mantide religiosa e coccinelle.


Tripidi

I tripidi sono piccoli insetti che succhiano la vita dalle piante. Potare le aree fortemente infette e spruzzare le piante con olio di neem.


Il raccolto di okra

Circa 50-60 giorni dopo aver piantato l’okra, cominciano a comparire i baccelli commestibili. Man mano che i baccelli di okra maturano, diventano più duri, quindi è meglio raccoglierli ogni giorno con un coltello affilato. Non lasciateli crescere più grandi di un dito. Gli steli devono essere morbidi e facili da tagliare.

Continuate a raccogliere sulla vostra pianta fino a quando il gelo non la uccide. Dovreste essere in grado di ottenere un raccolto abbondante da poche piante. Se alcuni baccelli scappano e diventano troppo duri, buttateli nel compost o nei polli.

Un consiglio importante è quello di indossare guanti e una camicia a maniche lunghe quando si raccoglie l’okra. Anche se all’esterno fa caldo, la maggior parte delle varietà di gombo sono coperte da piccole spine che possono tagliare e irritare la pelle. A meno che non abbiate piantato una varietà senza spine, la copertura è l’unico modo per evitare questo problema.

Una volta raccolto, l’okra può essere conservato non tagliato e non cotto nel congelatore. Possono essere facilmente preparati una volta congelati.

Si può cucinare, friggere, marinare o arrostire il gombo. Cuocerli in torte di mais, avvolgerli nella pancetta o grigliarli sul barbecue.


Riflessioni finali sulla coltivazione dell’okra

Non lasciate che la vostra posizione vi impedisca di coltivare l’okra. Anche se non vivete nel sud, quest’anno potete avere un abbondante raccolto di okra. Assicuratevi di piantare al momento giusto ed evitate i trapianti. Con le corrette tecniche di irrigazione e fertilizzazione, imparare a coltivare l’okra non è così difficile come si potrebbe pensare.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.