Suggerimenti

Come coltivare il tartufo in 7 semplici passi e ottenere grandi benefici

Hai mai sentito parlare del tartufo?

Sono molto popolari nei paesi europei, ma sono considerati una prelibatezza da chi è molto benestante dal punto di vista economico.

Quando dico tartufo, non parlo del cioccolato fresco di un panificio locale. Sto parlando di un fungo che cresce nella foresta come un fungo che la gente adora in alcune culture.

Un tempo questi tartufi potevano essere coltivati solo in alcune regioni, ma grazie ad alcune ricerche, gli agricoltori hanno imparato a produrre tartufi anche in Spagna.

Se si vuole investire tempo, denaro e sforzi nella speranza di ottenere un profitto significativo, allora si può prendere in considerazione la coltivazione del tartufo.

È così che si fa:

>


Cos’è il tartufo?

Allineare”>>

da Eataly

Ho già detto che il tartufo è un fungo che cresce alla base degli alberi.

Infatti, essi formano un rapporto con le radici di certi alberi, dove i tartufi danno agli alberi ciò di cui hanno bisogno, e le radici degli alberi aiutano i tartufi a crescere.

Quindi vi chiedete quali alberi possono produrre un tartufo. Questi alberi possono produrre tartufi:

  • Faggio
  • Betulla
  • Nocciola
  • Fascino
  • Rovere
  • Pino
  • Pioppo

Si possono produrre tartufi bianchi o neri. I tartufi neri non sono così “speciali” come quelli bianchi. Il tartufo bianco, un tempo, poteva essere prodotto solo nell’Europa meridionale. I ricchi della regione pagherebbero circa 3.600 euro a libbra per il tartufo bianco.

Oppure pagherebbero qualche centinaio di dollari per qualche etto di tartufo bianco. Come potete vedere, ci sono soldi da fare.

Non ci è voluto molto perché la gente cominciasse a pensare a come coltivare il tartufo bianco in tutto il mondo, perché voleva avere un raccolto che potesse produrre quel tipo di reddito.

Oggi, a distanza di anni, il tartufo bianco è ancora un investimento, ma viene coltivato in tutto il mondo.


Come coltivare il tartufo

Allineare”>>

attraverso il Governo dell’Australia Occidentale per l’Alimentazione e l’Agricoltura

Ora che conoscete l’origine dei tartufi, vorrete anche sapere come vengono prodotti. Ecco come si può provare a coltivare il proprio raccolto di tartufo:


1. Trovare il posto giusto

Per produrre un buon raccolto di tartufi, avrete bisogno di molta terra per piantare il numero di alberi necessario.

Tenete presente che in realtà si tratta di piantare un giardino, solo i frutti vengono coltivati sottoterra.

Dovrete anche considerare la sicurezza. I tartufi valgono un sacco di soldi, quindi non sarebbe sorprendente vedere persone che mettono in dubbio la loro proprietà per dissotterrarli.

Quindi dovrete tenere a mente dove lo pianterete. Potresti non voler piantare questo frutteto sul ciglio di una strada, questo è fondamentalmente quello che sto dicendo.

Quindi, a seconda della zona in cui è necessario investire in questo tipo di frutteto, questo deciderà per voi quanti alberi potrete effettivamente piantare.

Le mie ricerche mi hanno insegnato che alcuni agricoltori in Europa piantano circa 100 alberi per acro per prevenire la diffusione delle malattie.

Ma ci sono anche altri agricoltori che raggruppano fino a 1.000 alberi per acro per favorire la diffusione dei funghi che alla fine producono i tartufi. Quanti alberi piantano sulla loro terra dipende interamente da voi. Basta rendersi conto che qualsiasi decisione ha sia vantaggi che ostacoli.

Così, una volta che avrete pianificato un luogo sicuro e saprete quanti alberi volete piantare, sarete pronti ad andare avanti.


2. Preparare il terreno

I tartufi richiedono un pH del terreno compreso tra 7,5 e 8,3. Alcune aziende che si trovano su Internet testano effettivamente il loro terreno in base alla coltivazione del tartufo.

Se si vuole essere sicuri di partire con il piede giusto, si può considerare l’invio di un campione di terreno, oppure si può testare il proprio terreno con questo kit .

Tuttavia, se il vostro terreno ha un pH basso, dovrete aggiungere molta calce nel giro di qualche anno. Questo assicurerà che il pH sia costante.

Poi, una volta raggiunto l’equilibrio del pH nel terreno, ogni anno si deve aggiungere della calce per mantenerlo. Come si può vedere, il pH del terreno è un problema importante nella coltivazione del tartufo.

Ma potete andare avanti e piantare i vostri alberi mentre cercate di portare il vostro terreno al giusto livello di pH. Almeno si possono far crescere gli alberi cercando di trovare il giusto equilibrio durante tutto il processo.


3. Pianificate il vostro impianto di irrigazione

Successivamente, sarà necessario pianificare un sistema di irrigazione. Come potete vedere, la coltivazione del tartufo non è un successo da un giorno all’altro. Ci vuole molto tempo e fatica per farli produrre.

Ma l’irrigazione è una delle cose che fa sì che le persone si arrendano così rapidamente perché hanno bisogno di molta acqua.

In pratica, lei è un giardiniere. Un albero ha bisogno di circa un pollice d’acqua alla settimana. Se si coltivano 100 alberi, è necessario circa un pollice d’acqua per albero a settimana. E’ un sacco d’acqua.

Avrete quindi bisogno di un sistema di irrigazione che renda l’irrigazione dei vostri alberi più facile, più efficiente e più efficace.

Quindi, se riuscirete a far sì che il terreno sia mantenuto al giusto pH e che gli alberi ricevano la giusta quantità d’acqua, supererete due dei maggiori ostacoli alla coltivazione dei vostri tartufi.


4. Piantare e curare gli alberi

Il passo successivo è quello di piantare e curare gli alberi. La parte della piantagione è molto importante perché piantare 10 alberi è un lavoro molto impegnativo. Non riesco a immaginare come sarebbe non riuscire a piantare 100 o anche 1.000 alberi.

Quindi assicuratevi di essere fisicamente pronti prima di iniziare questo compito.

Dovrete poi assicurarvi che i vostri alberi siano ben innaffiati, applicare la calce sul terreno per la manutenzione, potare i vostri alberi, rimuovere le erbacce tra gli alberi, pacciamare e concimare.

Ora il loro rischio maggiore nel processo di crescita è che le erbacce e l’erba crescano vicino ai loro alberi. Prenderanno le sostanze nutritive di cui i vostri alberi hanno bisogno per produrre. Non si può semplicemente tagliare tra gli alberi nelle prime fasi della loro crescita.

Per i primi due anni circa, quindi, dovrete tirare fuori gli alberi per i primi due anni circa. Una volta arrivati agli anni dai 3 ai 5, si può iniziare a tagliare.

Una volta che gli alberi sono stati piantati e curati, è il momento di iniziare a preparare il raccolto.


5. Addestrare un cane

La maggior parte delle persone ha scoperto che addestrare un cane da tartufo è il modo più semplice per raccogliere i tartufi.

In sostanza, così come i cani sono addestrati a sentire l’odore della droga, possono anche essere addestrati a sentire l’odore del tartufo. Questo vi farà risparmiare un sacco di tempo e fatica a scavare nel fango per scoprire che non c’erano tartufi.

O peggio, i tartufi perduti che c’erano, e tu non lo sapevi. Qui potete saperne di più su come addestrare un cane ad annusare i tartufi .


6. Cerca i cartelli

Successivamente, dovrete cercare i segni della formazione del tartufo alla base dei vostri alberi. Per fare questo, noterete “aree bruciate” intorno alla base dell’albero intorno al terzo anno circa.

In sostanza, questo significa che non c’è erba o erbacce che crescono vicino alla base dell’albero. Questo perché il tartufo rilascia un diserbante naturale che uccide le erbacce.

Quindi, se lo vedete o se vedete muschio o pellet crescere sull’albero, avete una buona indicazione che i tartufi stanno effettivamente crescendo sotto la base dell’albero.


7. Raccolto

Infine, intorno all’anno 5-8, sarà il momento di raccogliere i vostri tartufi. Quando si decide di coltivare il tartufo, è necessario assicurarsi di vivere in una zona in cui si hanno 4 stagioni solide. Il motivo è che i tartufi hanno bisogno del cambiamento di temperatura per svilupparsi.

Tuttavia, bisogna tenere presente che la terra che rimane congelata per giorni e giorni è davvero male per i tartufi, perché può influire sulla loro qualità.

Inoltre, raccoglierete i vostri tartufi in inverno. Dove la neve è buona per isolare i tartufi, troppo ghiaccio è un male per la qualità e per la raccolta.

Chiaramente, toglierli dal terreno ghiacciato non è una buona opzione.

Così, quando l’inverno arriverà intorno all’anno 5-8, vorrete scavare nella base dell’albero fino a quando non potrete estrarre i vostri tartufi che vi crescono silenziosamente da anni.


Pro e contro

Allineare”>>

attraverso il blog fotografico di Wilderness Travel

Ci sono ovviamente vantaggi e svantaggi per ogni cultura che si fa. Dobbiamo essere consapevoli di loro con i tartufi, soprattutto per il tempo e il denaro che dobbiamo investire in loro.


Il lato buono della coltivazione del tartufo:

1. molti vantaggi

Ovviamente, i tartufi sono una rarità nella maggior parte dei luoghi. Ecco perché vendono a un prezzo così alto.

In teoria, quindi, si può trarre un buon profitto dal proprio raccolto. Se siete alla ricerca di un raccolto in cui valga la pena investire, allora il tartufo potrebbe essere la soluzione.

2. Poca manutenzione dopo i primi anni

I tartufi sono molto impegnativi all’inizio. Ma una volta stabilita la zona, e passati i primi anni, allora si dovrà mantenere l’erba tagliata e un po’ di calce nel terreno per mantenere il pH, ma questo è tutto.


Cosa c’è di sbagliato nella coltivazione del tartufo

Con ogni professionista, di solito c’è una truffa. I tartufi non sono diversi. Quindi bisogna pensare a queste cose prima di saltare.

1. lunga durata

La coltivazione del tartufo richiede molto tempo. In realtà, quasi la metà delle aziende produttrici di tartufi sono in difficoltà perché la gente è stanca di investire tempo e denaro in qualcosa per anni e anni senza vedere alcun ritorno.

Quindi dovete assicurarvi di essere pronti ad essere pazienti per un periodo di 5-8 anni, perché ci vuole tempo. Anche per questo motivo hanno optato per questo premio.

2. molti investimenti iniziali

Quando si decide di coltivare il tartufo, bisogna fare un grosso investimento. Nella mia ricerca ho scoperto che la maggior parte degli alberi costa più di 20 euro per albero.

Inoltre, deve essere investita una tonnellata di calce e deve essere installato un impianto di irrigazione. Molte persone hanno investito più di 20.000 euro in tartufi.

Ora, una volta che iniziano a produrre, puoi farlo di nuovo in un anno di raccolta (da quello che mi è stato detto.) Ma è un grosso rischio quando devi aspettare 8 anni per vedere se ottieni un ritorno sul tuo investimento.

Bene, ora sai come coltivare i tartufi da solo. Come potete vedere, i rischi sono molti, ma anche le ricompense.

Ci auguriamo che le informazioni qui presentate vi aiutino a prendere una decisione più sicura in questo sforzo.

Ma mi piacerebbe saperne di più su di te. Avete mai pensato di coltivare il tartufo? Se sì, qual è stata la sua esperienza? Attualmente coltiva il tartufo? Se sì, qualche consiglio per chi sta pensando di farlo?

Siamo sempre lieti di ricevere i vostri commenti, quindi non esitate a lasciarli nell’apposito spazio sottostante.

>

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *