Suggerimenti

Giardino ecologico: prevenire e combattere funghi come oidio, oidio o ruggine

È meglio prevenire… .. Malattie come la muffa così come parassiti fungini come l’oidio e la ruggine sono molto comuni soprattutto quando ci sono alte temperature e umidità o piogge.

Ricorda che per evitare parassiti e malattie nel tuo orto biologico è meglio optare per varietà vegetali autoctone, poiché sono abituate al clima e ai parassiti della zona e sono più resistenti, andrebbe praticata la rotazione e l’associazione delle colture, favorendo la fertilità della terra, includono piante aromatiche, ecc. È inoltre importante evitare l’irrigazione a pioggia e optare per l’irrigazione a goccia, impedendo così la proliferazione dei funghi.

Con questo biopreparato possiamo prevenire e combattere lo sviluppo di funghi che possono causare malattie. Questo rimedio è un ottimo modo ecologico per proteggere le piante e rafforzarle per combattere le malattie. I funghi possono attaccare sotto forma di muffe o sotto forma di polvere su foglie, frutti o fiori. Possono causare danni e influenzare lo sviluppo e la produttività delle piante, fino alla morte. Si sviluppano quando ci sono alte temperature e umidità o pioggia.

I sintomi della muffa nelle piante sono macchie marroni o giallastre sul lato superiore della foglia e sul lato inferiore sono grigiastre e hanno una consistenza simile a lanugine. Sebbene dipenda dalla pianta attaccata dalla muffa, può essere di un colore diverso. La muffa è una malattia che causa un fungo e la sua comparsa è comune in estate e in primavera.

L’ oidio si distingue per la sua somiglianza con il frassino, è una polvere bianca che si presenta solitamente in primavera e potrebbe rimanere in giardino fino all’autunno. Impedisce la fioritura e fa raggrinzire o avvolgere le foglie su se stesse. L’oidio colpisce le foglie, i rami e i frutti.

La ruggine è caratterizzata dal lasciare machas arancione, rosso o marrone sul lato inferiore, mentre il raggio o il lato superiore del foglio sono gialli.

In ogni caso, rimuovere, per quanto possibile, le parti danneggiate delle piante prima dell’irrorazione.

Per realizzare questo biofungicida fatto in casa avremo bisogno di:

  • 1 litro d’acqua
  • 30 gr di fiori di camomilla essiccati ( matricaria chamomilla )

Elaborazione

Mettere l’acqua a fuoco medio e quando sta per bollire aggiungere la camomilla. Togliete dal fuoco, coprite e lasciate riposare per 12-24 ore.

Quindi filtrare e applicare (senza la necessità di diluire) spruzzando sulle piante a fine giornata per 1 settimana se lo si utilizza per prevenire. Se c’è già presenza di funghi, usalo 2 volte al giorno (per prima cosa al mattino e all’ultimo minuto).

Per essere più efficace, è preferibile applicarlo il prima possibile una volta pronto.

Oltre a rafforzare le piante, contiene zolfo e potassio.

Infine, quando si utilizzano gli attrezzi ricordarsi di pulirli per non trasmettere i funghi ad altre piante sane.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.