Suggerimenti

La mosca bianca: che cos’è? Come identificarlo? Come combatterlo?

La mosca bianca, originaria dell’Asia, è considerata una delle 100 specie esotiche più dannose al mondo.

Si tratta di un piccolo emittero di colore chiaro, che supera appena i 2 mm di lunghezza . Le sue due ali bianche gli permettono di muoversi abbastanza facilmente tra le piante . Durante l’ inverno rimane sulla pagina inferiore delle foglie .

La mosca bianca si nutre di linfa, riducendo la produttività della pianta .

Si nutre anche di foglie . Le specie che fanno più danni alle colture sono la mosca bianca delle serre, che si chiama Trialeurodes vaporariorum e la mosca bianca del tabacco , scientificamente chiamata Bemisia tabaci , che rappresenta un grave problema economico a livello mondiale, poiché è diventato un parassita chiave nelle colture orticole e ornamentali intorno il mondo.

Possono deporre fino a cento uova durante i venti giorni che normalmente dura la loro vita e il loro ciclo biologico prevede quattro fasi di sviluppo: uovo, larva (attraversa tre evoluzioni), pupa e adulto . 

Le femmine depongono le uova in modo sparso , preferibilmente sulla pagina inferiore delle foglie più tenere , anche se in alcune colture preferiscono il fascio.

Con lo sviluppo della pianta, e data la scarsa mobilità delle fasi immature , queste vengono lasciate nelle foglie di maggiore età e sviluppo. Per questo motivo, man mano che si sale sulla pianta , si possono osservare progressivamente popolazioni più giovani.

I danni che provocano principalmente nelle colture sono:
  • Macchie giallastre sulle foglie.
  • Deformità in frutti, foglie e steli, come rigonfiamento, arricciatura o arricciatura.
  • Se la popolazione è molto elevata, può portare ad un indebolimento della pianta, clorosi e disseccamento delle foglie.
  • Inoltre, la melassa secreta da questo parassita favorisce l’attacco del fungo provocato dal grassetto , che provoca una diminuzione della qualità del raccolto.

Il danno indiretto si verifica attraverso la trasmissione di virus. La mosca bianca trasmette il virus dell’ingiallimento nelle cucurbitacee

Mentre Bemisia tabaci trasmette un maggior numero di virus nelle colture orticole, tra cui il virus riccio giallo del pomodoro, crinivirus e carlavirus e begomovirus, che possono causare perdite di raccolto tra il 20% e il 100%

Come dati aggiuntivi, la mosca bianca è un vettore del virus del mosaico della manioca . La manioca è una delle colture di base e dell’alimento base in tutta l’ Africa subsahariana.

Quali colture colpisce?

Lo troviamo nella parte inferiore delle foglie di melanzane , zucchine, fagioli , melone , cetriolo, peperone , anguria e pomodori .

Lo possiamo trovare anche nelle colture floreali come la stella di Natale e l’ibisco.

Come combattiamo la mosca bianca?

Le mosche bianche sono solitamente attratte dai colori giallo e verde chiaro , quindi è possibile posizionare trappole o contenitori di questi colori con superfici appiccicose per farle aderire .

Un’altra forma di prevenzione consiste nel posizionare delle reti intorno al giardino  e pulire le erbacce e qualsiasi tipo di rifiuto o residui di colture precedenti.

Allo stesso modo, si consiglia di non unire le colture nella stessa serra , né di abbandonare i germogli a fine ciclo , poiché i giovani germogli attirano gli aleurodidi adulti.

Il controllo biologico può essere effettuato attraverso i suoi nemici naturali . Alcuni di loro sono la coccinella (coccinella) , lacewing , coleotteri predatori (Orius sp) e vespe parassite (Encarsia sp).

Per combatterli, inoltre, possono essere utilizzate alternative ecologiche , come l’applicazione di sapone di potassio all’1% spruzzato con pioggia o acqua distillata sulla parte inferiore delle foglie .

 

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.