Suggerimenti

Lo studio scopre la presenza di sostanze chimiche pericolose nell’abbigliamento per bambini di marchi noti

Lo studio di Greenpeace scopre la presenza di sostanze chimiche pericolose in un’ampia gamma di articoli di noti marchi di abbigliamento per bambini.
.
SINTESI
Una nuova indagine di Greenpeace ha scoperto la presenza di sostanze chimiche tossiche in articoli di diversi marchi commerciali di abbigliamento e calzature per bambini, tra cui abbigliamento moda, marchi specializzati nello sport e marchi di lusso .
.
Lo studio riprende una ricerca pubblicata da Greenpeace, nell’ambito della sua campagna Detox, che ha segnalato la presenza di varie sostanze chimiche tossiche nella fabbricazione di prodotti tessili e in pelle. Questo studio conferma che l’uso di sostanze tossiche continua ad essere una pratica comune nella produzione di abbigliamento per bambini.
.
A maggio e giugno 2013, sono stati acquistati nei negozi un totale di 82 prodotti tessili per bambini, fabbricati in almeno 12 paesi. Tra i marchi acquisiti ci sono American Apparel, C&A, Disney, GAP, H&M, Levi’s, Primark e Uniglo ; marchi sportivi come Adidas, LiNing, Nike e Puma , così come i marchi di lusso Valentino o Burberry . I prodotti sono stati spediti ai laboratori di ricerca di Greenpeace presso l’ Università di Exeter nel Regno Unito, da dove sono stati distribuiti a laboratori indipendenti autorizzati. Tutti i prodotti sono stati analizzati per la presenza di nonifenoletossilati (NPE); alcuni sono stati analizzati anche per ftalati, organostagno, per/polifluorurati (PFC) o antimonio, nei casi in cui l’analisi fosse rilevante per la tipologia di prodotto.
.
Le sostanze chimiche pericolose rilevate in alcuni dei prodotti analizzati hanno prodotto risultati superiori ai limiti tecnici di rilevamento utilizzati in questo studio. Sebbene questi prodotti siano stati realizzati per i bambini, non sono state riscontrate differenze significative tra la gamma e i livelli chimici riscontrati in questo e negli studi precedenti in cui sono state analizzate queste sostanze chimiche.
.
Risultati rilevanti

Hanno trovato nonilfenoli etossilati (NPE) in 50 degli 82 prodotti analizzati, a livelli superiori a 1 mg/kg (limite di rilevazione) a maggiori de17.000 mg/kg. Questo è l’equivalente del 61% dei campioni.

Tutti i marchi avevano almeno un prodotto in cui sono stati rilevati NPE. I marchi con i livelli più alti di NPE (oltre 1.000 mg/kg) erano C&A, Disney e American Apparel. Burberry non era da meno, con un livello di 780mg/kg in un unico prodotto.
.
È stato riscontrato che i prodotti di 10 dei 12 paesi analizzati contengono NPE
.
Gli ftalati sono stati rilevati in 33 dei 35 campioni con stampe plastiche, due dei quali contenevano le concentrazioni più elevate di ftalati rispetto agli altri articoli analizzati; una t-shirt Primark venduta in Germania conteneva l’11% di ftalati e una canotta monopezzo di American Apparel venduta negli Stati Uniti conteneva lo 0,6% di ftalati. I livelli di ftalati contenuti in questi due articoli non sarebbero consentiti in determinati giocattoli e prodotti.
per la cura dei bambini ai sensi della normativa per quei prodotti in vendita negli Stati Uniti, che non si applica ai capi di abbigliamento.
.
L’organostagno è stato rilevato in tre articoli con impronte plastiche (su 21 analizzati) e in tre articoli di calzature (su cinque analizzati).
Le più alte concentrazioni di organostagno sono state trovate in tre prodotti per calzature di Puma e Adidas, con i livelli più alti nella scarpa sportiva Puma. Di tutti loro, le concentrazioni di organostagno (dioctilstagno dilaurato [DOT]) erano superiori alla misurazione standard.
.
Elenchi di sostanze soggette a restrizioni
.
 Nella composizione di ciascuno degli articoli analizzati sono stati rilevati uno o più PFC.
.
Tre prodotti Adidas, un giaccone Nike e una giacca Uniqlo avevano concentrazioni relativamente elevate di PFC (sia volatili che ionici).
.
 La più alta concentrazione di PFC ionici di tutti gli articoli è stata rilevata nei pantaloni impermeabili venduti da H&M.
.
 L’analisi per i PFC ionici ha rilevato PFOS in un paio di scarpe da tennis Adidas e in un costume da bagno Burberry7
.
 Le concentrazioni di PFOA ionico per area in un costume da bagno Adidas erano superiori al limite di 1 μg / m² imposto dalla Norvegia per il 2014 e persino al limite imposto da Adidas sul suo elenco di sostanze soggette a restrizioni.
.
 L’antimonio è stato rilevato in tutti gli articoli testati, inclusi tessuti in poliestere o una combinazione di poliestere e altre fibre.
.
Puoi vedere il documento completo cliccando qui
.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.