Suggerimenti

Olio di cocco, a cosa serve? Applicazioni per la salute, i capelli, la pelle e la cucina

La natura è alleata della nostra salute e bellezza e ci fornisce sostanze nobili, dai molteplici benefici. Uno di questi è l’olio di cocco, che si è dimostrato straordinario per la nostra salute.

In questo articolo ti diciamo:

  • Qual è la composizione dell’olio di cocco
  • Le sue proprietà
  • A cosa serve l’olio di cocco?
  • Diversi usi sulla pelle, sui capelli e nelle ricette di cucina.
  • Un video sulle proprietà e gli usi più notevoli dell’olio di cocco.

Conosci meglio l’olio di cocco per sfruttarne le proprietà e i benefici!

Come sempre, è preferibile scegliere un olio di cocco biologico per preservare al meglio le sue qualità nutrizionali e terapeutiche.

Se stai leggendo questo post è perché sei preoccupato per la tua salute e ti piace stare bene, giusto? Scegli frutta e verdura biologica e prenditi cura di te dall’esterno con prodotti per l’igiene e la cosmesi BIO . Ricorda che il cibo ECO è l’opzione migliore per te e per la natura.

..

Cos’è l’olio di cocco?

L’olio di cocco è una sostanza, di origine vegetale, ricavata dal frutto della palma da cocco .

Come si ottiene l’olio di cocco? Si ottiene dalla spremitura a freddo della polpa di cocco.

Come si può identificare un olio di cocco di buona qualità? Scegli sempre un olio di cocco biologico. Ciò significa che durante la coltivazione della palma da cocco non sono stati utilizzati pesticidi e che durante l’estrazione dell’olio non sono stati utilizzati processi chimici, né è stato sbiancato, deodorato o raffinato.

Leggi_ Guida alle Spezie per conoscerne le proprietà e gli usi in cucina

Composizione dell’olio di cocco

L’olio di cocco è composto per il 90% da grassi saturi , prevalentemente acidi grassi a catena corta e media. Di questi, il 45% corrisponde all’acido laurico, che si trova raramente in natura, essendo l’olio di cocco quello che lo contiene in proporzione più alta. Seguono acido palmitico, caprico, caprilico, miristico. Infine, con valori inferiori al 6% troviamo acido oleico, stearico e linoleico.

I grassi saturi fanno solidificare l’olio di cocco a temperatura ambiente, motivo per cui viene spesso chiamato burro di cocco .

Quali sono le proprietà dell’olio di cocco?

I componenti dell’olio di cocco gli conferiscono un’azione antimicotica, antivirale, antibatterica, stimolante del metabolismo, rigenerante, antinfiammatoria, idratante e nutriente.

Leggi Come fare in casa il sapone al latte di cocco e mandorle

A cosa serve l’olio di cocco?

A causa della sua composizione, il burro o l’olio di cocco ha molteplici proprietà.

Dal punto di vista nutrizionale, la sua composizione, ricca di acidi a catena corta e media, è benefica per la sua rapida utilizzazione metabolica. Questi acidi vengono digeriti, attraversano facilmente le membrane e costituiscono un’elevata fonte di energia , trasformandosi direttamente, senza essere immagazzinati come grasso (1,2) . Inoltre, gli acidi grassi nell’olio di cocco accelerano il metabolismo, aumentando il consumo giornaliero di calorie e aiutando così a perdere peso , cosa molto interessante per le persone con obesità o sovrappeso che vogliono perdere peso e perdere peso. .

D’altra parte, l’acido laurico può combattere virus , batteri e funghi che sono ricoperti da una membrana lipidica come HIV, morbillo, herpes, Escherechia coli, Staphylococcus aureus, Candida albicans. Tra gli altri. (3)

Sulla pelle, questo olio è benefico grazie al suo alto contenuto di grassi. Migliora l’idratazione nelle persone con pelle secca (4) e il suo effetto antibatterico lo rende utilizzabile localmente (3) . Inoltre, aiuta a sfumare ed eliminare smagliature e macchie sulla pelle , apportando grasso, vitamine e migliorando la rigenerazione cellulare.

Nei capelli, agisce proteggendoli dai danni dei capelli causati dall’affaticamento idrico (5) . Il suo contenuto di acido laurico riduce la perdita di proteine ​​grazie alla sua elevata affinità con esse e al suo basso peso molecolare, inoltre protegge la fibra capillare (6) . Inoltre, agisce riparando i capelli trattati chimicamente e termicamente (7) . È invece efficace come cura contro i pidocchi (4) e gli sono stati attribuiti effetti antiforfora. .

Altri benefici molto interessanti attribuiti al consumo di olio di cocco sono:

  • Diminuzione del danno pancreatico e dei livelli di glicogeno nelle persone diabetiche.
  • Miglioramento delle condizioni nei pazienti con Alzheimer (9) e demenza
  • Alleviare la sindrome premenopausale (agendo come regolatore ormonale) (3) .

Applicazioni di olio di cocco

Come i suoi benefici, i suoi usi sono diversi. Tra le applicazioni dell’olio di cocco segnaliamo:

Olio di cocco per capelli

Come balsamo , può essere utilizzato applicandolo prima di lavare i capelli e lasciandolo agire per almeno un’ora o durante la notte, se si preferisce, quindi passare alla consueta routine di pulizia.

L’uso di questo olio è consigliato anche una volta che abbiamo lavato i capelli e sono già asciutti. Lo lasciamo per un minimo di mezz’ora, a seconda del danno dei capelli e potendo migliorare la sua efficacia applicando il calore (usando l’asciugacapelli). In questo modo lo nutriamo in profondità ed evitiamo l’ effetto crespo .

Puoi anche usare l’olio di cocco per districare e idratare i capelli . Si applica e si lascia sui capelli, senza risciacquare, applicandolo dal centro alle punte e poi pettinandolo delicatamente.

Un altro utilizzo è come antiforfora , massaggiando il cuoio capelluto e lasciandolo agire per 10 minuti o più, sciacquandolo poi con abbondante acqua e lavandolo con il nostro solito shampoo. Vi lascio anche un articolo in cui vi offro rimedi più naturali e casalinghi contro la forfora .

Olio di cocco per la pelle

Come idratante, l’olio di cocco è il nostro alleato per la riduzione e l’ eliminazione di smagliature e macchie scure sulla pelle . Per questo, dovrebbe essere usato almeno 2 volte al giorno, preferibilmente dopo la doccia.

L’olio si applica su tutto il corpo o nella zona interessata e massaggiando delicatamente in modo circolare per migliorarne l’assorbimento.

Oltre ad aiutare con smagliature e macchie, l’olio di cocco è molto efficace nel lasciare la pelle nutrita, liscia e combattere l’invecchiamento . Applicare olio di cocco su viso e collo per mantenere la pelle radiosa.

Olio di cocco in cucina

E, naturalmente, uno degli usi più popolari e benefici dell’olio è in cucina.

L’olio di cocco è il miglior olio che possiamo utilizzare quando prepariamo ricette di cucina che includono cibi fritti, poiché è l’olio che impiega più tempo ad ossidarsi e quello che resiste a temperature più elevate, anche rispetto all’olio di oliva vergine .

Questo olio non viene utilizzato solo per friggere, viene anche aggiunto a bevande come caffè e .

E, naturalmente, quando si tratta di usare l’olio di cocco in cucina, puoi realizzare ricette in cui sostituisci la sostanza grassa (burro o olio d’oliva) con l’olio di cocco per mantenere i tuoi pasti deliziosi, nutrienti e sani.

Scopri come preparare deliziose palline di cocco .

Altri usi dell’olio di cocco

In quei pazienti che soffrono di Alzheimer o demenza, l’olio di cocco può essere aggiunto alla loro dieta, poiché è stato dimostrato che migliora notevolmente la loro condizione.

Lo stesso nei diabetici e in quei pazienti che stanno per subire un intervento chirurgico e necessitano di una dieta ipercalorica. Per loro viene utilizzata una dose compresa tra 30 e 40 ml al giorno.

L’olio di cocco è anche usato come repellente per insetti e come biodiesel ecologico (3) .

Riferimenti

  • 1 file: /// C: /Users/Usuario/Downloads/762-772-1-PB.pdf
  • 2 https://www.aulamedica.es/nh/pdf/9707.pdf
  • 3 https://ac.els-cdn.com/S1995764511600783/1-s2.0-S1995764511600783-main.pdf?_tid=f6edd042-1810-11e8-a08f-00000aacb362&acdnat=1519332357_ec5ec2415e9520899fd2542
  • 4 https://medlineplus.gov/english/druginfo/natural/1092.html
  • 5 https://rassrosh.com/bm/pdf/secondary%20ion%20mass%20spectrometric%20investigation%20of%20penetration%20of%20coconut%20and%20mineral%20oils%20into%20human%20hair.pdf
  • 6 https://europepmc.org/abstract/med/12715094
  • 7 https://journal.scconline.org/abstracts/cc1999/cc050n06/p00327-p00339.html
  • 8 https://circ.ahajournals.org/content/136/3/e1
  • 9 https://www.aulamedica.es/nh/pdf/9707.pdf

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.