Suggerimenti

Parassiti e malattie dello zafferano: [Rilevazione, cause e soluzioni]

Lo zafferano è una delle spezie di alta qualità più consumate al mondo e, soprattutto, la Spagna rappresenta il principale esportatore.

Ciò ha portato con sé che l’interesse a sapere tutto sulla sua coltivazione, condizioni e, naturalmente, parassiti e malattie, aumenta notevolmente.

Essendo una spezia ad alto valore monetario, il lavoro è molto importante nella coltivazione e questo rende più facile essere consapevoli del suo comportamento. Se non conosci molto l’argomento o sei interessato a documentarti di più in merito, qui ti lasciamo tutti i dettagli su cosa può interessarlo e come affrontarlo.

Cattivo vinoso

È una malattia causata dalla presenza di un fungo nel terreno in cui è stabilita la coltura. La sua azione immediata agisce sul bulbo, intaccandone la struttura e prima di farlo diventare viola.

Man mano che si evolve, il colore diventa nero, causando la putrefazione assoluta del bulbo.

A livello dell’aria sono presenti anche sintomi, come il colore giallo che le piante iniziano ad acquisire, nonché un indebolimento evidente ad occhio nudo.

Un modo per verificare se si tratta di questa malattia è strappare la pianta , che sicuramente si staccherà facilmente. Infatti, quando si esegue questa azione, ciò che verrà mostrato è il bulbo interessato che viene lasciato nel terreno separato dalla pianta .

L’uso di fungicidi non dà molte aspettative nel recupero delle colture. Questo perché, nella maggior parte dei casi, la malattia viene rilevata dopo che ha causato molti danni all’apparato radicale.

Tuttavia, una tecnica che sembra generare buone aspettative ha a che fare con il sottoporre le colture a bagni ad alta temperatura In questo modo l’acqua calda ha la possibilità di uccidere il fungo o, almeno, di controllarne gli effetti più dannosi.

In altre azioni è conveniente procedere alla rotazione delle colture , nonché alla regolare disinfezione del terreno.

Marcire

È un’altra malattia causata da un fungo e il cui raggio d’azione si trova anche sul bulbo. In questo caso, le macchie che si generano sono comprese tra il marrone e il nero. 

Prima sono di piccolo diametro e poi avanzano fino a coprire l’intera struttura.

A livello aereo è evidente che qualcosa non va molto bene, perché le foglie non si aprono mai e il fusto cresce troppo , superando le dimensioni delle piante sane.

Le cause più probabili dell’attacco del marciume sono dovute al fatto che per la semina vengono utilizzati bulbi che già portano la malattia. La cosa più dannosa è che essendo una malattia che sopravvive sottoterra, si diffonde rapidamente da una pianta all’altra.

L’unica soluzione ad oggi disponibile è eliminare le piante colpite e quelle che si trovano immediatamente accanto ad esse. Bruceranno e sarà necessario utilizzare il terreno in un altro tipo di coltivazione per evitare ulteriori danni alla struttura dei crochi.

topi talpa

Sono uno dei parassiti a cui bisogna prestare la massima attenzione nei campi con coltivazioni di zafferano perché generano notevoli danni.

Questa specie conduce una vita prevalentemente sotterranea che svolge attraverso la creazione di gallerie o cunicoli attraverso i quali si muove.

Il dettaglio è che attraverso di essi entrano in contatto con i bulbi, che si consumano abbastanza velocemente , provocando una perdita totale.

Come sono visibili per dimensioni, si possono notare in alcuni punti della piantagione, ma il più comune è visualizzare i cumuli di terra che lasciano raggruppati agli ingressi e alle uscite delle gallerie.

Per farli sparire si può praticare la caccia seguendo il percorso delle gallerie fino a trovare le talpe e sterminarle. Un’altra soluzione consiste nel fumo prodotto dopo aver bruciato lo zolfo , che entrerà in uno degli ingressi, facendo soffocare le talpe.

In commercio è possibile reperire anche le cartucce matatopos che vengono immesse nelle gallerie e la cui azione produce una serie di fumi che le soffocano. È importante notare che in questi ultimi due casi le altre bocchette devono essere coperte per evitare la fuoriuscita del fumo.

Un’ultima alternativa per quanto riguarda il livello di consumo dei roditori è quella di collocare uva avvelenata agli ingressi delle gallerie. Durante la notte, quando usciranno dal nascondiglio, li mangeranno e per un’azione logica moriranno.

erbacce

La coltivazione dello zafferano è abbastanza soggetta alla presenza di infestanti che generano notevoli danni all’intera produzione.

La prima ragione per cui è così è perché sfruttano i nutrienti, lo spazio e la radiazione solare dall’ambiente. Tutto ciò causa logicamente un effetto negativo sullo sviluppo di piante di zafferano sane.

Tuttavia, uno dei problemi più preoccupanti in merito a questa questione ha a che fare con il fatto che possono ospitare parassiti e malattie. 

In questo caso, il danno che si verifica nella pianta può essere comunque superiore a quello che si stima in un raccolto normale, se l’attacco esiste.

Per affrontare questo problema, è meglio sfruttare l’uso di erbicidi per ridurre le possibilità di insorgenza. Un’altra azione importante, e forse molto più efficace, è l’uso della manodopera per eliminare tutte le erbe che interferiscono con la sana produzione dello zafferano.

È per questo, infatti, che all’inizio abbiamo accennato all’importanza della vigilanza dell’uomo per la corretta raccolta dello zafferano. 

Ed è che sebbene sia una piantagione che di solito è abbondante intorno alla produzione, è sempre possibile perderne fino al 20% a causa di uno qualsiasi degli elementi dannosi presentati qui.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.