Suggerimenti

Riciclo del vetro: processo, applicazioni e vantaggi

Già prima dell’Impero Romano si praticava il riciclaggio del vetro . I vetrai sapevano che era più facile fondere il vetro usato che procurarsi materie prime, lavorarle e produrre nuovo vetro.

Il vetro è un materiale che, per le sue caratteristiche, è facilmente recuperabile. Il contenitore in vetro è riciclabile al 100% , da un contenitore usato si può realizzare uno nuovo che abbia le stesse caratteristiche. I contenitori in vetro supportano questa operazione di riciclaggio tutte le volte necessarie.

Il vetro è una sostanza dura e fragile, generalmente trasparente, molto resistente all’acqua, alla luce e agli agenti chimici, che si ottiene dalla solidificazione di una fusione più o meno complessa di silicati e in parte anche di borati. Questa massa rimane in uno stato amorfo una volta solida e passa attraverso vari stati intermedi, da molto fluido, a circa 1.000°C, a denso o viscoso, a 400°C. In quest’ultimo stato può assumere forme diverse con varie procedure. Le materie prime più importanti sono quarzo (sabbia) 70%, alcali (soda o potassa) 20% e roccia calcarea o calcarea 10%, insieme a una varietà di additivi come borace, allumina, acido fosforico, salnitro e combinazioni di piombo, eccetera. Si trovano anche in natura, ad esempio nell’ossidiana, un materiale vulcanico, e nelle tectiti.

Se prendiamo in considerazione il colore i più usati sono:

  • Il verde , 60%, è ampiamente utilizzato in bottiglie di vino, champagne, liquori e birra.
  • Il bianco , 25%, utilizzato in bibite, succhi di frutta e alimenti in genere.
  • L’ extra chiaro , 10%, destinato essenzialmente ad acque minerali, vasetti e bottiglie decorative.
  • L’ opaco , 5%, in bottiglie di birra e alcune da laboratorio.

Riciclo del vetro

Il consumatore responsabile è l’elemento chiave nella catena del riciclo del vetro . Senza la loro collaborazione, separando alla fonte e depositando i rifiuti dei contenitori di vetro nei corrispondenti contenitori verdi, questa catena non potrebbe essere completata.

I contenitori di vetro verde che si trovano per le strade servono a raccogliere solo i contenitori di vetro (barattoli, barattoli e bottiglie) che tutti consumiamo. Esistono altri materiali, come la ceramica o altri tipi di vetro (vetri, vetri, ecc.), che, avendo una composizione diversa da quella del vetro nei contenitori, devono essere depositati nei punti puliti delle città e villaggi, città.

  • La ceramica e la porcellana hanno bisogno di più temperatura di fusione.
  • I bicchieri e le tazze di vetro contengono ossido di piombo, che fornisce alcune capacità come suono e luminosità, e non possono essere fusi negli stessi forni in cui vengono prodotti i contenitori di vetro.
  • I barattoli e le bottiglie di droga entrano in un altro circuito diverso dal riciclaggio.

La raccolta del vetro domestico viene effettuata in appositi contenitori e viene trasportata con camion ai corrispondenti centri di accoglienza che le industrie di recupero hanno solitamente in prossimità dei centri abitati.

Nei centri di raccolta vengono svolte le operazioni preliminari al recupero del vetro, quali separazione delle frazioni estranee, molatura e pulitura.

Per riciclare il vetro, lo si frammenta in piccole parti, ottenendo calcina (vetro selezionato, pulito e macinato), e bottiglie o contenitori di diverso colore non possono essere mescolati.

Le fasi principali del processo di riciclaggio del vetro sono:

  • Pulizia iniziale, separazione dei coperchi e separazione dei colori.
  • Riduzione del volume mediante schiacciamento o rottura e separazione di cappucci e anelli metallici non precedentemente rimossi. Si consiglia di schiacciare o rompere il vetro dopo la separazione del colore.
  • Il vetro frantumato viene passato attraverso un apposito setaccio per ottenere la granulometria desiderata.
  • Preparazione e trasporto. Generalmente, il vetro viene immagazzinato fino a quando non si è accumulata una quantità sufficiente di colore per renderlo conveniente per il trasporto alle fabbriche di imballaggio.
  • Il lavaggio finale viene effettuato in fabbrica utilizzando attrezzature specializzate che separano i materiali residui come etichette in plastica e carta.
  • L’ultima fase consiste nel mescolare il vetro rotto con le materie prime utilizzate per realizzare il vetro. Il lotto viene quindi fuso in un forno a una temperatura di circa 1.500 C. Il fuso cade su una macchina per lo stampaggio dove viene soffiato o modellato nella forma finale. I nuovi contenitori già formati vengono raffreddati in un tunnel di ricottura. Infine, vengono ispezionati per eventuali difetti, imballati e trasportati all’azienda di confezionamento.

I produttori di contenitori in vetro includono vetro frantumato insieme a materie prime come sabbia, cenere e calce per ridurre le temperature del forno di fusione.

Il problema più comune associato al riciclaggio del vetro è la contaminazione dalla miscela di colori e la presenza di materiali estranei. La vetreria mista non ha alcun valore reale per gli utenti del forno. Molti metalli, pietre, ceramiche e altri elementi non si fondono nella fornace insieme ai materiali che compongono il vetro, creando grumi o bolle nelle bottiglie. Ciò causa problemi estetici e indebolisce anche la parete del contenitore. Nella fornace del vetro, i contaminanti di ferro e piombo cadono sul fondo del serbatoio e corrodono il rivestimento in mattoni.

Applicazioni in vetro riciclato

Sebbene per la produzione di contenitori di vetro venga utilizzato solo il vetro per contenitori, il vetro rotto può essere utilizzato in altri processi di produzione e in altre applicazioni industriali come isolamento in lana di vetro, pali del telefono e recinzioni fatte di miscele di vetro rotto e polimeri plastici.

Il vetro riciclato viene utilizzato per preparare materiale per pavimentazione e prodotti da costruzione come mattoni, piastrelle di argilla, piastrelle e calcestruzzo espanso leggero. Anche in vernice riflettente per segnaletica stradale, realizzata con piccole sfere di vetro, abrasivi, ammendanti per migliorare il drenaggio e la distribuzione dell’umidità e sabbia artificiale per il ripristino delle spiagge .

Vantaggi del riciclaggio del vetro

I vantaggi del riciclaggio del vetro includono il riutilizzo del materiale, il risparmio energetico , la riduzione dello spazio in discarica e , in alcuni casi, un compost più pulito o un migliore combustibile derivato dai rifiuti.

Ad esempio, per ogni 3.000 bottiglie di vetro rifuse si ottiene quanto segue:

  • Ridurre l’inquinamento atmosferico del 20%, non bruciando nuovi combustibili per creare nuovi imballaggi.
  • Risparmia più di 1,2 tonnellate di materie prime, riducendo così l’ erosione del suolo per estrazione.
  • Diminuire di 1.000 kg. i rifiuti domestici prodotti che vanno in discarica.
  • Un risparmio energetico importante, poiché la temperatura necessaria per fondere il calcinato è del 26% inferiore a quella necessaria per fondere le materie prime originali.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.