Suggerimenti

Semina la coda d’asino nel tuo giardino: [Irrigazione, cura, luce e substrato]

La coda d’asino, il cui nome scientifico è Sedum morganianum, è una pianta succulenta appartenente alla famiglia delle Crassulaceae. La sua origine è messicana.

È anche conosciuto come Sheep’s Tail o Drunk’s Nose ed è davvero sensazionale coltivarlo in cesti appesi per decorare spazi molto speciali della tua casa.

È costituito da una successione di foglie praticamente cilindriche di una tonalità verde grigiastra che pendono grazie ai suoi lunghi steli con una bella caduta.

Queste caratteristiche la rendono una pianta da interno perfetta per gli inesperti. È anche molto, molto resistente .

È anche una scelta eccellente come pianta da giardino pensile o pianta da appendere per interni.

Non richiede grandi cure.

È solo necessario coltivarlo in un vaso con un ottimo drenaggio, che dovresti posizionare in un luogo con una buona altezza quando i suoi steli raggiungono la piena crescita, per proteggere le sue foglie uniche.

Punti importanti quando si semina la coda d’asino:
  • Famiglia? piante grasse
  • Temperatura? Si adatta molto bene a diverse temperature. Ama il caldo, ma tollera le basse temperature tra 5-7º.
  • Leggero? Hai bisogno di luce indirettamente. Almeno 4 ore di sole al giorno.
  • ¿ Abono ? Puoi usare il vermicompost o il compost . Fallo 2-3 volte l’anno.
  • Rischi? In estate e in primavera sono sufficienti 2-3 volte a settimana. In inverno una volta al mese.

Piccoli fiori rosa spuntano in primavera e in estate all’estremità degli steli , ma ciò accade raramente, a meno che non venga incoraggiato a tenerlo al riparo dal sole durante le giornate estive.

Un’altra caratteristica che lo identifica è che si riproduce molto facilmente, perché basta prendere una talea e incollarlo nel substrato inumidito. Presto nascerà un nuovo impianto che, in verità , sarà tranquillo autosufficiente e non richiederà grandi cure. 

Vediamo quali sono le esigenze minime di questa pianta americana capace di immagazzinare acqua nelle sue foglie uniche.

Temperatura

La coda d’asino è più alta di molte altre succulente nel compito di adattarsi alle alte temperature. 

Gli piace il caldo.

Ma tollera anche temperature minime comprese tra 5 e 7 °C. 

Tuttavia, non è una cattiva idea aiutarlo a riposare in inverno , quando lo si dovrebbe tenere in zone piuttosto fresche che lo manterranno con le foglie piene d’acqua.

Leggero

indubbiamente,  Una priorità per lei è la necessità di una generosa luce indiretta. 

Anche se è vero che non sopporta l’esposizione a una forte luce solare, questa pianta richiede almeno 4 ore di sole indiretto. Se ciò non accade, noterai come le loro foglie si seccheranno fino a perdere la lucentezza e la forma. Non crescerà e sembrerà davvero molto pallido.

Substrato e Compost

Concimare il Sedum Morganianum circa due o tre volte l’anno, perché anche se è vero che il suo mantenimento è minimo, va stimolato affinché il suo fogliame sia fecondo.

Un fertilizzante eccellente aiuterà molto circa due volte l’anno. Ma se noti che è cresciuto molto , dovresti spostarlo in un vaso più grande.

E per quanto riguarda il substrato, cerca nel mercato uno per i cactus . Oppure creane uno con le tue mani, aggiungendo a un substrato universale, perlite e sabbia allo stesso modo.

Anche il rinnovo del supporto dovrebbe essere effettuato in un periodo di due o tre anni.

Ma la cosa più importante è davvero ottenere il meglio dagli scarichi, perché Le radici della coda dell’asino marciscono con totale facilità e velocità. 

L’eccesso di umidità è il tuo peggior nemico.

Irrigazione

Come abbiamo già spiegato, la grande capacità di immagazzinare acqua è direttamente proporzionale alla poca irrigazione che richiede.

Una volta ogni 15 giorni è la cosa prudente da fare in primavera o in estate. Altrimenti rovineresti le sue foglie. E il substrato deve sempre essersi asciugato, prima di iniziare una nuova irrigazione. Controllalo sempre con l’aiuto del tuo senso del tatto.

In inverno , la pianta va in eccesso e non cresce. Basta innaffiarlo una volta al mese. Niente di più. E qui è molto più importante che il drenaggio del vaso sia perfetto , ottenendo un filtraggio fluido dell’acqua in eccesso, senza che il terreno trabocchi.

Per quanto riguarda il tempo di riprodursi, aspettate l’arrivo della primavera e che le temperature siano miti . Le talee decolleranno rapidamente se il substrato è adatto.

Hanno grandi capacità di radicamento . Un buon momento per farlo è quando alcune delle sue foglie iniziano a cadere . Lì procede il trapianto .

A patto di coltivare in vaso sospeso ben drenato , si otterranno ottimi risultati che faranno invidia a tutti coloro che osserveranno questa bella pianta succulenta a bassa manutenzione e di altissimo valore ornamentale , grazie alla sua imponente presenza.

 

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.