Suggerimenti

Kaki: [coltivazione, irrigazione, cura, parassiti e malattie]

Il cachi è un albero da frutto che ha guadagnato molta popolarità per la sua capacità di adattarsi a quasi tutti i tipi di climi e ambienti geografici.

Il suo frutto è di colore arancione e ha un sapore dolce. È molto apprezzato in alcune società in tutto il mondo, come il Giappone e la Corea del Sud.

L’altezza del kaki può raggiungere i 30 metri, fornendo un’ottima ombra per giardini o campi aperti.

È un albero che si può godere da diversi punti di vista ed è per questo che oggi vi diamo le informazioni di cui avete bisogno affinché anche voi ne possiate uno.

Punti importanti quando si semina un cachi
  • Quando? In primavera .
  • Dove? Nella parte esterna in piena luce del sole.
  • Come prepariamo il terreno? Terreno ben drenato, preferibilmente poco argilloso.
  • Come dovremmo annaffiare? Moderare e basare la quantità di acqua sulla siccità del terreno.
  • Ogni quanto bisogna annaffiare? 3 o 4 volte a settimana in estate e 1 o 2 volte a settimana il resto dell’anno.
  • Di che cure hai bisogno? Concimato durante la primavera e l’estate, potatura per modellare e rimuovere le parti danneggiate.
  • Quali parassiti e malattie ha? mosca della frutta, cocciniglia , uccelli, antracnosi e marciume grigio.

Quando piantare un cachi?

La semina della piantina all’aperto andrà fatta in primavera , preferibilmente i primi giorni della stagione. Tuttavia, il processo dovrebbe iniziare in autunno poiché i semi di kaki hanno la particolarità di germinare in modo più efficace quando sono sottoposti al freddo invernale.

Dove piantare un cachi?

Per la sua forma, il kaki è un albero che necessita di essere piantato all’aperto e di godere della luce diretta del sole . Idealmente, puoi sfruttare tutto ciò che è disponibile durante il giorno, ma in caso contrario, un minimo di 5 ore andrà molto bene.

Come preparare il terreno?

Il terreno agricolo deve essere molto ben drenato, il resto si adatta bene a tutti i tipi di terreno.

Se possibile è meglio che il terreno non sia così argilloso, ma si sono visti buoni risultati anche in queste condizioni.

Come innaffiamo il kaki?

La quantità di acqua utilizzata per irrigare il cachi deve rispondere alla siccità del terreno . La cosa più consigliabile è applicare acqua in quantità moderata per evitare che si formino pozzanghere che possono compromettere la salute della pianta .

Ogni quanto innaffiamo il kaki?

La proporzione delle irrigazioni deve essere stabilita in base al periodo dell’anno che si sta attraversando. In estate, quando fa più caldo, si consiglia di irrigare 3-4 volte a settimana. Il resto dell’anno, è normale applicare 1 o 2 volte a settimana.

Come piantare un kaki passo dopo passo?

Il kaki si riproduce per mezzo dei semi .

  1. Seleziona i semi che utilizzerai per piantare l’albero. Si consiglia di utilizzarne diversi per sfruttare in seguito la piantina che sembra più sana. Inoltre, alcuni semi potrebbero non germogliare.
  2. Preparare un semenzaio con substrato universale e stendere i semi ricoprendoli con un sottile strato di substrato. Non seppellire in profondità.
  3. Innaffia con poca acqua e riponi in un luogo dove possa ricevere luce naturale per gran parte della giornata e che abbia una buona ventilazione. L’ideale è che il luogo abbia una temperatura di circa 25º C.
  4. Controlla le radici e trasferisci la piccola piantina in un vaso dove può svilupparsi meglio. Idealmente, il germoglio sembra sano, quindi se hai germinato diversi semi avrai l’opportunità di scegliere quello migliore.
  5. Quando la piantina sarà più grande e soda, sarà il momento di seminarla nel posto definitivo . Per fare questo, devi preparare lo spazio giorni prima di scavare una buca e allentare la terra aggiungendo acqua. Questo è anche un buon momento per applicare il primo strato di compost .
  6. Posiziona la piantina assicurandoti che le radici non siano malconce ma siano stabilite comodamente.
  7. Riempi la buca con la terra che hai scavato prima senza premere troppo. 
  8. Innaffiare con abbondante acqua , avendo cura che l’acqua penetri fino in fondo alle radici ma senza allagare l’ambiente.

Di che cure ha bisogno il kaki?

Trattandosi di un albero che produce frutti, è consigliabile applicare fertilizzanti con sostanza organica che stimolino una buona produzione.

In questo caso, è possibile utilizzare materia organica fatta in casa come compost , guano, humus o qualsiasi altro compost fatto in casa in modo da non generare alcuna spesa.

Per ottenere risultati migliori, è possibile effettuare un abbonamento ogni mese nella stagione calda, ovvero primavera ed estate.

Anche la potatura è essenziale affinché l’albero sia più sano . Questo dovrebbe essere applicato a fine invernoÈ possibile tagliare i rami per ottenere una migliore struttura dell’albero e anche per rimuovere parti danneggiate, secche e malate.

Quali parassiti e malattie colpiscono il cachi?

Essendo un albero da frutto è molto soggetto ad attacchi di parassiti come specie la mosca della frutta , la cocciniglia e gli uccelli d’attacco.

Si consiglia di lavare la pianta con sapone di potassio quando si notano danni alla sua struttura.

Inoltre, è buona norma mantenere pulito l’ambiente circostante per evitare che i frutti che cadono dall’albero si decompongano e attirino altri animali .

In caso di malattie, è possibile che alcune come il marciume grigio o l’ antracnosi si generino quando l’albero è sottoposto a un’eccessiva irrigazione. Nonostante sia un albero da frutto, anche il kaki ha una presenza molto importante, motivo per cui è associato ad un grande valore ornamentale .

Goderlo in qualsiasi giardino è una motivazione più che sufficiente per prendersene cura mentre si sviluppa, poiché possono volerci fino a 7 anni per dare i suoi frutti. Allo stesso modo, va tenuto presente che è una specie che ha bisogno delle stagioni e, soprattutto, ha bisogno delle gelate per essere sana.

È per questo motivo che è diventato così popolare in questa parte del mondo dove è difficile trovare alberi da frutto che resistono a temperature inferiori a 0ºC.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.