Suggerimenti

Spezie: guida per conoscere e sfruttare le proprietà e gli usi di questi condimenti

Sapevi che c’è stato un tempo in cui le spezie valevano il loro peso in oro ed erano preziose quanto i metalli e le pietre preziose?

Oltre ad essere utilizzate per esaltare il sapore, aggiungere colore, aromatizzare cibi, conservare cibi, per la preparazione di sostanze cosmetiche e per la fermentazione di bevande, le spezie avevano importanti funzioni in medicina , religione e commercio , che svolgevano anche un ruolo politico ed erano un segno di status sociale .

Dedicheremo questo post per raccontarvi le proprietà e gli usi delle principali spezie, quelle più utilizzate nelle ricette di cucina . Inoltre vi invito a guardare un video che troverete alla fine dell’articolo in cui faccio un riassunto delle principali qualità di alcune spezie popolari, non perdetelo!

Cosa sono le spezie?

Con piccolissime quantità di alcune parti di piante si possono aromatizzare più piatti, dare colore e sapore sia alle gastronomie tradizionali, sia alle ricette più innovative e alternative.

La spezia è la stessa cosa del condimento? . Sebbene in questi giorni siano spesso usati in modo intercambiabile, i termini condimento, erbe aromatiche e spezie sono prodotti diversi.

Mentre quelli di origine minerale (come il sale ) possono rientrare nella categoria dei condimenti , le spezie e le erbe aromatiche sono esclusivamente vegetali.

La linea di demarcazione tra spezie ed erbe aromatiche è più sottile. Salvo che le erbe non hanno organi legnosi, di solito si distinguono anche per la loro origine ancestrale ; le spezie accumulano il lungo viaggio storico di origine orientale. .

Le spezie comprendono le parti dure ( semi, gemme, cortecce, radici, bacche, germogli ) che, essendo le parti che si conservano più a lungo, potevano essere commercializzate anticamente in vasti territori senza deteriorarne le proprietà.

Pertanto, non tutti i condimenti sono spezie, sebbene tutte le spezie possano essere condimenti.

Le origini e i viaggi delle spezie

Le prime testimonianze archeologiche dell’uso delle spezie risalgono al 5000 aC e, attraverso la scrittura, si giunge alle tavolette sumere ritrovate in Mesopotamia, che testimoniano ricette mediche e informazioni sull’uso delle spezie.

In Egitto furono raccolti anche i suoi usi per le tecniche di imbalsamazione e per la produzione della birra, conoscenza poi raccolta da Fenici e Greci.

Il botanico greco Pedanio Dioscoride redasse, intorno al I secolo, un catalogo di erboristeria e farmacopea con le proprietà conservanti e terapeutiche di alcune spezie.

Da parte sua, il buongustaio romano Marco Gavio Apicio, sempre nel I secolo, riferisce sugli usi delle miscele di spezie, riferendosi soprattutto al pepe, molto ambito a Roma.

Furono però gli Arabi ad avere il maggior zelo nel proteggere l’origine delle spezie, al fine di controllarne i traffici e garantire il mantenimento del monopolio per 5000 anni.

In Europa, dopo le Crociate in Terra Santa, Venezia monopolizzò il commercio attraverso la Rotta delle Spezie e, dopo la caduta di Costantinopoli e lo sviluppo della navigazione, i portoghesi prima, ma poi anche spagnoli, olandesi e inglesi, si disputarono il commercio delle spezie provenienti dall’Asia attraverso diverse rotte marittime.

Fu così che, alla ricerca di una nuova rotta commerciale verso l’Oriente, quando i navigatori raggiunsero il continente americano, si aggiunsero altre spezie al commercio e alle elaborazioni internazionali, divenute poi tradizionali.

.

A cosa servono le spezie?

Gli usi delle spezie sono stati, nel corso della storia, molti e vari. Dalla sua incorporazione nelle procedure di conservazione degli alimenti , utilizzata anche per mascherare sapori sgradevoli di fermentazione, alle applicazioni in prodotti cosmetici e coloranti naturali.

Tuttavia, si può affermare che attualmente il suo uso principale è associato alla gastronomia, per conferire aroma e sapore caratteristico alle preparazioni, e anche per prevenire disturbi legati al processo digestivo o migliorare la digeribilità di qualsiasi ingrediente. .

Le spezie aggiungono un’impronta speciale e caratteristica ai cibi, soprattutto quando si tratta di preparazioni tradizionali.

Tra gli accenti più riconosciuti che forniscono le spezie ci sono, ad esempio, quelli della cucina asiatica . Anche quando, nella preparazione di quello che in Occidente viene generalmente chiamato curry o curry, spicca l’uso di spezie diverse in ciascuna delle diverse regioni.

Un altro degli accenti distintivi che le spezie forniscono nelle ricette tradizionali è quello della cucina araba che, come per il curry , in ogni città ha un tocco distintivo con le spezie tipiche delle regioni in cui le città passavano o si stabilivano, nomadi fin dall’antichità.

Come si usano le spezie

Nonostante il loro gradevole profumo e sapore, le spezie devono essere utilizzate con meticolosa riuscita, per cui è necessario conoscerne i sapori e come si combinano , sia con il cibo che tra di loro, per ottenere piatti equilibrati e gustosi .

Specialisti nelle arti culinarie assicurano che le spezie, così come il resto dei condimenti, dovrebbero fornire un contrasto senza annullare il sapore dell’ingrediente principale. .

Come regola generale, trattandosi di cibi che si consumano crudi e in piccolissime quantità, vengono incorporati nella preparazione poco prima della fine della cottura o appena prima di servire il piatto.

In questo modo viene mantenuto il sapore originario della spezia , nonché le sue proprietà, che andrebbero perse se fosse cotta.

Nel caso dei semi, di solito vengono leggermente schiacciati e tostati a fuoco lento per qualche minuto. Quindi vengono aggiunti al piatto già servito.

Una chiave per adeguare l’uso delle spezie nelle preparazioni è conoscere i tipi di utilizzo – base, morbido, ruvido o ripieno – in base alla proporzione nelle preparazioni specifiche.

Tipi e varietà di spezie

Le spezie, come le erbe aromatiche, possono essere classificate in due gruppi: quelle che modificano il sapore degli alimenti (tra cui cannella, timo e rosmarino); e quelli che eccitano il palato (come pepe, pepe di Caienna e noce moscata).

Si possono inoltre distinguere diversi tipi di spezie in base alla proporzione del loro utilizzo in preparazioni specifiche:

  • Spezie di base : che vengono utilizzate praticamente in modo generale, come verdure, zuppe, ripieni, legumi e salse. Tra questi ci sono la noce moscata e il pepe.
  • Spezie dolci o dolci : usate per aromatizzare e insaporire dolci, come torte, marmellate, macedonie e biscotti. Tra questi, anice, vaniglia, chiodi di garofano, cannella e cardamomo.
  • Spezie forti o dure : usate per insaporire principalmente le carni. Tra questi, pepe nero, senape, chiodi di garofano, curcuma e noce moscata.
  • Spezie per ripieno : che servono per condire i due gruppi precedenti. Tra questi zenzero , cardamomo e chiodi di garofano.

Un’altra classificazione più dettagliata delle spezie è riscontrabile nella definizione di ciascuna di esse, secondo le parti della pianta che vengono utilizzate , nonché i loro principi attivi, proprietà e usi.

Quali sono i benefici per la salute delle spezie?

L’utilizzo delle spezie come ingredienti funzionali per migliorare i benefici degli alimenti è un aspetto ancora oggi oggetto di studio per l’interesse che suscita.

Le spezie influenzano vari sistemi del corpo, tra cui gastrointestinale, cardiovascolare, riproduttivo e nervoso, determinando varie azioni metaboliche e fisiologiche .

I progressi nell’analisi dei principi attivi nelle spezie, utilizzando strumenti e tecniche della fisiologia contemporanea, hanno confermato le conoscenze trasmesse ancestralmente. Tuttavia, è ancora necessaria la ricerca per conoscere tutti i suoi componenti e le possibili funzioni. .

Alcuni di questi ricchi elementi vegetali, apprezzati da migliaia di anni, ed estremamente preziosi , poiché un solo pizzico può cambiare completamente il gusto di una preparazione, sono stati ampiamente studiati, mentre altri sono poco conosciuti in dettaglio.

Gli effetti che vengono studiati studiano le spezie come stimolatori dell’appetito, anti-flatulenza, per il trattamento della diarrea e della stitichezza, tra gli altri.

Spezie più usate e loro proprietà e usi

La ricerca sull’uso delle spezie come condimento raggiunge le reazioni fisiologiche legate al miglioramento della digestione, sebbene la maggior parte di esse abbia anche altri usi nella medicina tradizionale .

Va notato che alcune delle seguenti spezie possono avere controindicazioni in alcuni casi, ad esempio se si è sotto farmaci farmacologici.

Rosmarino, Romarinus officinalis

Originario dell’area mediterranea d’Europa, si è diffuso in tutto il mondo fin dall’antichità.

Tra i principi attivi, l’ olio essenziale di rosmarino contiene pineni, borneolo, canfora e cineolo, oltre a tannini, che hanno importanti effetti come stimolanti del processo di digestione.

Per il suo aroma forte e amaro, le foglie e i rami giocano un ruolo di primo piano nella cucina francese e italiana, principalmente per piatti a base di agnello o verdure, come la ratatouille . In altre ricette si usa da spolverare su patate o insalate.

Oltre la gastronomia : il rosmarino ha effetti cardiotonici, spasmolitici, analgesici, stimolanti la circolazione e riequilibranti nei casi di ipotensione . Il rosmarino si usa per infusi , per fare unguenti, bagni, per riattivare, rinfrescare e alleviare i dolori articolari.

Scopri in quali casi puoi usare il rosmarino e come preparare l’alcol al rosmarino e altre preparazioni fatte in casa per prenderti cura della tua salute in questi post .

Vi lascio anche questo video molto interessante così potrete scoprire ulteriori vantaggi nell’utilizzo di questa meravigliosa pianta:

Timo, Thymus vulgaris

Pianta originaria dell’Europa, largamente diffusa in tutta l’area mediterranea fin dall’antichità.

Tra i principi attivi del timo spicca l’olio essenziale con il timolo come componente principale, il pinolo e il carcacrolo, i tannini e i flavonoidi, che gli conferiscono proprietà stimolanti la digestione.

Il sapore delle foglie e dei gambi è leggermente piccante e amaro. Utilizzato in tutto il mondo, è particolarmente utile per insaporire zuppe, stufati, verdure e carni.

Oltre la gastronomia : ha effetti antisettici, spasmodici, antibatterici, stimolatori dell’appetito, mucolitici, espettoranti e fungicidi . Approfittate delle proprietà di questa pianta preparando un infuso di timo , o anche per inalazione e anche il miele di timo è molto efficace nell’alleviare la tosse persistente.

L’ olio essenziale di timo ha potere disinfettante ed è adatto a numerosi trattamenti antinfiammatori.

In questo interessante video vi parlerò di più sulle proprietà del timo.

Pepe, Piper nigrum

Pianta originaria della regione dell’Indomalaya, sebbene attualmente sia coltivata in molti paesi del mondo.

Tra i principi attivi del pepe ci sono gli alcaloidi piperina e chavicina, le cui proprietà hanno un effetto antipiretico, favorendo la digestione ed eliminando la flatulenza .

Il sapore dei suoi chicchi è pungente e aromatico. Viene utilizzato per insaporire ricette come zuppe, verdure, sottaceti, carni, sottaceti e marinate. Il nostro consiglio è di optare per un peperone biologico .

I chicchi sono commercializzati in diverse colorazioni (bianco, nero, verde, rosso) che si ottengono dalla stessa specie ma variano in base al momento della raccolta e al tipo di trattamento a cui sono sottoposti i chicchi prima di essere commercializzati.

Il pepe bianco è il più piccante, il nero è più aromatico, il verde è usato soprattutto per le verdure e per i dolci.

Oltre la gastronomia : Ha effetto antipiretico, tonificante e antisettico . L’olio ottenuto dai frutti verdi viene utilizzato per combattere i dolori reumatici . In questo post approfondisco molto le qualità medicinali di questa, da molti chiamata “medicina delle spezie”.

Zafferano, Crocus sativus

È una spezia proveniente dall’Oriente, anche se fin dall’antichità è stata coltivata in diverse regioni del bacino del Mar Mediterraneo.

Tra i principi attivi dello zafferano spiccano soprattutto l’olio essenziale con cineale e pinene, la tonalità deriva da crocetina e crocina, oltre a contenere picrocrocina e safranale, responsabili dell’aroma. Lo zafferano biologico ha uno straordinario potere aromatico e colorante, ed è privo di sostanze tossiche.

Viene utilizzato principalmente nella cucina mediterranea e orientale, sia per insaporire che per colorare la preparazione. Per il suo inconfondibile sapore agrodolce, affumicato e terroso, viene inserito in piatti a base di riso o pesce, ma anche in salse e zuppe. È impensabile preparare una buona paella senza zafferano.

Oltre la gastronomia : Ha un lieve effetto calmante e migliora la circolazione . Clicca sull’immagine per scoprire fatti sullo zafferano che nemmeno immaginavi.

Cardamomo, Elettaria cardamomum

Questa spezia è originaria dell’India meridionale e, nonostante sia attualmente coltivata in diverse parti del mondo, continua ad essere la principale produttrice.

Tra i principi attivi del cardamomo , spicca l’olio essenziale con cineolo, terpenil acetato e limonene, nonché acido gallico, acido caffeico ed esteri, insieme ai tannini, che gli conferiscono un’azione gastroprotettiva .

Viene utilizzato principalmente nelle ricette di origine asiatica, essendo uno degli elementi principali del curry . Per il suo sapore dolce, in Occidente viene utilizzato principalmente nelle ricette dolci. Il cardamomo ecologico ti regala il suo aroma e i suoi benefici terapeutici, come resistere?

Oltre la gastronomia : hanno effetti carminativi, antispasmodici, oressizzanti, coleretici e antidiarroici . Il cardamomo si usa in infusi per curare problemi di stomaco, bronchite e mal di gola, mentre masticare i semi serve per curare l’alitosi . Ma questa spezia ci dà molti più benefici, se clicchi sull’immagine qui sotto puoi leggere le proprietà del cardamomo .

Senape, Sinapsis alba, S. nigra, S. arvensis

Esistono tre varietà di senape: nera, marrone e bianca, ed è originaria dell’Oriente e oggi ampiamente coltivata in tutto il mondo.

Tra i principi attivi della senape spicca l’olio essenziale con gliceridi dell’acido oleico e linoleico, composti solforati e azotati.

I semi, dal sapore pungente e piccante, vengono utilizzati macinati per preparare emulsioni con aceti o vini con cui condire insalate, sottaceti e altri cibi. La senape biologica ci dà fiducia per la qualità e per essere un’agricoltura sostenibile.

Oltre la gastronomia : L’olio essenziale di senape estratto dai semi (diverso da quello commestibile), ha un’ampia attività antimicrobica contro una grande varietà di batteri e funghi e, la pianta, è utile nel controllo biologico dei parassiti sia nei giardini che nei nei frutteti. Ma per conoscere tutte le proprietà di questa spezia , clicca sull’immagine qui sotto.

Cannella, Cinnamomum verum

Pianta originaria dello Sri Lanka, attualmente viene coltivata anche in altri paesi.

Tra i principi attivi della cannella spicca l’olio essenziale con cinnamaldeide ed eugenolo, nonché acido cinnamico, tetraterpenoidi e tannini, che le conferiscono proprietà che favoriscono la digestione, stimolano l’appetito e migliorano la circolazione .

Il sapore della corteccia interna di questa pianta è caratteristico e viene utilizzato soprattutto nei dolci, ma anche nella preparazione delle carni. Usa la cannella migliore, opta per la cannella biologica .

Durante il trattamento per ottenere la stecca di cannella si ottengono cortecce che servono per distillare l’ olio di cannella , utilizzato anche in cucina e nella produzione di cosmetici.

Oltre la gastronomia : ha un effetto antispasmodico, antinfiammatorio e antidepressivo, aiuta a ridurre la febbre e la tensione e stimola l’appetito . Per curare le malattie respiratorie si mettono in acqua bollente alcune gocce di olio di cannella per creare vapore, mentre per i disturbi intestinali, l’ipertensione e i dolori artritici si usano in infusione alcuni pezzi di corteccia.

Per saperne di più sugli usi e le proprietà della cannella, clicca sull’immagine.

Anice verde, Pimpinella anisum

Originario dell’Europa orientale e del Medio Oriente, ora viene coltivato in molte regioni calde.

Tra i principi attivi dell’anice verde spicca l’olio essenziale con anetolo ed estragolo, oltre a cumarine e terpeni, dalle proprietà antiossidanti, digestive e carminative .

Per il suo sapore intenso, dolce e fresco, è stato utilizzato fin dall’antichità per insaporire cibi a base di pollo, maiale e verdure come cavoli, oltre che per ricette dolci, come dolci e prodotti da forno, e per donare un rinfrescante sapore all’acqua. L’ anice verde ecologico può essere utilizzato sia negli infusi che nelle ricette di cucina.

Oltre la gastronomia : Ha un effetto antispasmodico e sedativo . Si usa in un bicchiere d’acqua, prima e dopo i pasti principali, per curare i fastidi dell’eccesso di gas, o come infuso per curare le coliche . Ma l’anice verde ha molti altri vantaggi da offrirci. Se clicchi sull’immagine puoi vederli.

Cumino, Cuminun cyminum

Originario della regione dell’Europa centrale, è stato ampiamente diffuso fin dall’antichità in tutta la regione mediterranea.

Tra i principi attivi del cumino , spicca l’olio essenziale con alcool di cumino e cuminaldeide, che facilitano la digestione e hanno un effetto rilassante . L’opzione migliore per la salute e la sostenibilità è il cumino biologico .

Ha un sapore amaro ed è molto utilizzato nella cucina mediterranea e indiana, essendo parte indispensabile di preparazioni come curry , garam masala e cous cous orientale. Viene utilizzato principalmente per ricette con legumi come ceci , pesce e agnello.

Oltre la gastronomia : ha proprietà depurative del sangue e un effetto astringente, spasmodico, calmante e antibatterico . I semi di cumino possono essere masticati per alcuni minuti (e poi sputati) per stimolare l’appetito.

Zenzero, Zingiber officinale

Pianta originaria dell’India e della Cina, attualmente coltivata anche in altri paesi tropicali.

Tra i principi attivi dello zenzero spiccano gli oli essenziali con zingiberenos, felandrenes, borneolo, cñelo e citrale, oltre a gingeroli e shogaol. Queste sostanze stimolano la secrezione di saliva e succhi gastrici, favorendo la digestione. Potete trovare sia lo zenzero fresco ecologico che lo zenzero macinato eco e anche l’ olio essenziale di zenzero .

Il rizoma ha un profumo fruttato, leggermente agrumato e un sapore speziato. Una spezia molto versatile, utilizzata sia in preparazioni dolci e salate, sia in tisane e bevande fermentate.

Oltre la gastronomia : Ha proprietà carminative e rinforza il sistema immunitario, è mucolitico, sudorifero e antibatterico , per cui viene utilizzato negli infusi di radice fresca. È anche molto efficace per flatulenza, intestino pigro e vertigini . Scopri di più sui benefici dello zenzero cliccando sull’immagine.

Curcuma, Curcuma longa

Conosciuto anche come zafferano bighorn, proviene dal sud-est asiatico ed è ampiamente coltivato in diversi paesi dell’Asia e del Pacifico.

Tra i principi attivi della curcuma spicca l’olio essenziale con tumerone, curbone e zingibereno, oltre alla curcumina. Le sue proprietà includono la riduzione del livello di grasso e la promozione della circolazione sanguigna . Puoi prendere la curcuma biologica .

La radice aggiunge un colore giallo ai piatti e ha un particolare sapore amaro che occupa un posto preferenziale nella preparazione della salsa Worcestershire e dei curry , utilizzati per riso e pesce, oltre che per ammorbidire l’effetto irritante del peperoncino.

Oltre la gastronomia : ha un effetto antinfiammatorio e antibatterico . È usato come regolatore nei problemi di stomaco, intestino o cistifellea . Viene utilizzato nei preparati per cataplasmi con miele per alleviare il dolore da distorsioni o contusioni, nonché come tonico per migliorare la pelle . Se sei curioso di saperne di più sulle sorprendenti proprietà della curcuma , clicca sull’immagine per conoscerle.

Caienna, Capsicum annuum L. Var. peperoncino di Cayenna

Pepe originario dell’America, è conosciuto con il nome della città nella Guyana francese, ma anche come ají guaguao o pepe di cayenna.

Per la preparazione in polvere che viene commercializzata vengono solitamente utilizzati diversi tipi di peperoncino, preventivamente essiccato. Scegli sempre il pepe di Caienna biologico per ottenere il prodotto migliore.

Ha un sapore forte, leggermente affumicato e amaro, ed è molto piccante, prodotto dei suoi componenti (alcaloidi e capsaicina), avendo anche proprietà carminative , essendo ottimo contro i gas.

Paprika o Paprika, Capsicum annuum , L.

Come il pepe di Caienna, è prodotto da varietà di peperoni o peperoncini originari dell’America, anche se, in questo caso, può essere dolce o piccante, ma mai piccante come il pepe di Caienna.

Per il suo sapore più delicato, viene utilizzato in molteplici preparazioni, dalle carni e zuppe agli insaccati e conserve, o anche come colorante. Trova la migliore paprika biologica .

Oltre la gastronomia : a causa del loro contenuto di salicilati e capsaicina, sia i peperoncini piccanti (con cui si prepara il pepe di Caienna) che quelli dolci (con cui si prepara la paprika) hanno proprietà analgesiche . Un rimedio popolare per lenire reumatismi, nevragie e dolori postoperatori , si ottiene ponendo una pasta a base di paprika, sale e acqua, che viene posta su una garza e quindi posizionata sulle articolazioni doloranti. Ma questa spezia ha molti più usi e le sue proprietà sono molto interessanti , potete leggerle cliccando sull’immagine.

Coriandolo o coriandolo, Coriandrum sativum

L’uso delle foglie lo collocherebbe tra le erbe aromatiche, tuttavia l’uso dei semi lo rende una spezia più nota con il nome di coriandolo, coriandolo o coriandolo. Puoi trovare coriandolo fresco e coriandolo macinato biologico .

Originario della regione mediterranea, è attualmente molto diffuso in diversi paesi dell’America Latina e del sud-est asiatico.

Tra i principi attivi spiccano l’olio essenziale di coriandolo con pinene, d-linalolo, dipentero, geraniolo, felandrene, boreneolo, limonene, oltre ai tannini.

Ha un sapore fresco e agrumato, i semi sono meno piccanti delle foglie, e hanno un tono più dolce. Si utilizzano interi o macinati e fanno parte della preparazione nota come curry , utilizzata per zuppe, pesce e salse, oltre che nella preparazione di salsicce e dolci.

Oltre la gastronomia : Ha effetti antiossidanti e antibatterici , essendo usato per fare bevande digestive . Ma questa pianta ha molte altre proprietà , potete leggerle cliccando sull’immagine.

In questo video molto interessante puoi vedere un riassunto molto utile di questo articolo, buona visione!

Bibliografia

  • “Aprecoin Spices Book”, Associazione Provinciale delle Imprese di Spezie, Condimenti e Infusi di Alicante.
  • “La chimica e l’arte culinaria”, Ma. Graciela Coello Domínguez. 2014
  • “Usi e proprietà di spezie e condimenti”, Rocío Almeida. Università Tecnica del Nord. 2011
  • “Erbe e spezie. Utilità alimentare e usi medicinali ”, María José Alonso, Piante medicinali del Col.legi de Farmaceutics de Barcelona. 2008
  • “Enciclopedia delle spezie, dei condimenti e delle piante aromatiche”, Elisabeth Lambert Ortiz.
  • Monografia sui semi di cardamomo. Controllo di qualità ”, María García Morlesín. Facoltà di Farmacia, Università di Siviglia. 2016
  • “Costituenti chimici di erbe e spezie: effetti sulla salute umana”, Yemina Josefina Figueroa Chacín, Auristela del Carmen Malavé Acuña, Jiudith Josefina Cordero Mendoza e Jesús Rafael Méndez Natera. Rivista scientifica UDO Agrícola 13. 2013
  • “Cilantro. Conosciuto anche come coriandolo o prezzemolo cinese”, Hopelink.
  • Coriandrum sativum . Fascicolo tecnico Coriandro ”, Ministero dell’agricoltura, dell’allevamento e della pesca dell’Argentina. 2011
  • “La senape protegge e prepara la terra”, Carmen Bestida. La fertilità della terra N° 29.
  • “Senape: caratteristiche chimiche e botaniche e sue applicazioni nell’area alimentare”, B. Mejía-Garbay, A. López-Malo, JA Guerrero-Beltran. Fondazione Puebla dell’Università delle Americhe. 2011
  • “Senape, un cereale oleoso, aromatico e medicinale. Analisi del mercato mondiale e dei principali importatori regionali”, Arizio OP e Curioni AO Universidad Nacional de Luján. 2016

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *