Suggerimenti

Trapiantare un cactus senza radici: [Metodo e passaggi da seguire]

I cactus sono tra le piante preferite da avere in casa e all’aperto , quindi vale sempre la pena sapere come trapiantarli con e senza radici.

Quando hanno radici si parla di trapianto per talea . Se non hanno radici, si chiamano ventose.

La via da seguire in entrambi i casi deve stare attenta per evitare di provocare danni, soprattutto durante l’estrazione delle ventose.

  

I passaggi precedenti per trapiantare cactus senza radici

Prima di imparare a trapiantare i cactus senza radici, vale la pena sapere che non tutti i cactus saranno in grado di produrre polloni.

Questo perché per ottenere ciò devono essere collocati in una posizione molto orizzontale, il che rende più facile la nascita dei piccoli intorno a loro.

Per nome potete già immaginare che i polloni o polloni siano piccole piante che si formano incollate alla pianta madre , alla base.

Pertanto, per poter lavorare sulla sua estrazione, sarà fondamentale disporre di attrezzi da giardinaggio in perfette condizioni.

Questo è che sono stati preventivamente disinfettati e che hanno una buona affilatura per facilitare il compito di tagliare .

  

L’estrazione dei polloni per il trapianto del cactus

Se è arrivato il momento di andare avanti con l’estrazione delle ventose, devi seguire passo passo:

  1. Effettuare un taglio netto e diretto dei polloni da trapiantare, in modo che non ci siano danni alla struttura della pianta madre o del pollone.
  2. Proteggere i polloni estratti in un luogo esente da alti livelli di umidità, sbalzi di temperatura, insetti e altri parassiti , tra gli altri per facilitare la guarigione delle ferite causate dal taglio. Questo sarà per un periodo di circa due settimane.

  

Il processo di piantare il cactus in un nuovo spazio

Poiché quanto sopra è stato fatto, è tempo di offrire un nuovo spazio di sviluppo a questi bambini e, per questo, procederete come segue:

  1. Trova un contenitore che contenga le misure corrette per adattarsi liberamente al cactus, ma nemmeno troppo largo. In generale, le ventose sono piuttosto piccole, quindi qualsiasi contenitore di vetro andrebbe bene.
  2. Dovrai riempire ogni contenitore con terriccio di caratteristiche adeguate allo sviluppo del cactus, cioè di buon drenaggio e di consistenza sabbiosa. È anche una buona idea prepararlo con un po’ di compost .
  3. È importante offrire molta acqua durante il primo mese di vita in modo che siano sani e possano sviluppare le proprie radici. A trapianto ultimato va aggiunta una buona quantità di liquido in modo che il terreno si compatti.

Le piante di cactus funzionano molto bene per questa procedura quando le temperature non sono molto fredde.

Per questo motivo, si consiglia di farlo tra la primavera e l’estate per dare loro una possibilità maggiore di colpire bene il terreno.

Inoltre sono ottime per la decorazione d’interni e le versioni con ventose sono adatte per l’ufficio, il soggiorno o la cucina.

Riferimenti e bibliografia

  • Cactus e altre piante grasse, scritto da Matthias Uhlig.
  • TRASFERIMENTO TECNOLOGICO NELLA PRODUZIONE DI CACTACEI ORNAMENTALI.
  • http://biblioteca.inifap.gob.mx:8080/jspui/bitstream/handle/123456789/1250/97.pdf

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.