Suggerimenti

Usi del polisolfuro di calcio in agricoltura

La chimica ci offre molte alternative per il controllo di parassiti e malattie, e spesso con elementi naturali e con un record ecologico. È il caso del polisolfuro di calcio, che combina l’azione dello zolfo con l’idrossido di calcio per curare vari insetti e soprattutto malattie.

Questi tipi di prodotti possono essere utilizzati per l’agricoltura biologica, dove non ci sono molte alternative efficaci e deve essere fatta una vera pianificazione preventiva. Vedremo come utilizzare il polisolfuro di calcio in agricoltura, i suoi vantaggi e svantaggi.

Cos’è il polisolfuro di calcio?

A livello chimico, quando lo zolfo elementare viene miscelato con idrossido di calcio, si verifica una reazione che forma polisolfuro di calcio. Questo elemento ha il vantaggio di non essere tossico come lo zolfo elementare, in quanto rilascia questo elemento a poco a poco, quindi rimane più a lungo, offrendo una maggiore attività a lungo termine e basando il suo successo sull’azione preventiva.

Come sapete, in agricoltura esistono varie forme di calcio, anche se la più famosa è il nitrato di calcio. Tuttavia, l’idrossido di calcio, a causa del suo pH, non viene utilizzato come fonte di calcio ma come regolatore del pH. 

In alcune formulazioni più recenti lo vediamo anche miscelato con un olio, oppure i 2 prodotti vengono miscelati direttamente. Ciò è dovuto al fatto che l’olio minerale ha una grande capacità penetrante, che migliora l’efficacia del trattamento e la sua persistenza.

Tuttavia, è necessario prestare molta attenzione quando si miscelano oli minerali e zolfo, poiché a seconda della coltura e del trattamento può creare tossicità da zolfo. Pertanto, a livello di trattamento fogliare su colture che trattengono la foglia, è importante prendere le consuete precauzioni quando si utilizza lo zolfo elementare.

Ciò è dovuto al fatto che con temperature superiori ai 32 ºC avvengono reazioni di degradazione e trasformazione di questo elemento che possono portare alla presenza di acido solforico, totalmente tossico per le piante e in grado di produrre gravi ustioni su foglie e steli.

A cosa serve il polisolfuro di calcio?

Il polisolfuro di calcio si forma mescolando un sale di calcio con uno zolfo. È riconosciuto per la sua attività fungicida preventiva, rilasciando lentamente zolfo elementare protetto dal calcio.

È qualcosa di simile, ma utilizza il rame come base, nel caso della miscela bordolese, dove il solfato di rame viene miscelato con il calcio della calce.

Oltre ad essere un fungicida, lo zolfo è anche comunemente usato per la sua attività insetticida, soprattutto sugli acari, ma anche per ammorbidire l’esoscheletro delle cocciniglie.

prevenzione delle malattie

Il polisolfuro di calcio è classificato come controllo preventivo, comune nello zolfo, sebbene abbia una certa azione curativa. Può essere utilizzato per la prevenzione delle seguenti malattie:

  • Ammaccatura o lebbra su drupacee ( Taphrina deformans)
  • Screening di pesco e altre drupacee ( Stigmina carpophila).
  • Moniliosi concentrica dei frutti ( Monilinia fructigena)
  • Crosta maculata o di mela ( Venturia inaegualis)
  • Oidio della vite ( Erysiphe necator)
  • Oidio delle pomacee ( Podosphaera leucotricha)
  • Oidio delle drupacee ( Sphaerotheca pannosa)

Prevenzione di insetti e acari

Contro insetti e acari, il lento rilascio di zolfo elementare provoca anche irritazione o morte di alcuni adulti svernanti, confermando così la sua buona attività acaricida.

  • Ragno arabile giallo ( Tetranychus turkestani)
  • Ragno giallo della vite ( Eotetranychus carpini)
  • Ragno rosso ( Tetranychus urticae)
  • Ragno dei frutti rossi ( Panonychus ulmi)
  • Cocciniglia cotonosa della vite arancione ( Planococcus citri)
  • Cocciniglia della vite ( Parthenolecanium corni)
  • Cocciniglia di nocciola ( Eulecanium tiliae)
  • Pidocchio bianco pesca ( Pseudaulacaspis pentagono)

Raccomandazioni specifiche per il polisolfuro di calcio

Qualsiasi uso di zolfo elementare in tutte le sue forme richiede un’attenta applicazione e controllo. È sensibile al tempo di trattamento, all’umidità ambientale e alla temperatura.

Si consiglia di effettuare il trattamento di prima mattina e nel tardo pomeriggio, senza esposizione al sole e con temperature inferiori a 32ºC.

Vanno considerate specie sensibili allo zolfo, controllando la dose e il tempo di applicazione, come alcune cucurbitacee, albicocche, lamponi, ecc.

Il polisolfuro di calcio non va miscelato con oli minerali o con prodotti fitosanitari, se non per nostra esperienza. Il prodotto è corrosivo e per maneggiarlo è necessario utilizzare protezioni quali guanti, mascherina e indumenti speciali.

Sia la forma 18,5% che quella 38% di polisolfuro di calce hanno un certificato ecologico. 

Tasso di applicazione

Polisolfuro di calcio 18,5% per alberi da frutto

Pomacee: controllo di insetti come la cocciniglia, il pidocchio di San José in letargo. Controllo degli adulti degli acari e prevenzione della comparsa dell’oidio. Dose di 10 L/hl (100 L di acqua). Non ha un periodo di sicurezza.

Drupacee: controllo degli insetti come la cocciniglia, il pidocchio di San José in letargo. Controllo degli adulti degli acari e prevenzione della comparsa dell’oidio. Dose di 10 L/hl (100 L di acqua). Non ha un periodo di sicurezza.

Si raccomanda di far trascorrere 30 giorni tra questo trattamento e l’applicazione di oli minerali per evitare effetti fitotossici.

Polisolfuro di calcio 38%

RACCOLTI PATOLOGIA MODALITÀ E TEMPO DI APPLICAZIONE DOSE (%)
Albicocca, Ciliegia, Prugna e Pesca muffa in polvere pre-fioritura 3.9
dopo la fioritura 2.4
applicazioni successive 1.6
Mela e Pera Rogna (macchiata) e oidio pre-fioritura 1.6
dopo la fioritura 1.2
applicazioni successive 0.8

Polisolfuro di calcio in vigna

In vigneto è consuetudine effettuare trattamenti meccanici e chimici sul legno per mantenere la perfetta salute fitosanitaria della coltura. Le attività tipiche sono le seguenti.

compiti meccanici

  • Eliminazione o distruzione di residui di potatura e foglie secche
  • Scortecciatura delle vecchie vigne ogni 2 o 3 anni
  • Raccolta dei grappoli tardivi

trattamenti chimici

  • Polisolfuro di calcio a 1200 cc/hl (100 L di acqua)

Escoriosi

Il polisolfuro di calcio ha una certa efficacia contro l’escoriosi. È necessario però evitare i trattamenti dopo la punta verde delle gemme, perché può causare ustioni fogliari. Si suggerisce di ridurre la dose in particolare per evitare fitotossicità se è necessario un trattamento.

usi nei bonsai

Nella cultura dei bonsai, questo composto viene utilizzato anche per sbiancare e proteggere il legno morto nei ginepri e nei pini oltre che in tutti i tipi di alberi, conifere e persino latifoglie. In altri casi e con le dosi sopra citate, viene utilizzato anche per prevenire la comparsa di funghi e insetti.

Prezzo di acquisto del polisolfuro di calcio

Il prezzo del polisolfuro di calcio al 18,5% è generalmente compreso tra 2 e 3,5 €/kg, a seconda del volume e del formato dell’acquisto.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.