Apiacee

Panicaut Big Blue, Big Blue Thistle


Grande cardo blu, grande cardo blu


Botanica

Nome latino: Eryngium x zabelii Big Blue

.
Sinonimo: Eryngium bourgatii Big Blue

Famiglia: Apiaceae, Ombrellifere

Famiglia: Apiaceae, Ombrellifere
Origine:
Ibrido orticolo

.
Tempo di fioritura:
Luglio, agosto

.
Colore del fiore: blu

.
Tipo di pianta : Pianta erbacea, cardo ornamentale
.
Tipo di vegetazione:
perenne

.
Tipo di fogliame:
deciduo

.
Altezza:
da 0,60 a 0,90 m


Piantagione e coltivazione

Resistenza: molto resistente, fino a -26 °C

.
Esposizione: soleggiato

.
Tipo di terreno:
minerale e drenante

.
Acidità del suolo:
da moderatamente acido a moderatamente basico
.
Umidità del suolo:
normale a secco, resistente alla siccità
.
Utilizzo:
roccia, pendio, giardino asciutto

.
Piantare, reimpiantare:
molla

Metodo di propagazione: divisioni, semina


Generale

Eryngium x zabelii Big Blue®, il Big Blue panicaut o Big Blue thistle, è una pianta ornamentale perenne che appartiene alla grande famiglia delle Apiaceae, come la carota o l’angelica. Anche se le sue foglie sono spinose, non è un vero cardo. Eryngium x zabelii è un ibrido, creato tra due specie francesi, il cardo blu alpino Eryngium alpinum , e il cardo blu dei Pirenei Eryngium Bourgatii . Eryngium X zabelii Big Blue, talvolta chiamato anche Eryngium bourgatii Big Blue è una cultivar particolarmente riuscita, uno dei migliori cardi blu da piantare in giardino.


Descrizione della Grande pannocchia blu

Eryngium x zabelii Big Blue forma una pianta alta 60-90 cm, larga 40-60 cm, con un ceppo spesso, il cui numero di rosette di foglie basali aumenta gradualmente nel corso degli anni. Le sue foglie sono di solito intermedie tra quelle dei suoi due genitori, Eryngium alpinum ha foglie piene, flessibili e non spinose, mentre Eryngium bourgatiia ha foglie molto dure, tagliate e spinose. Il panicaut Big Blue ha quindi una rosetta di foglie leggermente dentellate e spinose con una spessa foglia verde, sbiancata nelle vene.

Al momento della fioritura, ogni rosetta di foglie sviluppa un gambo floreale rigido, ramificato e spesso con diverse infiorescenze. L’intera pianta è di un blu intenso. I fiori, anch’essi blu, sono raggruppati in grandi coni ovali, disposti in belle buste con 12 grandi foglioline allungate. L’ensemble è presentato sotto un portacandelabro. Il grande panicaut blu diventa un capolavoro di aiuole durante i mesi di luglio-agosto e anche più tardi, quando si seccano, fino all’inverno, così grafico è lo scheletro delle sue infiorescenze.

I fiori attirano le farfalle e le bolle, tra le altre cose, ma non producono semi.


Come piantare e coltivare il panicaut Big Blue?

Eryngium x zabeliiBig Blue è una pianta adatta ai giardini secchi. Richiede un’esposizione al sole e un terreno drenante, di tipo minerale, cioè abbastanza povero di materia organica, e di tipo sabbioso o ghiaioso.

In un terreno troppo ricco, diventa troppo grande e i suoi steli mancano di fermezza. In un terreno poco drenato, assume una tonalità grigiastra opaca invece del suo bel blu, o peggio, scompare in inverno.

Il panicaut Big Blue prende radici profonde, il che lo rende resistente alla siccità, ma rende anche difficile il trapianto. Dovrebbe essere piantato in giardino in primavera, dando la preferenza alle giovani piante in vaso. Avranno ancora bisogno di un po’ d’acqua per sviluppare le loro radici in profondità durante questo primo anno di crescita.


Come si gioca Eryngium x zabeliiBig Blue® ?

La piccola R® menzionata dopo il nome della varietà significa che la varietà è brevettata. Può essere riprodotto solo per essere ripiantato nel proprio giardino.

Eryngium x zabelii è un ibrido sterile che produce pochi o nessun seme vitale. Può quindi essere moltiplicato solo per propagazione vegetativa, sia per talea che per scissione.

Si riproduce per talea di radice in primavera. Le radici lunghe 10 cm sono interrate orizzontalmente sotto 2 o 3 cm di terreno sabbioso, rimanendo leggermente umide. Dopo qualche settimana, appaiono delle rosette di foglie.

Le divisioni sono possibili in primavera, ma va notato che l’impianto non è ben trapiantato. Per evitare di uccidere la pianta principale, è meglio cercare di separare una rosetta periferica di foglie senza disturbare il resto del panicaut.


Specie e varietà di Eryngium

Il genere comprende circa 230 specie

.

  • Eryngium agavoides , Agave leaf panicaut
  • Eryngium alpinum , il cardo blu alpino
  • Eryngium bourgatii , il cardo blu dei Pirenei
  • Eryngium planum , una specie più fine
  • Eryngium pandanifolium , una specie sudamericana

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.