Funghi

Hebeloma radicosum

Caratteristiche macroscopiche

Caratteristiche:

Cappello dall’aspetto carnoso con un diametro che può essere notevole, di solito tra i 5 e i 10 cm, ma che può superare questa misura. La sua forma è dapprima emisferica, poi diventa convessa e infine si appiattisce parecchio. La sua cuticola è lubrificata in caso di pioggia, mantenendo in altre condizioni una certa luminosità, di colore variabile che può andare dal crema all’ocra, avendo molte volte un tipico colore pallido della pelle. Questa superficie può essere liscia o leggermente squamosa, e il margine, a volte più leggero, presenta tracce di velo nei giovani esemplari che poi scompaiono.

Pellicole chiare, color crema dnate o sublimi in esemplari giovani, che diventano rapidamente marroni, a volte con una sfumatura giallastra. Sono abbastanza stretti e disposti in modo irregolare.

Piede allungato, pieno e fusiforme, di colore simile al cappello. È rastremata verso la base, terminando con una lunga radice, infatti la parte sepolta del piede è spesso altrettanto lunga o più lunga della parte visibile. È fornito nel terzo superiore di un anello membranoso e persistente molto brevettato, sotto il quale presenta flocculi più scuri.

Carne spessa di colore biancastro, fibrosa al piede, con un sapore dolce, per nulla amaro, e un odore non sgradevole ma difficile da definire, come quello delle erbe con uno sfondo di mandorle amare.

Habitat:

È una specie che, sebbene esca a terra, lo fa sempre in prossimità di vecchi monconi molto degradati. Porta i frutti sotto gli alberi appiattiti, nel nostro caso di solito lo vediamo sotto i faggi, ma non è un fungo abbondante anche se appare con una certa assiduità. Il suo periodo preferito è l’autunno.

Commenti:

All’interno di un genere così complicato da definire, in cui ci sono specie molto vicine tra loro, forse questa specie è una delle poche che difficilmente presenta problemi di identificazione. Le sue caratteristiche macroscopiche sono rilevanti, l’aspetto carnoso, il piede dotato di anello, la lunga radice in cui termina, il sapore non amaro e il particolare odore, rendono questa specie facilmente identificabile.

Ulteriori informazioni:

  • Nome comune:
    Talloma radicale, arbiki errodun.
  • Sinonimo:
    Pholiota radicosa (Toro) P. Kumm.

Tassonomia:

  • Divisione:
    Basidiomycota
  • Suddivisione:
    Basidiomicotina
  • Classe:
    Omobasidiomiceti
  • Sottoclasse:
    Agaricomycetidae
  • Ordine:
    Tende
  • La famiglia:
    Cortinariaceae

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.