Funghi

Leucocortinarius bulbiger

Caratteristiche macroscopiche

Caratteristiche:

Cappello il cui diametro varia in esemplari adulti tra i 5 e i 10 cm, di forma emisferica nel primo stadio di sviluppo, presto convesso e infine abbastanza appiattito, essendo usuale avere un mamellone ottuso appena pronunciato. La cuticola è leggermente viscosa con la pioggia, anche se tende ad asciugarsi, di colore tendente all’ocra, con qualche sfumatura arancione verso il centro e pallore verso i toni del beige al margine. Superficie liscia negli individui sviluppati e un po’ più squamosa in gioventù, soprattutto verso il margine, che può presentare flocculazione nelle prime fasi. Questo margine è stato intascato e successivamente liscio.

Le lastre basse in genere, anche se molte volte con un dente che unisce il piede, bianche durante la maggior parte del loro sviluppo, si scuriscono fino a diventare cremose solo in età avanzata. Leggermente più vicini tra loro quando sono giovani e non molto stretti quando sono adulti, con poche o nessuna lama nella zona di inserimento.

Pieno, cilindrico, carnoso, piede biancastro e dimensioni proporzionate al cappello, con un aspetto fibroso. Ha una persistente e apprezzabile cortina bianca nella zona superiore che nei giovani esemplari unisce il piede con il margine del cappello, nella base ha un evidente e concolore bulbo marginale.

Carne spessa e consistente, di colore da biancastro a cremoso e immutabile al taglio, con un odore trascurabile e un sapore dolce.

Habitat:

Specie legata alle conifere, un po’ più rara in altri habitat, la vediamo spesso nella foresta mista di Pseudotsuga menziesii con Picea abies, anche se la vediamo anche sotto querce o larici. Nonostante sia una specie un po’ rara e localizzata, negli ultimi anni ne abbiamo osservato una proliferazione. Cresce principalmente durante l’autunno in piccoli gruppi o da solo.

Commenti:

E’ considerato da alcuni autori commestibile, si sconsiglia di raccoglierlo a questo scopo data la sua rarità e il suo basso valore. Questa specie ha una posizione tassonomica incerta, la sua spora bianca la separa dal genere Cortinarius, le cui specie hanno solitamente spore ocra o scure, tuttavia la sua morfologia e l’evidente presenza di sipario le conferiscono una notevole somiglianza con quel genere. Cortinarius multiformis è il suo fratello gemello, ha anche le lame bianche da giovane, ma la spora di massa è ocra come Cortinarius che non è bianca. In generale tutti i Cortinarius in quella sottosezione presentano una certa somiglianza con le specie qui descritte.

Ulteriori informazioni:

  • Nome comune:
    Tenda a fogli bianchi
  • Sinonimo:
    Cortinarius bulbiger (Alb. & Schwein.) J.E. Lange

Tassonomia:

  • Divisione:
    Basidiomycota
  • Suddivisione:
    Basidiomicotina
  • Classe:
    Omobasidiomiceti
  • Sottoclasse:
    Agaricomycetidae
  • Ordine:
    Agaricales
  • La famiglia:
    Tricholomataceae

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.