Piante

Guida alla cura del Pittosporum tobira

In questo fascicolo sulle piante da giardino vi mostriamo un arbusto noto e molto resistente che viene utilizzato soprattutto per le siepi ornamentali. Il suo nome scientifico è Pittosporum tobira, anche se è comunemente noto come pitosporo o fiore d’arancio cinese.

In questa guida alla cura ti mostreremo le caratteristiche principali di questa pianta e le cure principali, punto per punto, in modo da non perdere nulla nella sua manutenzione.

Caratteristiche del Pittosporum tobira

Il Pittosporum tobira è considerato un grande arbusto, poiché se non è controllato dalla potatura può superare i 5 metri di altezza. Tuttavia questa pianta trova largo impiego ornamentale in parchi e giardini per creare muri di siepi e diversivi, essendo soggetta a potature annuali.

È una specie di impiego nel giardinaggio per la sua rapida crescita e la sua rusticità. È originario del continente asiatico, dove è stato coltivato soprattutto in Cina (da cui il suo nome secondario, fiore d’arancio cinese). Tuttavia, può anche essere visto coltivato in altri paesi asiatici come la Corea del Sud e il Giappone.

tassonomia

  • Ordine:  Apiales
  • Famiglia:  Pittosporaceae
  • Genere:  Pittosporum
  • Specie: Pittosporum tobira

Nomi comuni: pitosforo, fiore d’arancio cinese

Epoca di fioritura: inizio primavera, con piccoli fiori bianchi che sprigionano un potente aroma. Produce un gran numero di fiori.

Formazione di siepi:  nel caso in cui questa pianta venga utilizzata per creare una siepe, dobbiamo piantarle a una distanza di 80 cm l’una dall’altra. Successivamente, la sua crescita sarà regolata dalla potatura.

Cura principale del Pittosporum tobira

1. Climatologia

Temperatura

Il Pittosporum tobira  è una specie rustica che si adatta molto bene a vari ambienti climatici. La sua escursione termica è ampia, anche se non tollera le basse temperature e le gelate eccessive.

Nelle zone molto fredde o con gelate tardive va protetta, specie se giovani o pianeggianti di nuova piantumazione. Possono verificarsi danni alle foglie, anche se germogliano facilmente in primavera.

illuminazione

È una specie che si pianta in zone soleggiate o semiombreggiate, ma a condizione che siano ben illuminate.

Umidità

Può essere coltivata in ambienti con maggiore umidità (anche nelle zone costiere) e zone aride, anche se quelli molto secchi possono limitare la fioritura. L’intervallo ottimale di umidità ambientale è compreso tra il 60% e l’80%.

2. piano

Il Pittosporum tobira tollera qualsiasi tipo di terreno, indipendentemente dalla sua consistenza. Si consiglia di scegliere terreni con un buon drenaggio (basso contenuto di argilla). Può essere coltivato in aree a pH calcareo e alcalino.

In terreni con un pH superiore a 8, avrai bisogno di un’integrazione di chelato di ferro, poiché è un elemento molto insolubile a pH alcalino.

È una pianta resistente alla siccità, quindi predilige al meglio terreni con un misto di sabbia e limo.

3. Irrigazione

L’irrigazione dovrebbe essere moderata e spaziosa, lasciando asciugare il terreno tra l’irrigazione e l’irrigazione.

In inverno, tutta l’irrigazione sarà limitata nelle aree piovose (1 pioggia a settimana) e sarà fornita 1 irrigazione di 20-30 minuti a settimana nelle aree molto secche (pendio mediterraneo).

  • Irrigazione in inverno: 1 irrigazione settimanale da 20 a 30 minuti in irrigazione e 1 gocciolatore per pianta.
  • Irrigazione in estate:  da 2 a 3 annaffiature settimanali, con 1 gocciolatore per pianta e un tempo medio da 40 a 50 minuti.

4. Abbonato di  Pittosporum tobira

I Pittosporum tobira  vengono generalmente concimati all’inizio della primavera, in coincidenza con il periodo di massimo germogliamento e in pre-fioritura.

Per fare ciò, il modo più comodo è utilizzare fertilizzanti liquidi che inietteremo con il sistema di irrigazione a goccia. Negli altri casi in cui non abbiamo questi elementi, possiamo utilizzare anche fertilizzanti granulari che applicheremo attorno al tronco della pianta, 2 volte l’anno.

Concimi consigliati:

Dose consigliata di fertilizzante granulare:

Tipo di coltura Dosaggio numero di volte all’anno
Aiuole e cespugli di siepi 40 – 60 gr/m2 (prima della fioritura) 1-2

5. Potatura

Il pitosforo è una specie adattata alla potatura regolare, cercando di dargli una forma particolare per definire siepi e portamento.

Data la sua vertiginosità quando si tratta di produrre nuovi germogli e fiori in primavera, viene effettuata successivamente, a fine estate.

Se invece non vogliamo formare un massiccio o una siepe, non sarà necessario potarlo e continuerà a crescere in modo tradizionale.

6. Moltiplicazione e propagazione

Sebbene l’opzione diretta sia quella di acquisire il Pittosporum tobira in vivaio, coltivato in vaso per un successivo trapianto, abbiamo diverse opzioni per ottenere nuove piante a costo zero.

Moltiplicazione per semi:  il pitosforo è abbastanza facile da germinare. L’operazione può essere effettuata in primavera, in semenzaio protetto o coltivata in vaso con fibra di cocco.

Moltiplicazione per talea o talea:  si seleziona un fusto non lignificato di 10 cm di lunghezza, si asportano le foglie basali, si pone in acqua per alcuni giorni e, successivamente, in substrato

inumidito continuamente. Per facilitare questa operazione si possono utilizzare gli ormoni radicanti (usando auxine come l’acido indolbutirrico).

7. Parassiti e malattie

Macchie di Cercospora su Pittosporum tobira

parassiti

A causa della disposizione delle sue foglie e del numero di steli di nuova generazione prodotti in primavera, attira specie succhiatrici che si trovano su nuove foglie e germogli. Tra quelli che spiccano maggiormente sono l’ afide e la cocciniglia.

Afide:  si trova su nuovi germogli e gemme ascellari, nonché sul lato inferiore delle giovani foglie.

Cocciniglie: si trovano solitamente sugli steli, ma non sulle foglie. Ci possono essere diversi tipi, come la cocciniglia a coste o la cocciniglia cotonosa.

Entrambi i parassiti possono essere eliminati spruzzando sapone di potassio (5 ml/L di acqua).

Malattie

Ci sono alcuni funghi che colpiscono il Pittosporum tobira,  producendo macchie irregolari sulle foglie. Uno di questi è il fungo cercospora, che produce macchie clorotiche gialle sulle foglie.

In zone molto umide, con scarso drenaggio e accumulo di acqua, possono comparire funghi che vivono in condizioni di bassa umidità. Tale è il caso di Phytopthora o Rhizonctonia, che producono macchie marroni sulle foglie e marciume del gambo. Entrambe le malattie sono molto difficili da eliminare, ma possono essere utilizzati fungicidi (metalaxil) o rame ( ossicloruro di rame, tra gli altri).

8.  Problemi relativi al Pittosporum tobira

Fogli gialli

Quando il Pittosporum tobira  perde il suo verde naturale, può essere dovuto a diverse cause.

  • Eccesso di acqua: radici prive di ossigeno con scarsa traspirazione e ridotta attività fotosintetica. Asciugare il substrato o il terreno e distanziare maggiormente le annaffiature.
  • Mancanza di nutrienti:  una clorosi generalizzata del fiore d’arancio cinese sarà conseguenza di una nutrizione a basso contenuto di azoto. D’altra parte, se solo i germogli e le foglie nuove mostrano questa clorosi, la più probabile e comune è la clorosi ferrica (carenza di ferro).
  • Mancanza di illuminazione:  le zone molto ombreggiate riducono il verde originale della pianta. È la situazione più rara per il pitosforo, ma non è da escludere se il terreno non è eccessivamente umido e l’alimentazione della pianta è corretta.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.