Piante

Perché la mela pipino è così apprezzata?

La mela è uno dei frutti più famosi e consumati in tutto il mondo. All’interno della sua categoria possiamo trovare molte varietà, anche se ce ne sono alcune, come la mela pipino, che è in cima alla valutazione gastronomica.

In questo articolo vogliamo raccontarvi il motivo del successo di questa varietà, essendo una delle più consumate al mondo, le sue caratteristiche principali e le chiavi della coltivazione della mela.

Principali caratteristiche della mela pipino

La mela pipino, come tante altre, nasce dalla combinazione di diverse varietà. Tuttavia, la sua storia va molto lontano poiché ci sono dati dall’inizio del XIX secolo.

Sebbene gli Stati Uniti siano uno dei principali produttori di mele, il pomfret viene consumato quasi esclusivamente in Europa, con Spagna, Francia e Italia i maggiori produttori.

com’è il frutto

Il frutto pipino ha una pezzatura media, standard, con forma leggermente appiattita sulla testa e geometria asimmetrica.

Quando lo mordiamo, la consistenza è farinosa ma molto succosa e con un aroma che ci riempie tutta la bocca.

Il grande apprezzamento della mela pipino nasce dalla perfetta combinazione di acidità e zucchero che ci regala, rendendola davvero avvincente e stiamo pensando al prossimo morso.

Inoltre, a seconda del periodo in cui si effettua la raccolta, nelle prime raccolte assume un sapore più acido, e man mano che si lascia maturare la frutta nel fruttiera accumula più zuccheri, pur essendo un prodotto non climatico frutta.

All’inizio della vendemmia si presenta di un colore verde nuovissimo, con piccole macchioline. Tuttavia, le sfumature sono più vicine al giallo quando accumula più zuccheri.

Può essere utilizzata per il consumo fresco, anche se è una mela molto apprezzata anche in cucina, accettando molto bene la cottura (mele tostate tipiche di molti paesi) o addirittura la cottura.

Utilizzare per la preparazione di dolci

All’interno della gastronomia, un’altra parte importante a cui è destinata la mela nocciola è la preparazione della pasticceria.

La mela pipino è molto apprezzata nella preparazione di dolci come composte, tatin o mousse.

Leggi tutto:  il valore della mela Fuji

Tipi di mele pippin

All’interno della mela pipino, ci sono sottovarietà con lievi differenze tra loro. Paesi con tanta diversità come Francia, Italia e Spagna, spremere le loro varietà alla ricerca di differenze nel mercato.

Le sottovarietà di mele pippin più conosciute sono le seguenti:

Pipino del Canada

Canada Pippin è coltivato in Francia e ha una carnagione giallastra, con sfumature rossastre. La sua origine è sconosciuta, con frutti di buona pezzatura, contenuto zuccherino medio e bassa acidità.

Si vendemmia all’inizio di settembre

Simile al pipino canadese, ma con un colore della pelle giallastro con un mantello rossastro.

Pipino Ruggine

Presenta piccole differenze, con colori gialli e marroni e macchie abbastanza marcate.

Pipino Zabergau

La sua origine è tedesca, con un frutto di pezzatura allungata, colori rossastri e marroni a piena maturazione e una polpa bianca con una perfetta combinazione di acidità e zuccheri.

Per saperne di più:  le migliori varietà di mele nel mondo

Il valore gastronomico della mela rossa

L’opinione dei consumatori della mela rossa e della critica gastronomica apprezzano l’equilibrio che si verifica in bocca tra l’apporto di acidi (soprattutto acido malico) e zuccheri naturali.

Il suo sapore è molto intenso, frutto di un grande profumo inebriante che rimane in bocca per parecchio tempo.

A livello nutrizionale, non fornisce un valore molto diverso da quello che offrono altre varietà di mele. Sono ricchi di vitamina C, minerali come ferro e acido folico.

Sono considerati oggi uno dei frutti più salutari e ci sono studi che collegano il loro consumo regolare con la prevenzione del cancro e delle malattie coronariche.

Forniscono un gran numero di antiossidanti che riducono la presenza di radicali liberi. Tra questi tipi di sostanze benefiche più importanti ci sono le seguenti:

  • Acidi idrossicinnamici
  • Diidrocalconi
  • Flavonoli (glicosidi della quercetina)
  • catechine
  • Procianidine oligomeriche

Naturalmente è importante lavare bene il frutto e mangiare la mela con la buccia, poiché in questa parte del frutto si conserva una grande quantità di antiossidanti e fibre benefiche.

Leggi tutto:  caratteristiche e coltivazione del melo selvatico

Guida alla coltivazione di questa varietà di melo

Climatologia

Il melo è una coltura abbastanza tollerante alle diverse zone climatiche, essendo resistente alle basse temperature.

In Spagna, la zona per eccellenza per la sua coltivazione è la Catalogna e l’Aragona, che prediligono le basse temperature ai climi eccessivamente caldi del sud della Spagna.

La mela richiede un buon accumulo di ore fredde, quindi la sua coltivazione cresce molto bene indoor.

Ovviamente evitate di piantare varietà a fioritura molto precoce, poiché è la parte più sensibile al gelo all’inizio della primavera.

Terra

Il melo pipino supporta diverse consistenze e un ampio intervallo di pH, essendo coltivato in terreni calcarei per eccellenza.

È importante che il terreno sia profondo (più di 50 cm di profondità), sciolto, ben drenato e preferibilmente con un buon livello di sostanza organica (almeno più dell’1%).

I terreni leggeri che evacuano bene l’acqua offrono un extra per lo sviluppo delle sue radici, che presentano problemi di crescita in ambienti molto argillosi con un elevato accumulo di umidità.

Irrigazione

È una coltura con determinate esigenze di acqua e precipitazioni.

Aumento dell’irrigazione in base all’aumento della temperatura, mantenendo un apporto costante di umidità nel terreno e non permettendo al bulbo umido di asciugarsi in nessun momento.

Nel periodo di massima produzione e ingrasso dei frutti, in coincidenza con le massime temperature estive, può essere annaffiato tutti i giorni e per diverse ore.

Abbonato

Il melo rosso, a seconda della zona di impianto, può avere produzioni elevate, che in alcuni casi superano le 80 t/ha.

Il quadro di impianto abituale, seppur con diversi adattamenti, può essere di 1.200 piante per ettaro in coltivazione intensiva.

In questo tipo di piantagione, l’apporto di nutrienti (azoto, fosforo e potassio) è elevato:

  • Azoto (N): 150 kg/ha
  • Fosforo (P): 70 kg/ha
  • Potassio (K): 200 kg/ha

Potatura del melo Pipino

Fin dai primi anni di impianto, è importante effettuare un regime di potatura di addestramento per mantenere una buona struttura dell’albero.

Il periodo migliore per potare il melo pipino è dopo la caduta delle foglie, prima dell’inizio dell’inverno, o prima del nuovo germogliamento, fino a gennaio o febbraio, a seconda della temperatura.

L’obiettivo ricercato con questo tipo di potatura è il seguente:

  • Per dare omogeneità alla produzione dei frutti durante tutti gli anni.
  • Mantenere un albero equilibrato in portamento aereo.

Il melo è un albero che viene potato fin dai primi anni di vita, formando una struttura consistente che lascia 3 rami principali nel primo anno.

I germogli principali sono tagliati ad una lunghezza di 30 cm, tutti i rami allo stesso livello e con le gemme orientate a germogliare verso l’esterno.

Da 2 anni si partirà dai rami (3+3), tagliando anche i più nuovi fino a 30 cm di lunghezza.

D’ora in poi la lunghezza della chioma si riduce di un terzo per mantenere una produzione equilibrata e vicina alla parte centrale del melo.

Allo stesso modo elimineremo i rami danneggiati, diretti verso il centro dell’albero, incrociati o le famose ventose.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.