Piante

Tecniche per la coltivazione dell’eliotropio

In natura possiamo trovare tipologie di piante, come l’ eliotropio, che possono essere utilizzate sia come specie ornamentale che anche come pianta medicinale. In questo caso, questa coltura copre ampiamente entrambi gli aspetti, poiché è sorprendente e presenta anche interessanti estratti botanici.

L’Eliotropio è una pianta per tutti i terreni che può essere coltivata perfettamente nel tuo giardino come arbusto perenne durante tutto l’arco dell’anno. Ha una buona attitudine e una rapida crescita, che lo rendono perfetto per coprire angoli o spazi in giardini attaccati a recinzioni, muri o case. 

In questo articolo sveleremo le principali caratteristiche del genere Heliotropium, insegneremo alcuni consigli sulla sua coltivazione in giardino e sulle proprietà medicinali che può offrirci.

Caratteristiche dell’eliotropio

La pianta dell’eliotropio  non designa una specie specifica, poiché esistono molte varietà all’interno del genere (più di 50). È catalogata come specie per usi medicinali, e appartiene alla famiglia delle Boraginaceae, che ospita un numero di specie non elevatissimo, compreso tra 250 e 300.

Molte di queste piante appartenenti alle Boraginaceae  offrono anche attitudini come pianta medicinale e condividono olii essenziali e componenti che sono stati studiati dalla comunità scientifica per i loro possibili effetti sull’organismo.

Come pianta, l’eliotropio è considerato un arbusto, potendo crescere e superare i 2 metri di altezza. Infatti è considerata una specie a crescita rapida, poiché le giovani piante superano il mezzo metro di altezza nel primo anno, se soddisfano le condizioni specifiche per il loro sviluppo.

Come cespuglio produce molti fusti e tende a ramificarsi facilmente, rendendo difficile distinguere un tronco principale.

Ciò che interessa, a livello di pianta ornamentale e per la decorazione del nostro giardino, sono i suoi esuberanti fiori dai colori viola e bianco, che oltre ad offrirci una magnifica visione, sprigionano anche un intenso aroma di vaniglia. 

Per goderci i fiori dell’eliotropio, abbiamo 2 opportunità all’anno, poiché fiorisce due volte l’anno, dall’inizio dell’estate all’inizio dell’autunno, quando le temperature si abbassano.

Le varietà di eliotropio più conosciute

Come abbiamo detto, esistono diverse varietà simili appartenenti al genere Heliotropium , molte delle quali abbastanza simili tra loro, anche nel colore della fioritura.

All’interno degli eliotropi possiamo trovare le seguenti varietà:

  • Eliotropio peruviano
  • Eliotropio angiospermum
  • Eliotropio amplexicaule
  • Eliotropio arborescens
  • Heliotropium curassavicum
  • Eliotropio europaeum
  • Pannifoglio di eliotropio

Uno dei più famosi e facilmente reperibili è l’ Heliotropium peruvianum.  Come nome comune ha diverse definizioni: vaniglia da giardino, eliotropio, erba del mulo o violoncillo, tra gli altri.

Ad esempio, all’interno dello stesso genere troviamo anche una specie che vive in Europa,  Heliotropium europaeum, che però non ha nulla a che vedere in termini di aspetto e fioritura (è strisciante ed i suoi fiori sono bianchi e piccoli) con l’eliotropio comune.

Coltivazione di eliotropio in giardino

Una volta approfondite le caratteristiche principali della vaniglia da giardino, vi proponiamo alcuni consigli sulla sua cura fin dall’inizio della piantagione.

Tieni presente che, sebbene sia una specie cespugliosa e cresca abbastanza, si adatta molto bene anche alla coltivazione in vaso (come accade anche con le specie a cespuglio rampicante).

Non aver paura di provare ad avere la pianta dell’eliotropio sul tuo terrazzo, nonostante non abbia un frutteto o un giardino alla periferia della città.

Climatologia dell’eliotropio

Uno degli aspetti più importanti da tenere in considerazione per la coltivazione di tutte le specie del genere Heliotropium  è la loro sensibilità al freddo, soprattutto quando nei mesi primaverili compaiono nuovi germogli.

Il suo intervallo di temperatura ideale è superiore a 15 ºC, con un valore ottimale compreso tra 20 e 25 ºC. Sotto i 10 ºC rallenta la crescita e lo sviluppo dei suoi germogli.

Per questo, soprattutto nei primi mesi di vita, sarà necessario proteggere dal freddo il nostro eliotropio, sia ponendolo in un luogo protetto, sia utilizzando della plastica per ricoprire le parti più sensibili.

Nonostante ciò, trattandosi di una specie che ricresce molto bene, anche quando le parti verdi (foglie e giovani steli) ne risentono, può ricrescere con l’arrivo del caldo e della stagione estiva.

In giardino, l’ideale è cercare un sito semiombreggiato nei primi anni di sviluppo. Zone in cui c’è sole diretto al mattino e non al pomeriggio, o viceversa.

condizioni del terreno

A livello di piantagione, possiamo considerare l’eliotropio come una specie per tutti i terreni. Si adatta bene a tutti i tipi di tessitura, dove è considerato l’ideale argilloso o limoso. Possiamo piantarla anche con terreni pesanti o addirittura calcarei, anche se il suo range di pH ideale è quello dei terreni leggermente acidi.

Per mantenere la concimazione del terreno, dobbiamo recuperarne la natura applicando sostanza organica in ragione di 10 kg per pianta adulta, attorno al fusto principale, ogni 2 o 3 anni.

Questo ci aiuterà ad aumentare le riserve di nutrienti, promuovere lo sviluppo della microfauna e migliorare la conservazione dell’umidità nell’ambiente radicale.

Applicheremo un fertilizzante di fondo sotto forma di granuli all’inizio della primavera, che si dissolverà lentamente con l’umidità.

Personalmente ci piace un NPK 12-8-16 per eliotropio (contenente micronutrienti, anche se si consiglia anche di integrare con chelato di ferro o un cocktail di micronutrienti (sai, ferro, zinco, manganese, rame, boro e molibdeno).

Frequenza e quantità di irrigazione

La quantità e la frequenza dell’acqua dipenderanno soprattutto dalla consistenza del terreno. Per terreni argillosi (con contenuto simile tra argilla e sabbia) si consiglia di eseguire il seguente protocollo.

  • Annaffiature in autunno e inverno:  da 1 a 2 annaffiature a settimana, da 4 a 6 litri per pianta.
  • Irrigazione in primavera e in estate:  da 3 a 4 annaffiature a settimana, da 3 a 4 litri per annaffiatura e pianta.

Per l’eliotropio, come pianta medicinale, è consigliabile rimanere a corto di acqua e applicarne in eccesso. Infatti un leggero stress idrico favorisce l’accumulo dei suoi principi attivi, anche se la produzione diminuisce.

Se abbiamo l’eliotropio in vaso, è l’ideale per mantenere un’umidità costante, per la quale non applicheremo più di 1 litro d’acqua per irrigazione per piante adulte, ma aumenteremo la frequenza in base alla stagione in cui lo troviamo noi stessi.

moltiplicazione delle piante

Il modo più comune per ottenere nuove piante e moltiplicare l’eliotropio è attraverso talee, anche se la variazione genetica può essere ottenuta anche attraverso i semi.

Per effettuare la moltiplicazione per talea, l’idea è di farlo a settembre, con l’estate che dà gli ultimi colpi. Pianteremo lo stelo in un substrato di fibra di cocco con una buona umidità e lo proteggeremo dalle notti fredde, con una temperatura costante che non scenda sotto i 15ºC.

A cosa serve l’ Eliotropio come pianta medicinale

Una delle principali caratteristiche della pianta è il suo potere di offrire benefici medicinali in base ai principi attivi che contiene.

Alcune di queste proprietà medicinali sono le seguenti:

  • Riduce l’infiammazione
  • potere curativo
  • Attività depurativa (diuretico)
  • Trattamento dell’ulcera cutanea

Tra gli effetti collaterali studiati, il danno epatico è stato documentato ad alte dosi per l’accumulo dei suoi principi attivi.

Questa pianta è molto utilizzata anche nel mondo della cosmesi, per la preparazione di saponi, essenze e creme da applicare sulla pelle. Allo stesso modo, viene utilizzato anche in profumeria, per l’aroma di vaniglia di cui abbiamo parlato all’inizio dell’articolo.

Prodotti consigliati:

Prodotti consigliati da applicare all’inizio della primavera. Applicazione di concime granulare alla dose di 0,5-1 kg/pianta intorno al tronco. Si consiglia di diluire il ferro chelato in acqua e di applicarlo tramite il contagocce o manualmente, anche intorno al tronco.

Con la formula protetta (EDDHA), assicuriamo un lento rilascio di ferro per prevenire la clorosi ferrica (ingiallimento delle foglie). Dose di 30 gr/pianta Si consiglia di effettuare una 2a applicazione in agosto-settembre. Soprattutto per terreni calcarei o con pH superiore a 7, dove il ferro nel terreno è solitamente otturato o allo stato insolubile (ferro allo stato ferrico Fe3+)

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.