Piante

Tipi di bambù

I bambù sono sempre più presenti nelle case, in quanto sono un’ottima opzione per i giardini e si possono anche avere in acqua o in una pentola al chiuso. Con il nome scientifico Bambusoideae, sono in realtà un’intera sottofamiglia di piante della famiglia delle graminacee. Esistono più di 200 specie di bambù, tutte con le proprie peculiarità.

Se vuoi saperne di più sui diversi tipi di bambù che esistono, unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde in cui parliamo dei più conosciuti e della loro cura di averli a casa.

Quali tipi di bambù esistono?

Sono un tipo di pianta dalla distribuzione ampia e molto varia, che può avere altezze da meno di 1 metro fino a un’incredibile altezza di 25 metri. Ci sono climi tropicali e temperati, oltre che erbacei o legnosi, e alcuni sono anche scalatori. Come accennato all’inizio, esistono più di 200 specie di bambù.

Per le caratteristiche del suo legno, in quanto altamente resistente e pianta dalla grande rigenerazione, il bambù è uno dei legni più utilizzati al mondo per le costruzioni. Qui spieghiamo di più sugli usi del bambù come risorsa sostenibile.

Successivamente, vedremo quali sono alcuni dei principali tipi di bambù e le loro caratteristiche.

Bambù di bambù

Questi sono i bambù più alti. Sono fatti di tronchi robusti, duri e legnosi, anch’essi cavi all’interno. Sono stati tradizionalmente utilizzati nella costruzione di cabine e strutture nei paesi asiatici. I bambù Bambusa sono caratterizzati dall’essere minimamente invasivi.

Phyllostachys di bambù

Questi bambù tendono a mostrare una colorazione dorata o nera sui loro steli e sono alcuni dei migliori tipi di bambù da interno, poiché i loro rizomi possono estendersi in tutto il vaso e coprirlo, sebbene le loro radici siano così forti da poter raggiungere vasi fragili.. Le sue radici sono molto invasive e prendono persino il sopravvento sul cemento.

Sasa bambù

Si tratta di un genere di bambù di piccole dimensioni, che hanno radici in movimento che possono diventare sovraestese se non contenute in qualche modo. Proprio per questo, tendono ad essere piantate in contenitori e spazi che non diano loro troppa libertà, poiché possono eliminare altre piante che crescono nello stesso terreno.

Puoi avere del bambù in una pentola?

Molti bambù possono essere conservati in vaso all’interno o all’esterno in giardino, ma è importante prestare attenzione al particolare tipo di bambù che stai piantando. Quelli dei generi Phyllostachis e Sasa hanno radici molto invasive che sfuggono al vaso e cercano più terra da invadere, e che sono anche molto forti e possono rompere materiali molto duri. Per questo motivo, non utilizzare vasi di ceramica per questi bambù e utilizzarli di resina o altro materiale resistente.

In questo senso, si consiglia di avere in vaso anche le varietà di bambù fargesia, come ad esempio:

  • Fargesia rossa
  • Fargesia murielae
  • Campbell di Fargesia robusta
  • Fargesia angustissima

Queste varietà non sono invasive per le radici, ma si sviluppano gradualmente attorno allo stelo iniziale.

Cos’è il bambù fortunato

Sebbene sia chiamata bambù fortunato, questa pianta non è in realtà un bambù in sé, ma una Dracanea deremensis, del genere dracaena. Può essere acquistato in molti negozi di giardinaggio sia in canne sciolte che in piccoli gruppi, ed è consigliabile trapiantarlo in vaso o terriccio con un substrato leggero dopo averlo acquistato, in modo che le sue radici abbiano più libertà.

Scopri di più su questa pianta con questo altro articolo di EcologíaVerde su Lucky Bamboo.

Come prendersi cura di un bambù – cure di base

Il bambù è una pianta molto resistente che richiede poche cure. Grazie a questo e al tocco estetico di stile orientale che dona a qualsiasi arredamento, è sempre più diffuso in interni e giardini di ogni tipo. Queste sono le cure di base dei bambù:

irrigazione di bambù

La stragrande maggioranza dei bambù indoor sono piante acquatiche, quindi hanno bisogno di una grande quantità di annaffiature regolari e abbondanti. Naturalmente, è importante che le radici della pianta non vengano sommerse per lunghi periodi, altrimenti potrebbero ammalarsi. Pertanto, si consiglia di mantenere l’irrigazione fino a quattro volte a settimana in climi o stagioni calde e due volte a settimana in condizioni temperate.

crescita del bambù

Queste piante tendono ad essere a crescita elevata e molto invasive. Pertanto, in un vaso avranno bisogno di un trapianto ogni stagione o si corre il rischio che le radici rompano anche il vaso. Inoltre, se pianti il ​​tuo bambù all’aperto, ti consigliamo di installare delle barriere antirizoma per tenere sotto controllo la superficie del terreno su cui si diffonde la pianta.

Luce

Il bambù non ha bisogno di troppa luce solare, infatti è meglio non riceverla direttamente, poiché è naturale nei luoghi ombrosi. Di fronte alla luce in eccesso, la pianta ingiallisce e potrebbe anche morire.

Temperatura

Come abbiamo detto, queste piante sono originarie di climi tropicali o temperati, quindi non resistono bene a temperature molto basse. Se vivi in ​​una zona molto fredda, molto probabilmente avrai problemi a mantenere il tuo bambù in buone condizioni ed è meglio optare per uno al chiuso.

Con il video qui sotto e questo altro articolo puoi saperne di più su Come prendersi cura di un bambù.

Se desideri leggere altri articoli simili a Tipi di bambù, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Piante.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.