Suggerimenti

Aglaonema: [Cura, Semina, Irrigazione, Substrato e Caratteristiche]

Aglaonema è il termine usato per descrivere le varie varietà di piante erbacee e perenni nelle foreste pluviali tropicali dell’Asia. Sono distribuiti specificamente dal Bangladesh alle Filippine e alle parti settentrionali e meridionali della Cina.

In vaso, all’interno della casa, raggiunge un’altezza di 60 centimetri, ma in giardino può raggiungere i 150 cm.

Le sue foglie verdi , dai toni chiari e scuri, sono ovali e lanceolate ed i suoi fiori si sviluppano a forma di spighe, di toni bianchi e verde chiaro.

La loro coltivazione è comune perché sono ideali per la decorazione d’interni e, essendo perenni, la loro coltivazione garantirà una pianta decorativa per molti anni.

Le specie di Aglaonema , alcune delle quali con diverse caratteristiche di adattabilità, sono commutatum, costatum, creta, crispum, maría, modestum, pictum, silver bay, silver queen.

E su scala più piccola, l’ aglaonema simplex, autore, rosso, pataya e pernice.

  

Caratteristiche dell’agloneme

  • Nome botanico : Aglaonema.
  • Tipo di pianta : Pianta da interno .
  • Dimensioni alla maturità : da 60 a 150 cm circa.
  • Esposizione al sole : poca luce, a seconda della varietà.
  • Tipo di terreno : terriccio ben drenante.
  • pH del terreno : leggermente acido.
  • Epoca di fioritura : estate.
  • Colore del fiore : bianco.
  • Nativo di : area nativa Asia, Nuova Guinea.

C’è polemica sul fatto che questa pianta sia facile o difficile da coltivare.

In generale, è facile se segui una semplice regola: più leggera è la variegatura, più luce ti serve. Una volta capito come questo si applica al tuo aglaonema, non dovresti avere problemi.

Lo sapevate…?
La variegatura o il nome scientifico di ‘Variegata’ è la comparsa di aree di colore diverso sulle foglie e talvolta sul gambo delle piante, che possono essere dovute a numerose cause.

Alcune variegature sono attraenti e ornamentali e i giardinieri tendono a preservare questi casi.

La regola numero uno da ricordare per la cura dell’aglaonema è mantenerlo caldo e umido.

Se lo fai, sarai ricompensato con una pianta d’appartamento di lunga durata. È un’ottima scelta se hai problemi con le piante da interno ma desideri un fogliame colorato a casa .

  

Temperatura: dove seminare l’aglaonema?

Poiché proviene da climi tropicali temperati , l’ Aglaonema predilige temperature adatte a questo tipo di clima.

Pertanto, la temperatura ideale è considerata di 15ºC.

Tuttavia, esistono specie di questa pianta, come l’ Aglaonema modestum , che necessitano di temperature più elevate per svilupparsi.

La temperatura ideale per il modestum è di 25ºC durante il giorno e tra 16ºC e 20ºC di notte.

L’umidità dell’ambiente per le migliori condizioni di questa pianta dovrebbe essere del 70%.

Luz: Che bisogni ha l’aglaonema?

Gli Aglaonema hanno bisogno della luce del sole per svilupparsi e crescere sani, anche se tale esposizione dovrebbe avvenire in scala minore rispetto ad altre specie.

La pianta dovrebbe essere posta in luoghi dove la luce solare la nutre, ma non direttamente, perché c’è il rischio che le sue foglie ingialliscano, il che indicherebbe che la specie è in cattive condizioni.

In questo senso deve esserci equilibrio tra luce e ombra, luce senza eccessi e ombra senza oscurità, perché tali esposizioni danneggiano la pianta bruciandone le foglie, e quel danno può diventare irreversibile.

Ma ci sono anche alcune specie della pianta, come l’ Aglaonema costatum , che può svilupparsi con la luce artificiale e crescere anche in luoghi dove l’ombra è alta.

La regina d’argento Aglaonema si adatta perfettamente anche agli spazi con poca luce solare.

  

Substrato e compost: come prepariamo il terreno?

Un fertilizzante universale per piante va bene per l’ Aglaonema , in primavera e in estate, o in alternativa utilizzare fertilizzanti organici in forma liquida.

È importante cambiarlo in un vaso più grande ogni due anni, in primavera, utilizzando substrato di coltura universale, con l’idea di mantenersi in salute.

I fertilizzanti non dovrebbero essere usati nel compost quando la pianta è a riposo, poiché il momento ideale sarà quando inizia il processo di fioritura.

Se l’ambiente è molto secco, si consiglia di prendere precauzioni a causa della proliferazione di parassiti e batteri, in questi casi.

Come seminare l’aglaonema passo dopo passo

  1. Scegli un vaso largo almeno 250 mm (o più grande, a seconda delle dimensioni della tua pianta).
  2. Posizionalo in un luogo ben illuminato, al riparo dalla luce solare diretta.
  3. Riempi con un terriccio e un substrato di qualità.
  4. Rimuovere la pianta dal contenitore, posizionare delicatamente le radici e tagliare quelle aggrovigliate o a forma di cerchio.
  5. Mettere nel vaso e riempirlo con il terriccio, comprimendo delicatamente il terreno. Dopo questo, annaffia bene.
  6. Innaffia quando l’impasto è asciutto – inserisci il dito indice fino alla prima nocca, se è asciutto, innaffia e se è bagnato, lascialo innaffiare ancora per qualche giorno.
  7. Nutrire la pianta due volte alla settimana durante la primavera e l’estate con substrato, come getti di lombrico o compost . Questi fertilizzanti naturali promuovono un forte sviluppo delle radici e una crescita sana del fogliame. Non è necessario farlo durante i mesi invernali .

  

Irrigazione: come e con che frequenza annaffiamo?

È conveniente adattare l’irrigazione alle condizioni del clima da cui la specie proviene.

Trattandosi di climi umidi, di conseguenza, il terreno deve essere umido, evitando il ristagno di acqua.

Esistono però specie, come l’ Aglaonema creta , che non necessitano necessariamente di umidità per svilupparsi, perché si adattano facilmente agli ambienti.

Le innaffiature dovrebbero essere due volte alla settimana, in estate , facendo molta attenzione ad evitare annegamenti dovuti all’acqua in eccesso, perché in questo modo le radici potrebbero marcire.

In primavera bisogna annaffiarlo una volta alla settimana e in inverno ridurre la frequenza delle irrigazioni, avendo cura che non soffra di disidratazione.

Per evitare la proliferazione di parassiti, soprattutto insetti, le foglie devono essere pulite frequentemente, con acqua o un batuffolo di cotone imbevuto di alcool, perché i prodotti chimici potrebbero danneggiare notevolmente la pianta; oppure utilizzare un umidificatore per aumentare l’umidità.

Tossicità dell’aglaonema

Fate attenzione con la frutta del crispum Aglonema , è tossico. Questa varietà è meglio evitare se hai bambini o animali domestici che potrebbero essere curiosi delle sue piccole bacche rosse.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.