Suggerimenti

Colesterolo buono o HDL e colesterolo cattivo o LDL, trigliceridi e livelli normali

Il colesterolo è un lipide (grasso) che fa parte di alcuni ormoni e cellule del nostro corpo. Il colesterolo può provenire dal nostro fegato e anche dagli alimenti che mangiamo nella nostra dieta. Il colesterolo svolge diverse funzioni nel nostro corpo come la digestione dei grassi (formando la bile) o la formazione degli ormoni sessuali e tiroidei.

Non pensare che il colesterolo alto sia sempre associato al sovrappeso. Ci sono persone che potrebbero essere al loro peso ideale, o addirittura al di sotto, e potrebbero avere il colesterolo alto, e questo potrebbe essere dovuto a diversi motivi, come puoi leggere di seguito. Dobbiamo monitorare il profilo lipidico . Poiché avere un colesterolo “cattivo” alto è asintomatico, possiamo conoscerne i livelli solo attraverso un esame del sangue e quindi sono noti anche i livelli di trigliceridi . Cosa sono i trigliceridi? È il grasso che viaggia attraverso i vasi sanguigni. Livelli elevati di trigliceridi possono causare pancreatite acuta o infiammazione del pancreas e anche aumentare le possibilità di malattie cardiovascolari .

Differenze tra colesterolo buono o HDL e colesterolo cattivo o LDL

Il nostro stesso fegato produce colesterolo che durante la digestione passa attraverso la parete dell’intestino per entrare nel flusso sanguigno. A questo punto il colesterolo si legherà alle macromolecole responsabili del trasporto del colesterolo attraverso il sangue: le lipoproteine.

Se la lipoproteina a cui si è legato il colesterolo è a bassa densità o LDL, va alle cellule e il colesterolo in eccesso si accumula nei vasi sanguigni, in particolare nelle arterie. Questo accumulo di colesterolo nell’arteria è chiamato placca ateromica e può causare gravi danni cardiovascolari. LDL alto provoca ipercolesterolemia , che aumenta le possibilità di attacchi di cuore. Inoltre, un LDL alto può causare arteriosclerosi , che è il restringimento delle arterie dovuto all’accumulo di colesterolo cattivo.

Se il colesterolo si lega a una lipoproteina ad alta densità o HDL, tornerà al fegato, “pulisce” le arterie dal colesterolo, il che sarebbe eccellente per migliorare la circolazione sanguigna attraverso il nostro corpo. L’HDL raccoglie il colesterolo LDL in eccesso, restituendolo al fegato dove verrà riutilizzato per formare ormoni, bile, ecc. o dove verrà rimosso nel caso non fosse necessario.

La cosa più salutare è avere un LDL basso e un HDL alto. Ma conosceremo in modo più specifico i valori del colesterolo.

.

Quali sono i valori normali di colesterolo e trigliceridi?

Le raccomandazioni formulate dalle autorità sanitarie sono le seguenti:

  • I valori normali di colesterolo (aggiunta di colesterolo buono e cattivo) sono inferiori a 200 mg/dl
  • Valori di colesterolo da normali ad alti (sommando HDL e LDL) sarebbero compresi tra 200 e 240 mg/dl
  • I valori di colesterolo alto (sommando HDL e LDL) sono superiori a 240 mg/dl

Per LDL o colesterolo cattivo i valori normali sono inferiori a 100 mg/dl, valori alti-normali compresi tra 100 e 160 mg/dl e valori alti da 160 mg/dl.

Per l’HDL o colesterolo buono i valori normali sono superiori a 35 mg/dl negli uomini e 40 mg/dl nelle donne.

Per i trigliceridi si considera avere più di 500 mg/dl come valori alti, e tra 150 e 500 mg/dl come valori medio-alti, considerando valori normali inferiori a 150 mg/dl.

Potrebbe esserci una certa predisposizione ad avere il colesterolo alto a causa dell’ipercolesterolemia familiare, anche con uno stile di vita sano.

Quali fattori possono causare colesterolo alto o ipercolesterolemia

Cattive abitudini alimentari (eccesso di prodotti di origine animale, grassi trans, grassi saturi, ecc. che contengono alti livelli di colesterolo LDL o colesterolo cattivo e un basso consumo di frutta e verdura, fibre e altri alimenti con HDL o colesterolo buono)

Predisposizione genetica

Effetti collaterali dei farmaci

Sovrappeso e obesità

Fumare

Non esercitare, stile di vita sedentario.

Diabete di tipo I e II

Malfunzionamento del fegato

Ipotiroidismo

Consumo di alcool

Malattia renale

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO!

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *