Suggerimenti

Come fare il radicamento naturale

In questo articolo di EcologíaVerde parleremo di agenti radicanti naturali e di come possiamo trarre vantaggio dal loro utilizzo senza dover spendere molti soldi per costosi prodotti chimici. Un agente radicante naturale completamente biologico è molto facile da realizzare e qui ti insegneremo tutto su di loro.

Se vuoi imparare a fare la radicazione naturale utilizzando diversi prodotti che troverai facilmente in casa, prendi nota, metti in pratica le istruzioni e vedrai come le tue piante miglioreranno e avranno un aspetto sano.

Radicamento naturale: cos’è ea cosa serve

Se hai mai piantato talee o hai cercato qualche informazione a riguardo, saprai che, quando si piantano talee, è sempre consigliato farlo con diverse di esse perché molte tendono a non radicare. I rooter sono prodotti utilizzati principalmente per questi casi. Coprire la base del taglio della talea con l’agente radicante stimola la crescita e la produzione di radici nella pianta.

Qualsiasi stabilimento che vende prodotti fitosanitari offre molti di questi agenti radicanti, ma se vuoi risparmiare denaro o semplicemente non utilizzare prodotti artificiali nel tuo orto biologico, fare un agente radicante fatto in casa è l’opzione migliore.

Come fare il radicamento naturale per le piante: i 5 migliori

Esistono molti modi per creare il proprio stimolatore radicolare, ma la maggior parte degli esperti concorda sul fatto che cinque prodotti comuni sono i più convenienti ed efficaci. Tutti si applicano lasciando il taglio immerso nel prodotto per alcuni minuti.

Radicatura naturale con lenticchie

Le lenticchie rilasciano un’elevata quantità di ormoni stimolanti le radici, motivo per cui sono ampiamente utilizzate come agente radicante. Per fare una radicazione a base di lenticchie è necessario far germogliare le lenticchie. Ciò si ottiene facilmente immergendo una parte delle lenticchie in quattro parti d’acqua per alcune ore, rimuovendo l’acqua in seguito e tenendola da parte per immergerle nuovamente il giorno successivo. In circa due o tre giorni la maggior parte di loro dovrebbe aver germogliato, a quel punto dovrebbero essere schiacciati insieme alla loro acqua. Una volta che la pasta risultante è stata filtrata, hai già il tuo agente radicante naturale. Questo agente radicante dura fino a 15 giorni in frigorifero.

radicazione alla cannella

La cannella è anche uno dei prodotti più utilizzati. Per fare uno stimolatore di radici con la cannella, immergi semplicemente circa 25 grammi di cannella in un litro d’acqua e lascialo riposare per circa un’ora. Quindi, filtralo semplicemente e avrai il tuo prodotto per il radicamento, che durerà anche alcuni giorni se lo conserverai in frigorifero.

radicazione fatta con salice

In questo caso aggiungere rami di salice tagliati a pezzetti a un litro di acqua appena bollita. Lascia riposare il composto per un giorno intero, filtra di nuovo e il gioco è fatto. Inoltre, non puoi far bollire l’acqua, ma dovresti prolungare il tempo di riposo dei rami a una settimana. Come curiosità, questa miscela usa l’acido salicilico come base, sì, come l’aspirina. Per questo motivo è anche un’opzione un’aspirina disciolta in acqua, anche se richiede che il taglio venga immerso in essa per un’ora.

Radicatura a base di grano o semi di soia

Le lenticchie non sono le uniche a rilasciare molti ormoni quando germogliano. Molti cereali, come la soia e il grano, sono molto utili anche per fare la radicazione fatta in casa. Devono essere fatti germogliare in casa con lo stesso procedimento di aggiunta e eliminazione dell’acqua delle lenticchie, quindi macinare il tutto in una pasta e filtrarla.

Radicatura naturale dei chicchi di caffè

Bollire una manciata di chicchi di caffè in mezzo litro d’acqua, come se stessi cercando di preparare un comune infuso. Quindi filtrate il liquido e, una volta freddo, potete conservarlo in frigorifero se volete conservarlo per qualche giorno. Questo sistema ci lascia anche i fondi di caffè, molto utili per tenere lontane lumache e lumache dal nostro substrato.

In questo altro articolo di EcologíaVerde spieghiamo più modi per utilizzare i fondi di caffè in giardino.

Come ultimo dettaglio, c’è un sesto agente radicante che, sebbene meno efficace di quelli sopra elencati, è ancora più facile da ottenere: la saliva umana. Se non hai nient’altro quando pianti una talea, metti un po’ di saliva sulla talea prima di piantare. Ovviamente fate attenzione alle piante tossiche o non adatte al consumo e applicate la vostra saliva indirettamente, senza mai succhiare la pianta.

Radicamento naturale: vantaggi e svantaggi

Per finire, spieghiamo quali sono i vantaggi e gli svantaggi dell’utilizzo di agenti radicanti naturali nelle tue piante:

Vantaggi del radicamento naturale

I vantaggi dell’utilizzo di un agente radicante naturale sono molti. Da un lato, è un sistema molto più economico, poiché tutti i prodotti descritti si trovano in molte case e sono economici, molto più economici dei prodotti per il radicamento industriale. Inoltre, trattandosi di prodotti completamente naturali, sono adatti all’uso negli orti biologici, e garantirai il massimo utilizzo delle tue talee senza ricorrere a prodotti chimici artificiali. Infine, i resti della lavorazione di questi prodotti possono essere utilizzati anche per il nostro substrato o compost, poiché sono totalmente organici.

Svantaggi del radicamento naturale

L’utilizzo di agenti radicanti naturali, però, presenta anche due principali svantaggi rispetto all’utilizzo di quelli prodotti industrialmente. Il primo è che l’effetto di un rooter fatto in casa non è mai veloce come quello di uno industriale. Il secondo è che si tratta di prodotti più deperibili, che non dureranno per molti giorni in frigorifero prima di deteriorarsi.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come eseguire il radicamento naturale, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.