Suggerimenti

Durillo: [Coltivazione, Irrigazione, Cura, Parassiti e Malattie]

Il durillo, o alloro selvatico, è una specie vegetale che si adatta bene ai climi temperati dove riesce a fissare l’ambiente in modo particolare grazie al suo gradevole profumo.

Emette un fiore che a volte è evidente in un bianco pulito, mentre in altre è una tonalità piuttosto rosata.

È facile crescere se seminato attraverso talee o stratificazione, ma questo non è il caso dei semi. Se sei interessato a conoscere il processo per ottenere il successo con questa specie, approfitta perché qui ti diamo tutto ciò che devi sapere.

Punti importanti quando si semina Durillo
  • Quando? Tra primavera ed estate .
  • Dove? In mezz’ombra, al riparo dal vento.
  • Come prepariamo il terreno? Con abbondante materia organica e molto arioso.
  • Come dovremmo annaffiare? Moderatamente, usando acqua calda in inverno .
  • Ogni quanto bisogna annaffiare? 3 o 4 volte a settimana in estate e 1 o 2 volte in inverno .
  • Di che cure hai bisogno? T rasplanted se è in vaso, concimazioni, potatura, protezione con pacciamatura in inverno.
  • Quali parassiti e malattie ha? L’ afide e l’oidio.

Quando piantare un durillo?

Il Durillo va seminato tra la tarda primavera e la metà dell’estate , in quanto questo è il periodo in cui i rami della pianta sono semilegnosi.

Dove piantare un durillo?

Sebbene sia chiamato selvatico, non se la cava molto bene con una posizione in pieno sole, quindi è meglio piantare in mezz’ombra . Inoltre, deve essere protetto dall’assalto del vento, essendo preferibile posizionarlo vicino a muri o dove una pianta più grande funge da blocco .

Poiché ama i climi temperati, è in grado di resistere a gelate fino a -10°C. Se è comune nella vostra zona che scenda al di sotto di questo livello, è meglio tenerlo in vaso per proteggerlo.

Come preparare il terreno?

Il durillo si sposa bene con molti tipi di terreno, preferibilmente quelli contenenti abbondante materia organica in decomposizione .

Se sono disponibili terreni poveri, è possibile aggiungere humus, che stimola ha una maggiore quantità di sostanze nutritive da sfruttare.

Un altro dettaglio importante è che è ben aerato . Questo sarà possibile rimuovendo il terreno giorni prima della semina se è molto compatto.

Come innaffiamo il durillo?

L’irrigazione va fatta moderatamente durante tutto l’anno, avendo sempre cura che il terreno sia umido ma non allagato. Nelle giornate estive è meglio sfruttare le ore in cui non c’è tanto sole , sia al mattino presto che al tramonto nel pomeriggio.

Nel caso dell’inverno, si dovrebbe usare acqua calda per migliorare la temperatura delle radici e farlo solo nei giorni in cui il terreno non è ghiacciato.

Ogni quanto annaffiamo il durillo?

L’irrigazione deve essere applicata in base al periodo dell’anno, garantendo l’umidità della terra. Ciò equivale a circa 3-4 volte a settimana in estate e almeno 1-2 volte a settimana in inverno .

Come piantare un durillo passo dopo passo?

Il Laurustinus può diffondersi attraverso due vie principali: la talea o la margotta . Vediamo ognuno di loro.

Moltiplicazione per talea

Molte specie vegetali si riproducono efficacemente per talea poiché è un processo semplice ed economico e in questo caso non è diverso.

  1. Selezionare una pianta sana e prelevare una talea di buona lunghezza , preferibilmente con struttura semilegnosa.
  2. Rimuovere tutti i fogli attaccati mantenendo solo i due che si trovano nella parte più alta per favorire la traspirazione.
  3. Selezionare una coltura mista con substrato vegetale e interrare il 65% del fusto , premendo i bordi con le dita che si mantengono ben saldi.
  4. Inumidisci la terra e mantienila sempre in quello stato , ma senza ristagni d’acqua. Inoltre, posiziona la talea in un luogo con buona luce e ventilazione, ma non alla luce diretta del sole.

Con questo metodo, le radici della talea inizieranno a spuntare a 8 settimane e potrai trapiantarla in un vaso o in giardino quando vedrai già delle nuove foglie.

Moltiplicazione per stratificazione

In questo caso si mantiene l’unità tra la nuova pianta e quella che sarà presa come base per la moltiplicazione, almeno nelle prime fasi di sviluppo.

  1. Prendete un gambo che abbia una consistenza più o meno dura e piegatelo per interrarne la parte superiore , almeno 4 o 5 centimetri.
  2. In questo primo momento, inumidisci abbondantemente il terreno in modo che lo strato si depositi. È necessario mantenere un buon livello di umidità nei giorni successivi per favorire uno sviluppo ottimale.
  3. Attendere che lo strato interrato generi nuove foglie e procedere a separarlo delicatamente dalla pianta madre.
  4. Apri un buco per estrarre la nuova pianta e trapiantarla in un altro spazio.

Di che cure ha bisogno il durillo?

Quando la semina sarà fatta in giardino e sarà stata stabilita una buona posizione, non ci saranno problemi durante tutto il suo sviluppo.

Nel caso sia in vaso, sarà fondamentale praticare il trapianto ogni 2 o 3 anni per aiutare le radici a essere sane.

In questo processo di cambiamento, sarà molto favorevole cambiare il substrato con uno nuovo.

Il Durillo può essere concimato durante le giornate primaverili ed estive con un concime per piante mediterranee se piantato all’apertoQuando lo hai in un vaso, la cosa migliore da fare è sfruttare il fertilizzante liquido.

La potatura va fatta meglio nei giorni di fine estate o inizio autunno , quando dovrebbe aver completato il suo processo di fioritura. Se non è possibile, l’inizio della primavera aiuterà anche a mantenere pulita la pianta e le consentirà di sviluppare una struttura più forte nei prossimi giorni.

Naturalmente, sebbene resista bene alla potatura, è necessario organizzarsi per incidere il meno possibile sulla struttura, rimuovendo solo le parti essenziali. Nelle zone dove gli inverni tendono ad essere molto freddi e il legno duro viene piantato all’aperto, sarà possibile proteggere le radici ricoprendo la base della pianta con pacciamatura .

Quali parassiti e malattie colpiscono il Durillo?

È altamente improbabile che il durillo subisca attacchi da parassiti o malattie se mantenuto in buone condizioni.

L’afide è uno dei principali parassiti che potrebbe colpirlo quando viene tenuto in un’area poco ventilata.

E l l’ oidio può dire dove è presente nelle zone poco illuminate , quindi dovresti definire chiaramente la posizione, soprattutto se hai un vaso.

Il Durillo è una specie che vale la pena avere in casa ma è necessario lavorare con cautela perché tutte le sue parti sono tossicheQuesto ci invita a prestare maggiore attenzione nelle case dove vivono bambini e animali domestici e ad adottare adeguate misure di sicurezza in caso di potatura.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.