Suggerimenti

Come prendersi Cura della menta piperita

La menta piperita è una delle piante aromatiche più conosciute e utilizzate nei giardini e nelle case di tutto il mondo. Le chiavi del suo successo sono la facilità di coltivazione, il profumo gradevole e il colore verde e, naturalmente, il suo grande impiego come condimento, sia fresco che essiccato, in un gran numero di piatti e ricette: dal famoso mojito al tutti i tipi di stufati.

La pianta della menta è uno dei tanti diversi tipi di mentine esistenti, tutte con aromi e sapori diversi, che vanno tenute separate l’una dall’altra. Se vuoi imparare come e dove piantare la menta piperita, oltre a come mantenere la pianta di menta piperita, unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde. Nelle righe seguenti troverai una guida pratica su come prendersi cura di una zecca in modo semplice.

Caratteristiche della menta piperita

Viene comunemente chiamata menta piperita, menta, legno di sandalo o menta, a seconda della regione in cui ci troviamo, anche se il suo nome scientifico è Mentha spicata. È una pianta erbacea che ha origine nella parte sud-orientale dell’Europa e appartiene alla famiglia delle Lamiaceae. È una pianta piccola, sebbene sia altamente adattabile e molto invasiva, quindi non è difficile farla prosperare. La pianta infatti misura solitamente dai 30 ai 90 centimetri, quindi può essere coltivata anche in vaso.

Tradizionalmente ci sono stati usi della menta piperita come pianta medicinale per le sue numerose proprietà, oltre che culinarie ed è stata persino piantata ai margini di frutteti e giardini per tenere lontani alcuni parassiti. Se vuoi coltivare erbe aromatiche in casa e te ne sei accorto, vediamo di seguito qual è la cura principale della menta.

Posizione

Sia la menta piperita piantata a terra che quella in vaso tollerano un’ampia gamma di luoghi e di esposizione al sole. È una pianta che può crescere all’ombra, anche se la sua collocazione ideale e più ottimale è in un punto di semiombra, cioè in un ambiente molto illuminato ma dove il sole non la tocca direttamente. Quindi, se vi state chiedendo: la menta piperita è soleggiata o ombreggiata? , la risposta più esatta non è né l’una né l’altra, ma dovrebbe essere in semi-ombra.

Per proteggere la menta all’aperto, quindi, va tenuta al riparo dal sole diretto, soprattutto nelle zone più calde e durante le ore di peggiore incidenza, cioè a mezzogiorno.

Substrato per la pianta di menta piperita

Il substrato per la menta non è troppo impegnativo, anche se è molto importante che offra il miglior drenaggio possibile e che sia leggero.

L’apporto di materia organica dipenderà dal fatto che coltiverai la tua menta a scopo puramente ornamentale o se intendi usarla come condimento. Nel primo caso non è necessario che il terreno sia molto ricco di sostanza organica, mentre nel secondo è consigliabile utilizzare terriccio o substrato altamente arricchito con compost o humus di lombrico.

irrigazione alla menta piperita

L’irrigazione è una delle cure più importanti per la menta. Questa pianta necessita di un substrato che mantenga sempre un certo livello di umidità se vogliamo che si sviluppi correttamente. Tuttavia, tenendo conto di ciò, è difficile stabilire in modo generale quanta menta piperita va annaffiata, poiché dipende molto dal terreno o substrato stesso e dal clima locale.

Per essere sicuro di quando innaffiarlo, infila una matita o un bastoncino nel terreno vicino alla pianta. Se esce pulito, con poco substrato o terriccio attaccato, significa che è molto asciutto e la pianta ha bisogno di essere annaffiata nuovamente. Ovviamente, quando si tratta di prendersi cura della menta in ambienti chiusi, è fondamentale che il vaso abbia dei fori di drenaggio in modo che l’acqua delle frequenti annaffiature non si accumuli e non marcisca le radici. Qui spieghiamo di più su Quando innaffiare le piante.

Quando si può tagliare la menta piperita?

Per consumare la menta si usano sempre dei teneri germogli, poiché quando la pianta cresce molto i suoi fusti si lignificano, diventando più legnosi. Pertanto, per mantenere la pianta idonea al consumo, è necessario tagliare e trapiantare la menta ogni stagione. I suoi steli e gemme possono essere tagliati durante tutto l’anno man mano che la pianta cresce e ne abbiamo bisogno, oltre alla potatura ogni volta che lo richiede, a causa di malattie o crescita.

Inoltre riprodurlo per talea è molto semplice, basta semplicemente tagliare un bocciolo in buone condizioni e metterne la parte inferiore in acqua fino a quando non mostra le radici. A quel tempo, possiamo piantare le talee di menta nel terreno o nel substrato. L’ideale è eseguire questa operazione all’inizio dell’estate.

Cosa fare per far rivivere una pianta di menta piperita

Se la tua pianta di menta piperita è diventata eccessivamente debole e sembra secca, puoi provare a riportarla indietro con una potatura di salvataggio. Potare gli steli visibilmente secchi o danneggiati, lasciandoli ovunque si veda la pianta che emette una nuova crescita. Posizionarlo in un luogo protetto dai raggi solari diretti e annaffiarlo quotidianamente se è inverno o due volte al giorno in estate, sempre senza allagamenti.

Insistendo su queste cure della menta per recuperarlo, i suoi nuovi germogli cresceranno e da quel momento in poi potrai recuperarlo un po’ di più ogni giorno, finché non avrai di nuovo una pianta in buone condizioni e adatta al consumo.

Come usare la menta piperita che pianti in casa

Se vuoi creare un raccolto di piante di menta piperita in casa solo per le sue foglie e il suo aroma è fenomenale, e la sua fragranza non ti farà aver bisogno di un altro tipo di deodorante per ambienti a casa. Tuttavia, puoi utilizzare questa meravigliosa pianta anche per altri tipi di scopi, ecco alcuni suggerimenti per l’utilizzo della menta piperita:

  • Per migliorare la digestione: la menta piperita è ottima per indigestione e gonfiore. Ha la capacità di espellere i gas dallo stomaco rilassando i muscoli coinvolti.
  • Migliora il raffreddore e l’influenza: la menta piperita è un ottimo decongestionante ed espettorante naturale. Uno dei principi attivi dell’erba è il mentolo, che farà espellere meglio il muco e ridurrà anche la tosse. Come se non bastasse, è anche un lenitivo naturale per il mal di gola.

Come ogni altra cosa, questo tipo di erba va usata con moderazione, perché anche se fa bene alla salute, tutto in eccesso è dannoso, così come la menta piperita. Ad esempio, l’uso di questa erba dovrebbe essere evitato nei neonati o nei bambini molto piccoli. Inoltre, può avere effetti collaterali e interazioni con altri farmaci o integratori, quindi se hai domande, vai dal tuo medico.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come prendersi cura della menta piperita, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.