Suggerimenti

Funghi come lotta biologica: il terrore degli insetti

Ciao a tutti agrohuerter! Oggi siamo alla ricerca di metodi alternativi ai prodotti chimici per combattere parassiti e malattie nelle nostre colture. Uno di questi metodi alternativi è il controllo biologico di parassiti e malattie . Di tutti i possibili organismi utilizzati nel controllo biologico, ci concentreremo su come funzionano i funghi come controllo biologico .

Cominciando dall’inizio… abbiamo chiaro cos’è il controllo biologico ? Con quali organismi possiamo effettuare il controllo biologico? Il controllo biologico è efficace…?

Nell’articolo di oggi risponderemo a tutte queste domande.

Perché questi tipi di funghi sono il terrore di alcune creature? Lo vedremo dopo…

Cos’è il controllo biologico dei parassiti?

Il controllo biologico è l’uso di organismi viventi (o prodotti) per regolare i parassiti e le malattie delle piante. Questi organismi di controllo biologico includono: Insetti (predatori o parassitoidi), acari, nematodi, microrganismi (funghi, virus e batteri). Questo metodo di controllo fa parte della lotta integrata , che mira a integrare vari metodi di controllo al fine di ridurre l’uso di sostanze chimiche nelle colture.

Esistono diversi tipi di controllo biologico che possono essere utilizzati:

  • Controllo biologico mediante aumento:  un metodo a breve termine che promuove lo sviluppo di ausiliari in un luogo (mediante inoculazione o allagamento). Questo metodo è legato a partner privati, detti “bio-fabbriche”. I collaboratori hanno come obiettivo la produzione in serie, il confezionamento, la distribuzione e, talvolta, la consulenza sui prodotti. Un esempio di lotta biologica mediante aumento è l’uso di Macrolophus pygmaeus contro la mosca bianca ( Trialeurodes vaporarorium ) nelle serre.
  • Controllo biologico per acclimatazione : comporta l’introduzione di ausiliari esotici in una determinata regione.
  • Lotta biologica conservativa: detta anche ‘ regolazione naturale ‘, che prevede la creazione di un ambiente favorevole (istituzione di siepi, piante perenni, viali erbosi, ecc.) per l’attuazione degli ausiliari autoctoni. Ciò può essere ottenuto fornendo fonti di cibo alternative, prede, ospiti alternativi o habitat migliorati.

I funghi come lotta biologica ai parassiti: funghi entomopatogeni

L’uso dei funghi come controllo biologico fa parte del controllo biologico con microrganismi , come batteri e virus. È stato fatto per molti anni. Già nel 1874 ne avevano parlato L. Pasteur e Le Conte. Ma fu solo pochi anni dopo che iniziò ad essere applicato in alcune prove sperimentali.

Esistono più di 800 specie di funghi che possono attaccare insetti e acari . Tra questi, i funghi più comunemente usati sono:

  • Beauveria bassiana
  • Beauveria brongniartii
  • Metarhizium anisopliae
  • Metarhizium flavoviride
  • Paecilomyces fumosoroseus
  • Lecanicilium (Verticillium) lecanii
  • Ashersonia aleyrodis

Questi funghi entomopatogeni che abbiamo appena visto vengono utilizzati principalmente per combattere i seguenti parassiti :

  • Omotteri (mosche bianche e afidi)
  • Lepidotteri (farfalle e falene)
  • Coleotteri (coleotteri)
  • emitteri
  • Ortotteri
  • viaggi
  • termiti
  • acari

Quando i funghi entrano in contatto con l’insetto, la penetrazione avviene attraverso i tegumenti. Una volta che il fungo è all’interno dell’insetto, inizia ad espandersi fino a terminare con la morte dell’insetto . Semplice verità?

Ecco alcuni esempi di  funghi per il controllo dei parassiti ( funghi entomopatogeni ):

Beauveria bassiana come controllo biologico

La Beauveria bassiana è uno dei funghi più utilizzati nella lotta biologica a causa del gran numero di parassiti che può attaccare (bruchi, termiti, mosche bianche, afidi, …).

Questo fungo cresce naturalmente nei terreni di qualsiasi parte del mondo. Causa una malattia negli insetti nota come ” malattia muscardina bianca “.

Attualmente, questo fungo viene utilizzato contro la piaga del punteruolo rosso (una specie di punteruolo) delle palme di Elche (Alicante).

Lotta biologica dei parassiti con Metarhizum sp. 

Se un altro fungo dovesse essere evidenziato dopo Beauveria, sarebbe Metarhizum sp . Come nel caso precedente, ha un gran numero di “bug” che può attaccare.

Vi lascio qui alcune fotografie che parlano da sole. Ora capirai perché lo chiamiamo il terrore degli insetti . Se gli insetti andassero al cinema, possiamo immaginare qualcosa come un film di paura.

Questo fungo è fortemente dipendente dalle condizioni ambientali . Normalmente viene commercializzato in preparati con spore che devono essere in acqua prima dell’applicazione per un giorno.

Altri funghi utilizzati come controllo biologico: Cordiceps sp

Dopo Beauveria e Metarhizium vi presento Cordiceps. Si potrebbe scrivere un libro su questo fungo perché è così interessante e misterioso. La specie Cordyceps unilateralis è in grado di modificare il comportamento di alcuni insetti. Ad esempio, quando infetta alcune formiche, le fa potare sulla sommità della pianta poco prima di morire per garantire, in questo modo, che le spore (presenti sul cadavere dell’insetto) si distribuiscano il più ampiamente possibile.

Un’altra specie conosciuta come Cordyceps sinensis , è molto apprezzata in Cina. Loro lo conoscono come “zong chao” (verme d’erba). Nell’antichità veniva utilizzato dall’élite per raggiungere longevità e vitalità. Attualmente ci sono aziende che lo coltivano naturalmente per il suo prezioso interesse biologico e farmacologico in Cina.

Come si effettua la lotta biologica con i funghi?

Come abbiamo detto prima, la ricerca agricola è molto focalizzata su questo metodo alternativo di controllo dei bioaggressori. La base per un buon metodo di lotta biologica si basa su alcuni punti molto semplici. Ad esempio, se vogliamo controllare un nuovo parassita, cosa dobbiamo fare?:

  • Indagine sull’organismo nocivo:  effettuare una prima indagine sulle informazioni esistenti su tale organismo nocivo . Come si comporta il parassita? Quando è il suo momento di riproduzione? Quali sono le colture che colpisce di più? Qual è il suo stato più debole? Come controllarlo in altri paesi?
  • Ricerca sugli organismi ausiliari che attaccano il parassita : Successivamente, una volta che sappiamo del parassita, dobbiamo informarci su quali organismi ausiliari potrebbero attaccare questo parassita . Possono essere altri insetti, acari, funghi, batteri o virus. E come nel punto precedente, informaci sulla vita di questi insetti ausiliari (dove si rifugiano, quando si riproducono, quali insetti amano, …).
  • Integrazione delle informazioni : una volta che abbiamo molte informazioni sul parassita e sui suoi principali nemici naturali, dobbiamo integrare tutte le informazioni per ottimizzare il metodo di controllo. Quali pratiche culturali dovrebbe fare l’agricoltore per promuovere il controllo biologico? Il controllo biologico può essere integrato con altri metodi di controllo come il controllo chimico, meccanico, …).
  • Diffusione delle informazioni : Infine, gli agricoltori devono essere informati su come utilizzare questi organismi per controllare il parassita. O anche su quali siano le pratiche agricole che più favoriscono l’azione degli organismi ausiliari per porre fine alla peste. Ad esempio, nel progetto che ho fatto in Francia, abbiamo visto come la presenza di arbusti e fiori vicino al lotto significasse che c’erano più organismi ausiliari per attaccare gli afidi .

Vantaggi e svantaggi della lotta biologica con i funghi

Per concludere l’articolo vedremo quali sono i principali vantaggi e svantaggi dell’utilizzo dei funghi come controllo biologico .

Vantaggi dell’utilizzo dei funghi come controllo biologico

I principali vantaggi sarebbero:

  • Il loro utilizzo difficilmente ha un impatto ambientale.
  • Assenza di residui.
  • Basso costo e facile da produrre.
  • Persistenza e sopravvivenza del fungo nel terreno.

Svantaggi della lotta biologica con i funghi

Per quanto riguarda gli svantaggi, va notato:

  • Azione un po’ lenta.
  • Calcolare la quantità di inoculo necessaria.
  • Hanno bisogno di un habitat adatto (con abbastanza umidità).
  • La popolazione dovrebbe essere monitorata per vedere come sta andando.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *