Suggerimenti

Guida alla cura del rosmarino strisciante

Il rosmarino strisciante è un’alternativa al rosmarino tradizionale, con una dimensione molto più piccola e che può funzionare molto bene come specie tappezzante. Tuttavia, nonostante queste differenze fisiche, la loro coltivazione avviene in modo identico.

In effetti il ​​suo nome scientifico è lo stesso, tranne per il fatto che alla cultivar o sottospecie viene aggiunto uno slogan, così che rimane come  Rosmarinus officinalis ‘Prostratus’.

Il suo aspetto strisciante offre molti vantaggi se lo coltiviamo in vaso, poiché ci offre la possibilità di usarlo come  pianta pensile. Inoltre, è comune il suo utilizzo nei giardini rocciosi o nei muri in pietra, ad esempio.

In questo articolo ci concentriamo nel raccontarvi le principali caratteristiche e la guida alla coltivazione del rosmarino rampicante, un’interessante alternativa al tradizionale rosmarino usato come arbusto.

Caratteristiche del rosmarino rampicante ( Rosmarinus officinalis ‘ Postratus’)

Se il rosmarino ( Rosmarinus officinalis) è considerato un arbusto che può superare il metro di altezza, la cultivar Rosmarinus officinalis ‘ Postratus’ è un’opzione da considerare quando si cercano piante aromatiche a crescita corta. Il rosmarino strisciante di solito non supera i 30 cm di altezza e, se necessario, può essere potato e la sua crescita adattata a ciò che stiamo cercando.

Il suo sviluppo avviene con una maggiore tendenza alla crescita verticale, sviluppando fusti con una lunghezza che può superare il metro di distanza.

Le sue foglie, l’aspetto e la fioritura sono molto simili a quelli del rosmarino comune. Fusti molto profumati, soprattutto in primavera e in estate, e una fioritura molto suggestiva e ornamentale che permane per tutta l’estate nel clima mediterraneo, dove ha origine.

Quando viene piantato il rosmarino strisciante?

Se abbiamo acquistato una pianta di rosmarino originariamente in vaso dal vivaio, i periodi migliori per trapiantarla sono la primavera e l’ autunno. In questo modo evitiamo che nella stagione più calda subisca un grande stress post-trapianto.

Se vogliamo formare un tappezzante con specie di rosmarino strisciante e altre piante aromatiche, è consigliabile piantarle a 50 cm di distanza l’una dall’altra, in modo che a poco a poco coprano gli spazi vuoti.

Quanto cresce?

Lo sviluppo del rosmarino strisciante è molto simile a quello del rosmarino comune, solo che i fusti non hanno portamento verticale. La loro lunghezza è mediamente compresa tra 30 e 80 cm, con germogliamento medio in primavera e fogliame che permane tutto l’anno, anche al freddo.

fioritura di rosmarino

La fioritura avviene per tutta la primavera, potendo estendersi per tutta l’estate nelle zone abituali dove si sviluppa. Migliore è la temperatura, più a lungo dura la fioritura.

È commestibile e utilizzabile in gastronomia?

Non ci sono differenze d’uso tra il comune rosmarino e la cultivar ‘Postrarus’, quindi può essere utilizzata come pianta aromatica in cucina, sia per decorare che per insaporire carne, patate e qualsiasi condimento degno del suo sale.

Cura principale del rosmarino rampicante

Stiamo per commentare la cura del rosmarino strisciante. Questa guida è valida sia per la coltivazione in giardino che per avere un vaso con questa pianta sul nostro terrazzo o balcone.

Posizione e tempo

Non ci sono differenze per quanto riguarda i tipi di rosmarino che possiamo trovare. Si tratta di piante che crescono in modo ottimale nel clima mediterraneo, con temperature molto calde in estate e inverni miti, quasi senza gelate.

illuminazione

Viene coltivata in pieno sole ed è particolarmente esigente in termini di illuminazione.

temperature

La sua temperatura ottimale è compresa tra 15-25 ºC, ma resiste stoicamente alle gelate invernali purché non si trovi nel periodo di fioritura, la parte più sensibile della pianta.

tipo di suolo

Il rosmarino strisciante cresce spontaneamente in montagna con suoli poco fertili, resistendo molto bene alla siccità e alla bassa umidità ambientale.

Sebbene le specie di rosmarino e piante aromatiche mediterranee siano adatte ad ambienti poco fertili, si adattano molto bene a terreni e terreni morbidi, ammortizzati, con buona fertilità.

Supporta tutti i tipi di trame del terreno, quindi non avremo problemi a piantarlo nel nostro giardino. Evitare, per quanto possibile, terreni molto argillosi o con tendenza al ristagno idrico.

Il rosmarino è molto sensibile all’acqua in eccesso nel substrato. Il risultato di un soffocamento radicale è la completa essiccazione della parte aerea. Sembrerà che manchi d’acqua quando le foglie diventano marroni, ma sta accadendo esattamente il contrario.

Per quanto riguarda il  tipo di pH, si sviluppa in terreni calcarei, con pH alcalino ed elevata presenza di calcio e magnesio. L’ideale sarebbe leggermente acido, ma non avremo grossi problemi e si adatta perfettamente.

terriccio

Se piantiamo il nostro rosmarino strisciante in vaso, sceglieremo un substrato con condizioni di drenaggio ideali. Pertanto, mescoleremo il substrato universale che troviamo in molti negozi in parti uguali (50% – 50%) con substrati molto più porosi e drenanti.

Ognuno di questi può funzionare per noi:

Ricorda che ogni volta che annaffiamo, parte dell’acqua fornita deve uscire dal fondo della pentola, quindi devi essere generoso con i fori praticati nel contenitore.

Un drenaggio ottimale per la quantità di acqua che consigliamo (vedi punto successivo) sarebbe il 10% dell’irrigazione totale. In questo modo eliminiamo anche i sali che non ci interessa trattenere nel supporto.

Leggi tutto:  selezione di substrati per tutti i tipi di piante

Quanto spesso viene annaffiato il rosmarino strisciante?

I rischi di Rosmarinus officinalis ‘ Postratus’ devono essere moderati. Parliamo di un apparato radicale e foglie abituato ad ambienti molto caldi e con precipitazioni inferiori a 300 mm annui.

Piantato in giardino, viene solitamente irrigato con un sistema a goccia, posizionando un erogatore per pianta. Una frequenza adeguata di approvvigionamento idrico per il rosmarino strisciante è la seguente:

  • Irrigazione in primavera e in estate:  da 1 a 2 irrigazioni a settimana, con un tempo di irrigazione di 40-50 minuti.
  • Irrigazione in autunno e inverno:  1 irrigazione ogni 12-15 giorni, tagliando le irrigazioni in caso di pioggia.

Se facciamo coltivare il nostro rosmarino in vaso, la frequenza di irrigazione sarà molto più limitata, annaffiando fintanto che il substrato è completamente asciutto.

Il volume di approvvigionamento idrico è definito da 1/6 del volume del contenitore. Se, ad esempio, abbiamo il nostro rosmarino strisciante in una pentola con un volume di 6 litri, aggiungeremo 1 litro di acqua.

Suggerimenti per gli abbonati

Nonostante sia abituato a crescere in ambienti ostili con suoli poco fertili e scarsa disponibilità di sostanza organica, si consiglia di giocare sia con l’apporto di compost organico che con fertilizzanti minerali.

In autunno, prima dell’arrivo dell’inverno, aggiungeremo dai 2 ai 3 kg di sostanza organica per rosmarino strisciante, ben distribuita attorno al tronco principale e creando una pacciamatura con proprietà benefiche per il terreno (microbiologia, ritenzione idrica, disponibilità di nutrienti, ecc..).

In primavera, in coincidenza con il periodo di maggior germogliamento del rosmarino rampicante, forniremo concimi minerali. Se non si dispone di un iniettore o di uno spandiconcime, è possibile utilizzare fertilizzanti solidi sotto forma di granuli. Per questo tipo di piante aromatiche, una formula che funziona molto bene è NPK 12-8-16 con magnesio e micronutrienti.

Contribuiremo tra 50 e 100 grammi per rosmarino all’inizio della primavera, a seconda che si tratti di un cespuglio più o meno grande.

Moltiplicazione del rosmarino rampicante

La riproduzione del rosmarino strisciante è simile a quella del rosmarino comune. Può essere fatto sia da semi che da talee.

Riproduzione per semi

È meglio seminare i semi in vasi precedentemente preparati con substrato, metà materiale drenante metà universale (perlite, vermiculite, fibra di cocco, sabbia, ecc.)

Seminiamo alcuni semi per vaso, introducendoli a una profondità non superiore a 1 cm. Manteniamo l’umidità costante del supporto, ma sempre senza allagamenti. Il modo più ottimale per innaffiare è con uno spruzzatore, poiché in questo modo evitiamo che i semi si spostino sul fondo del vaso a causa del peso dell’acqua.

La germinazione avviene dopo 15-25 giorni dalla semina. Man mano che cresce, aspetteremo dai 2 ai 3 mesi prima di trapiantarlo in giardino, nel caso lo desideriamo.

Riproduzione per talea

La moltiplicazione per talea è un modo semplice per ottenere caratteristiche identiche alla pianta madre di cui abbiamo prelevato lo stelo. A nostra volta, acceleriamo il tempo di sviluppo della pianta di diversi mesi.

Per fare questo, selezioneremo uno stelo sano in primavera o in autunno di circa 15 cm di lunghezza. Rimuoviamo le foglie dalla base e piantiamo in un substrato con le stesse condizioni della moltiplicazione per semi.

In ogni talea è sempre consigliabile impregnare la base dove vogliamo che escano le radici con gli ormoni radicanti. Non sono molto costosi e si ottengono risultati migliori rispetto al non utilizzo.

Come potare

Il rosmarino è una pianta che si presta molto bene alla potatura da allevamento. Questa operazione può essere effettuata in autunno o all’inizio della primavera. Durante l’estate è sconsigliato per l’eccesso di calore e lo stress che possiamo arrecare alla pianta, oltre che perché coincide con la fase di fioritura.

Elimineremo gli steli troppo lunghi, malati o fragili. Accetta molto bene le talee e germoglia prepotentemente la primavera successiva.

Alcuni problemi correlati

Il mio rosmarino strisciante si secca

Uno dei maggiori problemi di cui soffre il rosmarino è l’eccesso di acqua. Questa specie è abituata a crescere naturalmente in montagna con precipitazioni inferiori a 200 mm, quindi quando viene coltivata in vaso, tendiamo sempre a sbagliare sul lato della cura e forniamo più acqua e quantità di quanto corrisponda.

Un chiaro sintomo dell’eccesso di acqua è il completo asciugamento dei suoi steli, soprattutto per la mancanza di ossigenazione del substrato e l’annegamento delle sue radici, che smettono di trasportare acqua e sostanze nutritive (nonostante il substrato li contenga) alla pianta. parte aerea della pianta.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.