Suggerimenti

Come e quando piantare un avocado

Una delle prime domande che dobbiamo porci quando abbiamo già la pianta nelle fasi iniziali dello sviluppo è quando piantare un avocado. L’importanza della data di completamento di questo compito è fondamentale per ottenere un corretto sviluppo dell’impianto.

Troverai la risposta a quando piantare un avocado e alcuni consigli per migliorarne lo sviluppo nelle fasi iniziali in questo articolo. Non perderlo!

Quando piantare un avocado

La data per trapiantare o piantare l’avocado è la primavera.

In questi 3 mesi che compongono questa stagione in cui le temperature sono in aumento, dobbiamo aggiungere quanto segue. Per le zone più fredde è importante partire 1 mese dopo l’inizio della primavera, soprattutto perché quando non c’è luce la temperatura non scende eccessivamente e non c’è tanta differenza tra giorno e notte.

Le zone più calde, come la costa mediterranea in Spagna (la costa di Malaga, dove si coltivano gli avocado), possono essere coltivate subito dopo la primavera, consentendo un buon sviluppo delle radici.

Quando piantare un seme di avocado

Uno dei metodi di moltiplicazione più efficaci è piantare il nocciolo di avocado. Cresce rapidamente in un ambiente acquoso e produce radici molto lunghe.

Passaggi da seguire per piantare un osso di avocado:

  • Lavate e utilizzate il nocciolo della frutta
  • Attacca 3 bastoncini o spilli di legno per tenere la frutta sul bicchiere o sul contenitore.
  • Metti il ​​seme di avocado con la parte rotonda che galleggia sopra l’acqua e la parte più appuntita rivolta verso il cielo.
  • Rinnovare l’acqua ogni settimana.

Come e quando piantare un avocado dal seme?

Una volta che vediamo che dal seme emerge una radice cardine bianca con più di 10 cm di lunghezza, e su di essa crescono radici più piccole (note come radici secondarie), sarà il momento di eseguire il trapianto.

Idealmente, cerca un vaso con un substrato commerciale e una miscela di sabbia, posiziona la radice con molta attenzione per evitare danni e copri il buco con la pianta. Sarà necessario mantenere un buon livello di umidità annaffiando due volte a settimana.

Una piccola quantità e più frequenza è meglio del contrario, evitando di allagare il substrato e di marcire le radici.

Una volta piantato l’avocado,  l’ideale è posizionarlo in una zona con una buona disposizione di luce e sole, anche se lontano da esso nei mesi estivi se la pianta è ancora piccola.

Dopo 2 o 3 settimane dalla messa a dimora, possiamo aggiungere all’acqua di irrigazione una piccola quantità di fertilizzante (in modo che la concentrazione di sali non aumenti eccessivamente) oppure applicare aminoacidi con una risposta rapida allo sviluppo delle radici.

Per i più inesperti in materia di germinazione dalle ossa, esistono dei kit che facilitano il lavoro e che galleggiano nell’acqua, lasciando solo una parte dell’osso a contatto con essa.

Suggerimenti per incoraggiare lo sviluppo precoce delle radici

Dopo aver risolto la questione di quando piantare un avocado, menzioniamo ora alcuni suggerimenti per consolidare la piantagione con lo sviluppo di nuove radici. Queste sono le piccole radici bianche che assorbono molta acqua e quasi tutti i nutrienti.

È importante che ogni buca abbia una quantità significativa di materia organica, che migliorerà la conservazione dell’umidità e mobiliterà i nutrienti, mantenendosi più a lungo in forma solubile.

Da qui, fornire acidi fulvici o aminoacidi per fertirrigazione migliorano lo sviluppo delle radici, poiché forniscono azoto senza aumentare eccessivamente la conduttività, cosa negativa per lo sviluppo di nuove radici.

Dove piantare l’avocado?

Come abbiamo già accennato, i primi passi consistono nel piantare il nocciolo di avocado in acqua per stimolare, con l’umidità, lo sviluppo di nuove radici.

Una volta formate queste radici, come abbiamo visto nell’immagine precedente, il passo successivo è piantare in un ambiente confortevole per la pianta, come un vaso.

Trovare il luogo esatto in cui piantare l’avocado è importante, poiché bisogna curare al massimo le radici già formate e stimolarne di nuove.

Pertanto, non valgono la pena non solo qualsiasi tipo di terreno o intervalli estremi di siccità e umidità intervallate.

Idealmente, cerca un vaso con un buon accesso alla luce e temperature adeguate, scegliendo la fibra di cocco come substrato.

Questo substrato naturale, dalla buccia e dalla corteccia del cocco, garantisce un buon equilibrio di umidità, mantenendolo costantemente durante lo sviluppo delle radici. Inoltre, consente un drenaggio ottimale dell’acqua in eccesso, nel caso in cui ne aggiungiamo più del necessario.

radici di avocado

Lo sviluppo delle radici di avocado è rapido e sono piuttosto vigorose. Produce radici bianche abbastanza spesse, segno di buona salute e buon equilibrio energetico.

Quando effettueremo il trapianto, cercheremo di posizionare le radici nel miglior modo possibile, evitando danni da ferite quando le posizioniamo nel substrato di fibra di cocco.

Una piccola pianta di avocado è in grado di produrre molti semi e questi assorbiranno molta acqua, quindi eviteremo l’applicazione nelle prime settimane di fertilizzanti che aumentino eccessivamente la concentrazione di sali.

Fornire invece materia organica liquida o solida, ben lavata e senza sali in eccesso, garantirà un maggiore sviluppo radicale.

Come coltivare l’avocado

Abbiamo diversi modi di coltivare l’avocado, sia in giardino, in terriccio permanente o in vaso, sul nostro terrazzo o balcone (nei primi anni).

Conoscendo il processo di germinazione e formazione della piantina dal suo osso, spiegheremo i passaggi principali per la sua cura, fino a quando non forma una grande pianta e produce i suoi primi frutti.

Dall’avere una piantina alta quasi 20 cm, sarà il momento di trapiantare l’avocado.

Condizioni del suolo o del substrato

Le radici che formano l’albero non sono molto potenti o sviluppate, quindi dobbiamo prenderci cura del terreno fin dal primo momento, facilitandone lo sviluppo.

Il terreno o substrato ideale è un terreno, con un buon drenaggio e almeno l’1% di materia organica.

Il fattore limitante quando si tratta di coltivare avocado è il drenaggio, poiché è molto intollerante al ristagno idrico.

Di solito si sviluppa in modo ottimale in terreni leggermente acidi (pH compreso tra 5,5 e 7).

Climatologia e temperature ideali

L’ intervallo di temperatura ideale durante la coltivazione di avocado è compreso tra 20ºC e 30ºC durante il giorno, evitando temperature inferiori a 10ºC, in generale, di notte.

Non possiamo dimenticare che è una specie subtropicale, dove necessita di moderata umidità ambientale, temperature calde e una buona esposizione al sole.

Irrigazione e umidità

Le condizioni ideali del terreno per gli avocado sono sempre umide ma senza ristagni idrici. Una malattia molto grave che colpisce gli avocado è il fungo Phytophthora,  che penetra attraverso le radici e fa crollare gli steli e il collo della pianta.

Questo fungo necessita di condizioni di elevata umidità, da qui l’importanza di non esagerare con l’irrigazione.

Raccolto

Nell’articolo sulle varietà di avocado puoi vedere diverse opzioni per piantare, dimensioni e forma esistenti.

È anche importante scegliere in base al calendario del raccolto, quindi ecco un semplice riassunto del tempo del raccolto.

  • Varietà di pancetta:  da metà ottobre a metà dicembre.
  • Varietà Zutano:  da fine ottobre a metà dicembre.
  • Varietà forte:  da novembre a inizio febbraio.
  • Varietà Pinkerton:  da fine novembre a inizio febbraio.
  • Varietà Hass:  da gennaio a metà giugno.
  • Varietà a canna:  da metà marzo a fine luglio.
  • Varietà Lamb Hass:  da maggio a fine luglio.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.