Suggerimenti

Innesto di cactus: come farlo e come prendersene cura

Probabilmente hai visto ad un certo punto, online o in un fiorista o in un negozio specializzato, uno di quei cactus dai colori vivaci innestati sulla base di un altro cactus. Se vuoi imparare come realizzare tu stesso uno di quegli innesti sorprendenti e nel processo saperne di più su questo tipo di unione tra due specie diverse, unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde. Successivamente, ti offriamo una guida all’innesto di cactus, come farlo bene e come prendersene cura.

Che cos’è un innesto ea cosa serve?

Un innesto non è altro che unire due piante per formarne una. Il consueto innesto è composto da due parti: il piede o portainnesto, che è la pianta che funge da base e fornisce la radice (e quindi la funzione nutritiva) e l’innesto, che è la parte che si svilupperà grazie al sostegno del Altro.

Questo, sebbene a priori sia semplice, non può essere applicato con due piante qualsiasi. Gli innesti devono essere compatibili con i tuoi piedi. Solitamente basterà che siano piante della stessa famiglia, ma in ogni caso, se avete dei dubbi, la cosa migliore che potete fare è verificare la compatibilità delle due specie che intendete innestare.

L’utilità dell’innesto non sta solo nelle sue qualità estetiche, ma nella capacità di alterare i ritmi e pregi o difetti di una pianta con determinati piedi. Ad esempio, una pianta con crescita lenta e moltiplicazione complicata si svilupperà molto più velocemente su un piede a crescita rapida, e quindi fiorirà prima e sarà più facile moltiplicarla e persino ottenere i suoi frutti o semi.

Un’altra pianta che non vuole essere a diretto contatto con il terreno per problemi di umidità, può essere innestata sopra una pianta più alta, evitando così il pericolo.

E con i cactus c’è anche il caso dell’innesto del cactus colorato. Questi bellissimi cactus non hanno clorofilla e quindi non possono sopravvivere da soli, il loro unico modo per sopravvivere è attraverso l’innesto.

Come realizzare un innesto di cactus – passo dopo passo

La prima cosa da tenere in considerazione è se le specie che si intende innestare sono compatibili tra loro. Verificare la fattibilità dell’innesto con un professionista o con una ricerca online. Alcuni piedi sono più utili per alcune specie rispetto ad altre e il tuo innesto dovrebbe avere le migliori possibilità di successo.

Quindi devi tenere conto del periodo dell’anno. Affinché l’unione tra le piante avvenga correttamente, è necessario che si trovino in un periodo di crescita attiva, quindi le stagioni o i periodi migliori per fare innesti di cactus sono la primavera e l’estate.

Inoltre, tieni presente che è preferibile che il diametro del piede sia leggermente maggiore di quello dell’innesto stesso, e mai viceversa. Infine, conviene annaffiare e concimare più abbondantemente le piante una settimana prima di effettuare l’operazione. Tenendo conto di tutto ciò, puoi procedere alla realizzazione di un innesto di cactus con questi passaggi:

  1. Sterilizza la lama che intendi utilizzare immergendola la sera prima in alcol etilico. Puoi usare qualsiasi tipo di lama purché sia ​​il più affilata possibile e faccia tagli netti.
  2. Taglia il piede del cactus che sarà la base. Il taglio dovrebbe essere il più netto possibile. Una volta eseguito il taglio, arrotondare i bordi per evitare che si restringa e si raggrinzisca mentre guarisce. Puoi avvolgere il cactus in carta da cucina per evitare di pungerti con le sue punte.
  3. Tagliare il cactus da innestare, in questo caso con un taglio completamente dritto e senza arrotondamenti.
  4. Metti l’innesto sul tuo piede. È fondamentale non metterla in nessun modo: è necessario far combaciare al meglio i fasci vascolari delle due piante, assicurarsi che si intersechino e coincidano in almeno due punti. Sono quel punto o cerchio che si può distinguere nella sua sezione e attraverso il quale vengono trasportati i nutrienti.
  5. Infine, trattenere il giunto con pellicola trasparente o elastici che esercitano una leggera pressione. L’innesto dovrebbe essere attaccato in circa 10-15 giorni.

Cura del cactus innestato

Un cactus innestato di recente è molto più debole e vulnerabile a causa dell’aggressività del processo, poiché deve rimarginare la ferita e quindi unire le due parti. Questi sono i suggerimenti per la cura dei cactus innestati che offriamo:

  • È importante che in quei primi giorni si trovino in una zona senza incidenza diretta della luce solare e coperta da temperature estreme.
  • Trascorso questo tempo, possono essere esposti alla luce, ma non durante il giorno o nelle ore di maggiore incidenza.
  • Per quanto riguarda l’irrigazione, come sempre con i cactus, dovresti evitare di innaffiare troppo, cercando di dare un po’ di umidità al substrato quando è molto asciutto.

Cosa fare se un cactus innestato è malato

Se una delle due parti dell’innesto si ammala irrimediabilmente, si può tentare di annullare l’innesto per salvare la parte sana. Il processo è simile ma al contrario ed è necessario assicurarsi di sterilizzare gli strumenti.

Se l’innesto o la parte superiore sono malati, puoi semplicemente rimuoverli e lasciare che il piede chiuda la ferita o aggiungere un altro innesto al taglio. Se invece il piede è colpito, la parte dell’innesto avrà necessariamente bisogno di un piede sostitutivo. Trattare questo tipo di piante con grande cura e utilizzare fertilizzanti specifici prima e dopo il cambio dell’innesto.

Inoltre, consigliamo questa guida alla cura di base per i cactus.

Se desideri leggere altri articoli simili a Innesto di cactus: come farlo e come prendersene cura, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.