Suggerimenti

Melonares Vacanita (Epilachna chrysomelina): [Caratteristiche, rilevamento, effetti e trattamento]

Cos’è la vacanita de los melonares?

La Vacanita de los melonares, con il nome scientifico Epilachna chrysomelina, è un coleottero molto simile alle famose “coccinelle” allo stato adulto, appartenente alla famiglia dei Coccinellidae, che è riuscito ad avere una presenza in tutto il mondo, con circa 4.500 specie di diverse dimensioni.

In alcuni paesi sono anche comunemente chiamati: Vaquita de San Antonio (Argentina) Cocos (Spagna e Venezuela) Chinita (Galizia-Spagna), Vaquita de San Antón (Isole Canarie-Spagna), tra gli altri, ma il più popolare è Mariquita , non importa la varietà di cocco.

Sono insetti erbivori, della sottofamiglia Epilachninae, che sono conosciuti come coccinelle erbivore, a differenza dei loro cugini carnivori, motivo per cui sono considerati parassiti che colpiscono le specie di cucurbite , poiché possono mangiare foglie, grani e semi di specie coltivate.

A loro piace mangiare le foglie, i fiori e i frutti di specie commerciali come meloni , angurie , zucche , cetrioli, tra gli altri, quindi può causare grandi perdite economiche, poiché deforma e svaluta, quindi, il valore del frutto. . 

Come possiamo identificarlo?

Questi coleotteri non sono difficili da riconoscere in piena attività. Vediamo.

  1. Sono caratterizzati dal fatto che il loro corpo ovale presenta circa 10 punti neri armonicamente distribuiti, che contrastano con un arancio intenso. Anche se ci sono altri colori: giallo, rosso, arancione e nero.
  2. Hanno antenne ed elitre dall’aspetto rigido che proteggono le ali vere.
  3. Hanno anche 2 paia di zampe e una testa nera .
  4. Le uova vengono deposte sulla pagina inferiore delle foglie, in gruppi di circa 50 unità e quando le larve escono da esse si nutrono dell’intera parte inferiore, lasciando praticamente intatta l’epidermide del fascio, grazie ad una potente mandibola a forma di tenaglie.
  5. Le larve, dette “ricci”, sono gialle e si riconoscono perché ricoperte di spine ben visibili, per una lunghezza totale di circa 1 cm. Si trasformano in adulti in un mese di vita.
  6. Le abitudini alimentari sono diurne, ma in inverno vanno in letargo nelle erbacce vicino ai meloni, fino a quando non escono in primavera (aprile-maggio) per nutrirsi e riprodursi. Peggio ancora sono gli animali che nella loro condizione adulta preferiscono stare da soli.
  7. Gli adulti si nutrono anche della parte inferiore delle foglie, rendendole inutili con i loro morsi feroci, causando enormi danni alle piantagioni colpite.
  8.  Hanno la capacità di procreare circa due generazioni all’anno.

Il panorama della cultivar può diventare desolato se si lascia che questo erbivoro agisca a suo agio, poiché ha una voracità molto elevata, lasciando le piante in uno stato rovinoso, che cambieranno aspetto, vedendo facilmente aree macchiate e scavate o traslucide, dove rimane solo l’epidermide. 

Quali piante colpisce il melone vacanita?

Questo coleottero preferisce vivere nelle foglie dei campi di meloni, angurie, basette, zucche, cetrioli e specie simili, motivo più che sufficiente per eliminarli non appena compaiono in primavera in cerca di cibo.

Principalmente, questa specie di parassita può causare danni significativi a meloni e angurie, se non viene combattuta efficacemente e all’inizio della sua invasione, perché impediscono un buon raccolto dei frutti e nei casi più gravi rovinano completamente la pianta, impedendogli di far fruttificare ancora. E se lo fa, saranno deformi, non commestibili.

Sono molto comuni nelle regioni tropicali del pianeta e nelle regioni temperate.

Come combattere la vacanita de los melonares?

Tra le misure di prevenzione più importanti ci sono:

Rotazione delle colture

Ogni volta che hai cultivar di specie di cucurbita, devi mantenere la sana pratica della rotazione delle colture, specialmente se hai precedentemente raccolto specie che sono state attaccate da parassiti. 

Per questo, si consiglia vivamente di cercare un altro terreno molto ben aerato, coltivando specie resistenti nell’area già raccolta.

Semi certificati

Un’ottima pratica che previene la comparsa di parassiti e malattie virali e fungine è quella di acquisire semi certificati e garantiti in vivai e stabilimenti di fiducia, per non correre rischi inutili.

erbacce pulite

Un’altra sana misura di prevenzione consiste nell’eliminazione costante di erbe infestanti e residui organici dall’area di coltivazione, per evitare che uova e adulti dormano durante la notte.

Controllo biologico

Un modo super efficace per tenerli sotto controllo è con l’introduzione di vespe o parassitoidi nella cultivar, ma se i loro predatori naturali diminuiscono, questi possono aumentare e causare seri problemi, perché sono in grado di comportarsi come un vero parassita e danneggiare i frutti .

Quali sono i migliori prodotti per eliminare la vacanita dai melonares?

Un insetticida molto utilizzato per eliminare questo parassita è il Carbaryl 5% in presentazione granulare, che va cosparso sulle piante non appena compaiono i primi adulti della Vacanita di melonares, in modo da interrompere il ciclo riproduttivo.

Vengono utilizzati anche spray a base di arseniato di piombo, in una dose che comprende 500 grammi per 100 litri di acqua.

Per prima cosa si prepara una sorta di impasto con l’arsenato, aggiungendo poca acqua fino a quando non si sarà completamente inumidito senza che rimangano grumi e questo porridge si dissolverà gradualmente nel resto dell’acqua, evitando che vada a fondo. 

Questa soluzione viene applicata alla pagina inferiore delle foglie, per combattere larve e adulti. Un’altra ricetta insetticida utilizza arseniato di calcio in polvere , applicato anche con uno spolverino o un agente di zolfo. Ma questi trattamenti sono consigliati solo quando la pianta ha piccoli frutti.

Un’altra formula insetticida commerciale che viene applicata sulle colture di melone, con buoni risultati è Deltaplan, contenente l’attivo Deltametrina 2,5%, un piretroide sintetico in grado di controllare non solo la Vacanita dei meloni, ma molti altri insetti come afidi, trivelle, tripidi , bruchi , mosche, vermi di diverse specie, tra gli altri insetti che rovinano i raccolti.

Il Deltaplan ha un’attività repellente di grande praticità e penetra rapidamente nell’epidermide dei vegetali.Puede utilizzato in albicocca, carciofo, erba medica, mandorla, cotone, nocciola, lattuga, melanzane , grani di legumi , mais , pesca, melone, oliva , noce e molti altre specie indicate nel foglietto illustrativo del prodotto.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.