Suggerimenti

Olio Essenziale di Cannella: azione terapeutica, proprietà e benefici del suo utilizzo

Mentre la cannella è molto più conosciuta per il suo uso come spezia o aroma in cucina, sia la corteccia che l’ olio essenziale di cannella hanno una lunga storia nella medicina tradizionale, specialmente nei paesi asiatici come la Cina e l’India.

In questo articolo ti raccontiamo molte cose interessanti: cos’è la cannella, come si ottiene il suo olio, quali composti spiccano e qual è l’azione terapeutica dell’olio essenziale di cannella, le sue proprietà, benefici e usi, come si usa questo olio e infine cosa sono le precauzioni di base che dobbiamo prendere con questo olio essenziale.

Cos’è la cannella?

Quello che conosciamo come cannella è la corteccia di varie specie del genere Cinnamomum , che ha più di 250 specie di alberi e arbusti comunemente noti come bastoncini di cannella .

I più utilizzati per la produzione di oli essenziali sono la specie Cinnamomum zeylanicunm (o C. verum J. Presl), comunemente chiamato Ceylon Canelero originario dell’India, e Cinnamomum cassia Ness ex Blume (o C. aromaticum Ness), comunemente noto come Canelero dalla Cina.

Ottenere l’olio essenziale di cannella

Da entrambe le specie si ottengono oli essenziali di diversa composizione e, a sua volta, la composizione varia anche a seconda della parte della pianta da cui si ricavano – può provenire sia dalla corteccia che dalle foglie.

L’albero della cannella di Ceylon è più ricco di olio essenziale, ottenendo da 5 a 20 ml/kg, ed è costituito da derivati ​​del fenilpropano come E-cinnamaldeide (60-75%), eugenolo (1-5%), cinnamil acetato (1 – 5%) e altri componenti monoterpenici e sesquiterpenici.

Da parte sua, l’albero di cannella cinese ha una percentuale inferiore di olio essenziale (2%) ma più cinnamaldeide (75-90%) e poco eugenolo (meno dello 0,5%), oltre ad avere diterpeni.

L’olio ottenuto dall’albero di cannella di Ceylon, per trascinamento in un flusso di vapore acqueo, è un liquido limpido di colore giallo paglierino; mentre quello ottenuto con lo stesso metodo dalle foglie è di colore dal bruno rossastro al marrone scuro e ha un aroma più forte, poiché il suo componente principale è l’eugenolo (70-85%).

L’olio ottenuto dall’albero di cannella cinese, trascinando foglie e rami in un getto d’acqua, è di colore giallo bruno-rossastro.

Componenti e azione terapeutica dell’olio essenziale di cannella

È tempo di parlare delle proprietà e dei benefici dell’olio essenziale di cannella.

Il componente più studiato, poiché ottenuto solo da queste specie, è la cinnamaldeide , che ha potenti proprietà antibatteriche e antimicotiche . Questo componente suscita grande interesse in medicina e il suo utilizzo è in fase di studio nei trattamenti associati al rallentamento dell’Alzheimer, alla riduzione dei livelli di glucosio nel sangue e all’attacco selettivo delle cellule tumorali .

L’altro composto di interesse è l’ eugenolo , anch’esso dotato di potente attività antibatterica e antimicotica, sebbene siano importanti anche altri componenti dell’olio essenziale di cannella, come l’o-metossicinnamaldeide con cui sono stati condotti studi nel trattamento della candidosi orale in pazienti con HIV che mostrano miglioramento. Questo stesso componente insieme alla cinnamaldeide è stato studiato per prevenire il riassorbimento osseo (la distruzione dell’osso che si verifica con l’età).

L’olio essenziale di cannella con foglie di cannella ha mostrato attività antibatterica sia per i Gram-positivi che per i Gram-negativi, nonché contro Streptococcus mutans , S. mitis e S. salivarius , che causano la carie dentale .

Studi con test in vitro e in vivo hanno dimostrato che gli oli essenziali e gli estratti acquosi di entrambe le specie potrebbero avere effetti benefici nel diabete , aumentando la ricaptazione del glucosio e la sintesi del glicogeno aumentando la fosforilazione del recettore dell’insulina.

Altri studi riguardano la cannella al mantenimento dell’integrità ossea con un effetto stimolante sulla formazione ossea negli osteoblasti, che può contribuire alla prevenzione dell’osteoporosi e dei disturbi infiammatori dell’osso .

Usi dell’olio essenziale di cannella

I riferimenti all’uso della cannella si trovano oltre 2.500 anni. Nella medicina ayurvedica è indicato come:

  • Antiemetico (contro vomito e nausea)
  • Antidiarroico (combatte la diarrea)
  • Antiflatulente (previene la formazione e aiuta l’espulsione dei gas)
  • Stimolante (aumenta l’attività)

Nella Medicina Tradizionale Cinese vengono attribuite proprietà:

  • Stomaco : miglioramento della digestione pesante, pancia gonfia e dolore e bruciore di stomaco o bruciore di stomaco .
  • Analgesico : soprattutto come sollievo dal dolore addominale come lievi spasmi.

In Francia, l’olio essenziale di cannella è tradizionalmente utilizzato per il trattamento sintomatico dei disturbi digestivi , come stimolante dell’appetito , e nel trattamento delle infezioni urinarie , grazie alla sua attività batteriostatica.

È anche usato per il trattamento del dolore addominale come quelli associati all’amenorrea (quando non ci sono le mestruazioni) e alla dismenorrea (mestruazioni dolorose).

Da parte sua, l’ Agenzia europea per i medicinali (EMA) elenca l’ olio essenziale di cannella per il trattamento sintomatico di disturbi gastrointestinali lievi e spasmodici, che includono pancia gonfia e flatulenza, indicando da 50 a 200 mg di olio essenziale al giorno in 2 o 3 dosi giornaliere, per un massimo di 2 settimane.

.

Come si usa l’olio essenziale di cannella?

Il modo di utilizzare le gocce dell’olio è incorporarlo in un supporto neutro, come miele o olio vegetale, anche in preparazioni dove normalmente si utilizzerebbe la cannella in polvere.

D’altra parte, questi oli essenziali, in particolare quello della cannella di Ceylon, possono essere utilizzati in un diffusore, incorporandolo nei preparati per la pulizia della casa o anche aggiungendolo a creme e lozioni per il corpo, dentifrici fatti in casa, ecc. È un ottimo detergente antibatterico. Nella sezione del blog Home Remedies vedrai molte preparazioni in cui puoi incorporare questo olio.

Precauzioni e controindicazioni dell’olio essenziale di cannella

Come sempre con gli oli essenziali, è importante notare che, pur trattandosi di un elemento naturale, è un concentrato molto forte che deve essere utilizzato con estrema cautela seguendo le istruzioni del prodotto acquistato.

Si consiglia vivamente, soprattutto per uso orale, l’acquisizione di AEQT (Chemithyped Essential Oils) 100% puro, 100% naturale e biologico.

Quando applicato sulla pelle va diluito in un olio base: olio di argan , olio di cocco , ecc.

Con questi oli bisogna prestare particolare attenzione al chemiotipo poiché, come indicato, possono avere composizione diversa.

Nel caso dell’olio essenziale di Cannella dalla Cina, si consiglia particolare cautela nell’uso orale ed esterno, senza superare le 2 gocce al giorno correttamente diluite.

Nessuno di questi oli essenziali è raccomandato per l’uso durante la gravidanza, l’allattamento o nei bambini di età inferiore a 3 anni.

Consultare sempre uno specialista prima di utilizzare gli oli essenziali.

fonti

  • “Attività terapeutica della corteccia di cannella”, María Emilia Carretro Accame. Consiglio Generale dei Collegi Ufficiali dei Farmacisti.
  • “Cinnamaldeide: non solo un profumo dolce”, Christian Carrizosa Balmont. Biotecnologie all’Università Pablo de olavide. 2014.
  • “Attività dell’olio essenziale di Cinnamomum zeylanicum ” Canela “contro biofilm di Pseudomonas aeruginosa e Staphyococcus aureus indotti in vitro su lenti a contatto morbide”, Katherine Milagros Charri Macassi e Cynthia Fiorella Huamán Torres. Facoltà di Farmacia e Biochimica, Universidad Nacional Mayor de San Marcos, Perù. 2017.
  • “Potenziale fitoterapico della cannella (Cinnamomum zeylanicum) nel contesto del diabete e della sindrome metabolica”, José Daniel Custodio. eS Health, TecnoCampus Mataró (Barcellona). Libro degli abstract 7° Congresso di Fitoterapia. 2013.
  • Pranarom. BIo certificato AEQT.
  • “Monografia erboristica comunitaria su Cinnamomum verum JS Presl, corticis aetheroleum”, Comitato per i prodotti erboristici. Agenzia europea per i medicinali. 2011.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *