Suggerimenti

Parassiti e malattie della barbabietola: [Rilevamento, cause e soluzioni]

La barbabietola è una pianta la cui radice grossa e carnosa è ben nota nel mondo culinario , poiché commestibile e molto prelibata.

È proprio la sua radice appetibile che la rende una pianta così ampiamente coltivata in tutto il mondo.

Inoltre, è una buona aggiunta per una coltivazione domestica, poiché, con una buona cura, può crescere notevolmente senza problemi .

Pensandoci, possiamo dirvi che ci sono alcuni problemi che possono verificarsi durante la coltivazione, come parassiti o malattie. Per questo motivo, ti invitiamo a continuare a leggere in modo da conoscere i parassiti e le malattie più importanti che possono verificarsi nelle barbabietole .

Afide nero

Afide ”src =” https://www.sembrar100.com/wp-content/uploads/Pulgon-negro-300edrez202.jpg ”alt =” <a class=♡ /> Afide nero ”width =” 300 ″ altezza = ” 202″ /> L’afide è uno dei parassiti più diffusi al mondo e, sebbene non possa causare gravi danni alla pianta, può abbassare la qualità del prodotto.

Tuttavia, dovresti anche considerare che questo parassita può trasmettere il virus del giallo , che può causare seri problemi.

Quando compaiono nella pianta, ne favoriscono l’indebolimento, così come la diminuzione della sua vitalità, senza mettere a rischio la tua vita. Per evitare problemi con questo parassita, è meglio avere una buona strategia di prevenzione, supervisionando la coltura e il suo sviluppo.

Per quanto riguarda il suo trattamento, possiamo parlarvi di controllo utilizzando un sapone di potassio adatto, oltre a annaffiare la coltura con un tubo. Nel caso in cui la popolazione sia troppo grande, si consiglia di optare per alcuni mezzi per eliminare il parassita.

Tieni presente che puoi usare rimedi naturali, chimici e persino biologici, con l’incorporazione di un predatore di afidi.

Mosca della barbabietola

Considerato uno dei parassiti più comuni delle barbabietole, questa mosca può causare la morte della pianta se non viene controllata adeguatamente.

In generale, di solito non provoca grandi danni nelle piante adulte, ma nelle sue piantine riduce la superficie delle sue foglie, rendendo difficile la fotosintesi .

Ciò fa sì che la pianta non riceva il nutrimento adeguato per il suo sviluppo, che può deformarla o provocarne la morte. In questo senso è importante specificare che le larve di questa mosca perforano le foglie , formando gallerie molto facili da osservare.

Per combatterli, è meglio tagliare le foglie che sono colpite da questi insetti , facendo attenzione ai tagli. Allo stesso modo, puoi scegliere di rimuovere le larve manualmente, premendo entrambi i lati delle foglie, fino a quando le larve non vengono schiacciate.

I prodotti chimici non sono consigliati in questo caso , anche se possono sicuramente essere efficaci nel tuo controllo finale.

verme grigio

Con un’alta possibilità di causare la morte delle piante , il verme grigio è considerato un pericoloso parassita per le colture di barbabietola.

Questo perché le loro larve si nutrono soprattutto del collo stesso della pianta, lasciando in quella zona morsi quasi circolari.

Questo potrebbe costare rapidamente la vita alle piante più piccole, mentre gli adulti possono gestirlo un po’ meglio.

I primi sintomi di questo parassita sono che le piante appassiscono in tempi relativamente brevi , soprattutto se si tratta di una grave infestazione. È meglio che le piante vengano diagnosticate precocemente e trattate prontamente.

Esistono a questo punto alcuni rimedi biologici come l’utilizzo del batterio Bacillus , che risulta efficace nel controllare diversi tipi di bruchiL’uso di prodotti chimici come gli insetticidi è invece consigliato nei casi più gravi e nelle ore diverse dal sole intenso.

Giallo virulento

Questa è una malattia che viene trasmessa dalla popolazione di afidi che possono attaccare le piante di barbabietola durante la primavera .

Esistono diversi tipi di ingiallimento del virus , quindi le piante giovani e adulte possono essere compromesse nella stessa misura.

Il suo sintomo principale è la presenza di clorosi nelle foglie delle piante colpite, tenendo conto che possono avere altri segni.

Le foglie tendono ad ispessirsi e a diventare fragili , quindi molte finiscono per cadere e lasciare la pianta con un aspetto meno vitale. È una malattia di rapida estensione e dagli effetti abbastanza dannosi, essendo necessario che vengano seguite le necessarie misure preventive.

Questo virus non ha un trattamento biologico o chimico che ne abbia dimostrato l’efficacia Per questo motivo è difficile salvare le piante colpite. Pertanto, è necessario mantenere un controllo assoluto contro i portatori del virus, riducendo il rischio di insorgenza della malattia.

Lebbra

Questa malattia è causata da un fungo che può danneggiare visibilmente le foglie della pianta.

Su di esse, per lo più deformate, si notano spesse lamelle sferiche , che tendono a mantenere intorno un colore rossastro.

Questa malattia non ha un impatto diretto sulle perdite economiche che le colture di barbabietola possono presentare. Questo perché, come regola generale, non è di rapida estensione e solitamente non provoca danni alla qualità della radice .

Nei casi più gravi, può produrre tumori alla radice, alcuni più grandi della radice e lasciandola antiesteticamente segnata. L’uso di prodotti chimici è ciò che è raccomandato nel suo trattamento , anche se la migliore è la prevenzione attiva per evitarne l’uso.

Le barbabietole sono una delle radici più gustose e vengono utilizzate in tutto il mondo per cucinare alcuni dei piatti più squisiti. Sebbene il suo nome possa variare da una regione all’altra, la barbabietola mantiene il suo caratteristico colore e sapore dolce , che si aggiunge giorno dopo giorno.

Per questo motivo la cosa migliore è che le persone che si dedicano alla sua semina e coltivazione mantengano le loro piante il più sane possibile. Questo aiuta ad evitare problemi con il suo consumo, oltre a ridurre le perdite economiche dovute alla presenza di parassiti e malattie .

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.