Suggerimenti

Piante carnivore: [Guida completa + Come piantarle + Immagini]

La flora del nostro pianeta può essere bella, deliziosa, a volte velenosa  E anche predatore! 

È il caso delle famose piante carnivore . Ma cosa hanno di speciale? Perché negli ultimi anni ci sono stati sempre più appassionati di acquisire questo tipo di impianto?

Bene, andiamo per parti .

Nonostante sia una moda più o meno recente, la verità è che le piante carnivore esistono sulla Terra da più di 35 milioni di anni.

E sebbene la maggior parte si nutra solo di insetti , ce ne sono alcuni che possono nutrirsi di prede più grandi ; è il caso della pianta Nepenthes , carnivoro in grado di nutrirsi di roditori, batraci e alcuni lagomorfi.

Lo sapevate…
Sapevi che le piante carnivore sono ottimi predatori di zanzare? Pertanto, sono piante antizanzare ideali.

Cosa sono le piante carnivore?

Le piante carnivore sono piante che si nutrono di insetti, protozoi, crostacei, aracnidi e altri animali vertebrati più grandi: lucertole, lagomorfi, roditori, ecc.

Sono piante che generalmente crescono in substrati poveri , come i terreni acidi delle paludi e di certe rupi.

Ora, non tutte le piante che intrappolano o uccidono gli animali sono considerate carnivore .

Alcune specie di piante catturano gli insetti nei loro fiori per facilitare l’impollinazione. Se la le dighe muoiono nel processo , la pianta non ne trae alcun beneficio.

Inoltre, le piante carnivore non usano mai i loro fiori come trappole.

Ecco perché, per distinguere le piante carnivore dalle altre, dobbiamo considerare …

Le piante carnivore hanno tre caratteristiche principali:

  • Catturano e uccidono la loro preda.
  • Hanno un meccanismo che facilita la digestione delle loro prede.
  • Ottengono un notevole beneficio dai nutrienti assimilati dalla preda.

È importante notare che, in alcuni casi, è difficile stabilire se sono veri carnivori o se sono solo piante con attributi predatori .

Ad esempio, fino a poco tempo fa si pensava che la pianta conosciuta come Artiglio del Diavolo (Proboscidea louisianica) della famiglia delle Martyniaceae fosse carnivora , poiché dotata di ghiandole appiccicose che intrappolano tutti i tipi di insetti e i cui enzimi ne permettono la digestione.

Tuttavia, il nutrimento che ottengono da queste prede è così insignificante che è stato escluso che si tratti di un carnivoro .

Piuttosto, si ritiene che le foglie e gli enzimi appiccicosi funzionino più come difesa contro potenziali predatori. Quindi, questo tipo di pianta è considerata solo come pianta killer .

Come si nutrono?

Le piante carnivore vengono nutrite usando le loro foglie specializzate come trappole .

Questi  usano trucchi diversi per attirare la preda : colori vivaci, nettari floreali extra, peli guida o estensioni delle foglie.

Una volta che la preda è stata intrappolata e uccisa, la pianta o uno dei suoi organi la digeriscono . Una volta fatto, assorbe i nutrienti necessari dal cadavere.

Resta da dire che sebbene la maggior parte delle piante carnivore cresca senza consumare prede , la loro crescita e riproduzione è molto più rapida ed efficace quando consumano i nutrienti derivati ​​dalle loro vittime .

In che modo le piante carnivore digeriscono il cibo?

  1. Una volta catturata la preda , le piante carnivore iniziano a secernere alcuni enzimi che digeriscono lentamente l’ animale .
  2. Ciò si verifica perché l’interno delle trappole è rivestito da ghiandole rosse che agiscono come uno stomaco.
  3. Quando cerca di fuggire, la preda tocca inevitabilmente alcuni dei molteplici peli sensoriali alloggiati all’interno della trappola . Questi peli innescano un segnale elettrico che si diffonde a onde attraverso la trappola .
  4. Dal terzo segnale, le ghiandole secernono ormoni e altre sostanze come l’acido cloridrico , che aiutano ad abbattere la preda .
  5. Dopo il quinto segnale, vengono attivate le ghiandole digestive della pianta , che secernono un enzima digestivo che riveste l’interno della trappola e aiuta l’assorbimento dei nutrienti necessari, che vengono rilasciati attraverso il processo di decomposizione.
  6. In alcune varietà, tuttavia, il processo può essere un po’ più complesso. Le piante che hanno trappole di tipo vaso, ad esempio, mantengono nelle loro trappole una combinazione di acqua piovana con altre agenzie per formare una catena di trasformazione che contribuisce pienamente a digerire la preda .
  7. Altre piante carnivore , come Byblis , utilizzano altri insetti per digerire le loro prede, ricavando i loro nutrienti dagli escrementi di questi predatori , sia attraverso le foglie che attraverso il terreno.

Quali tipi di piante carnivore esistono?

Secondo il loro Ordine, le piante carnivore sono classificate come segue:

cariofille

  • Aldrovanda.
  • Dionea.
  • drosera.
  • Drosophyllum.
  • Nepenthes.
  • Triphyophyllum.

Ericales

  • Darlingtonia.
  • Heliamphora.
  • Roridula.
  • Sarracenia.

Lamiales

  • Byblis.
  • Genlisea.
  • Philcoxia.
  • Pinguicola.
  • Utricularia.

Oxalidal

  • Cefaloto.

Poales

  • Brocchina.
  • catopsi.

A seconda del meccanismo di cattura che utilizzano, troviamo:

Piante carnivore di tenaglie

Attualmente si conoscono solo due tipi di piante con questo meccanismo: Dionaea muscipula o Venus flytrap e Aldrovanda vesiculosa.

  Entrambi usano un nettare che attira le mosche , che riposano sulle foglie.

Così facendo, se le sue zampe attivano in una o più occasioni le ciglia del rilevatore, entro meno di cinque secondi, la trappola si chiude automaticamente.

Le spine sui bordi delle foglie impediscono alle mosche di fuggire. Quando cerca di fuggire, la mosca si muove all’interno della trappola , attivando così la secrezione di enzimi e succhi gastrici.

Una volta che l’insetto è stato digerito, la foglia si stacca dal suo fusto originario per dare origine a una nuova foglia e questo processo può essere ripetuto più e più volte.

Piante per capelli appiccicosi

È il meccanismo utilizzato da alcuni carnivori come Drosera, Byblis, Drosophyllum e Pinguicula, tra gli altri.

Ogni specie utilizza metodi diversi per attirare la sua preda. La drosera, ad esempio, secerne un fluido viscoso con un aroma simile al miele, mentre il Drosophyllum utilizza colori vivaci.

Quando un insetto atterra sulla foglia, rimane intrappolato nei peli ricoperti di mucillagine appiccicosa. Inevitabilmente, l’ insetto morirà stanco. Questo è quando, a seconda della specie, inizia il processo digestivo.

Piante con trappole burattate o a vaso

Tra queste troviamo Heliamphora, Nepenthes, Sarracenia, Cephalotus, Darlingtonia e Brocchinia reducta.

Come il nome suggerisce,  la sua trappola ha la forma di un vaso o di un cono.  I bordi della trappola emettono odori che attirano gli insetti .

Quando atterrano sul bordo, gli insetti scivolano e cadono sul fondo della trappola , dove si accumula un liquido viscoso che impedisce loro di fuggire e alla fine li annega.

Impianti con trappole meccaniche

Questo meccanismo si trova solo in quelle piante del genere Utricularia .

Si tratta di piante acquatiche , il cui meccanismo è il più veloce ed efficace di tutte le piante carnivore , superando anche quello della Venere acchiappamosche.

In effetti, sono considerati tra  le strutture più complesse del regno vegetale. 

Hanno lunghi steli con stoloni che terminano con foglie fotosintetiche e trappole a forma di vescica. Queste vesciche hanno una serie di peli fini che funzionano come una molla.

Quando alcune prede , come minuscoli crostacei, si avvicinano all’apertura della vescica e toccano i peli, la vescica si espande rapidamente, assorbendo tutto ciò che ha davanti in meno di un millisecondo.

L’apertura è completamente chiusa e dopo mezz’ora è pronta per risucchiare più vittime.

Piante da trappola per aragoste

È il meccanismo esclusivo del genere Genlisea, specializzato nella caccia ai protozoi, che attirano chimicamente.

Hanno una lama in  Forma a Y che consente alla preda di entrare, ma non di uscire. 

I peli interni costringono la preda ad avanzare in una sola direzione: verso uno stomaco situato nella parte superiore del braccio Y, dove avviene il processo di digestione.

Va da sé che ci sono alcuni tipi di piante carnivore che utilizzano una combinazione di trappole .

È il caso della Drosera glanduligera, che unisce le caratteristiche delle trappole a tenaglia a quelle con peli appiccicosi.

Alcune delle interessanti piante carnivore

Nepenthes rajah

 Considerata la più grande pianta carnivora esistente. La sua trappola è del tipo a vaso, e può annegare alcuni piccoli mammiferi.

Drosera derbyensis

Ha un aspetto simile a quello di un anemone di mare. Come le altre drosera, le sue foglie sono ricoperte di peli appiccicosi che catturano gli insetti .

Catopsis berteroniana

Molto simile a una succulenta, questa pianta carnivora si nutre di azoto e fosforo , che assorbe dalle sue prede .

Ha una trappola simile a un carro armato, che è rivestita con una polvere bianca appiccicosa che riflette la luce e induce gli insetti a volare.

Le piante carnivore più consigliate per i principianti

Se sei nuovo nel mondo delle piante carnivore e sei interessato a coltivarle, puoi iniziare con una delle seguenti specie:

  • Drosera capensis:  Originaria del Sud Africa, è una delle piante carnivore più belle e divertenti con peli appiccicosi. Inoltre, è uno dei più resistenti e adattabili.
  • Dionaea muscipula:  La Venere acchiappamosche è una delle piante carnivore più popolari. Richiede più cure della Drosera, ma è una pianta relativamente semplice da coltivare.
  • Sarracenia purpurea:  nota come pianta carnivora viola . È una pianta molto resistente con poche cure. Ideale da posizionare sul davanzale.

Come coltivare piante carnivore?

Sebbene diverse specie di carnivori abbiano esigenze diverse di luce, acqua e substrato , queste tre specie consigliate hanno esigenze di crescita molto simili:

Ecco alcuni requisiti per piantare piante carnivore:
  • Luce : Tutti e tre amano il sole diretto. Dobbiamo assicurarci che ricevano quanta più luce possibile.
  • Acqua : riempire i vasi con 1 o 2 cm di acqua distillata o acqua piovana, preferibilmente inumidire il terreno invece di annaffiarlo. Quando si tratta di piante palustri, è meglio che il terreno rimanga umido per tutta la stagione di crescita.
  • Substrato : Il terriccio non deve essere utilizzato. Un buon substrato è costituito da una miscela di corteccia macinata fine, sabbia orticola senza calce e perlite, in un rapporto di 2: 1: 1. Un’altra miscela a base di torba è torba di sfagno mescolata con sabbia orticola senza calce o perlite, in un rapporto di circa 2: 1.
  • Fertilizzanti : non aggiungere mai fertilizzanti.
  • Vasi : i vasi di plastica funzionano meglio, ma vanno bene anche quelli di ceramica, purché abbiano molti fori di drenaggio. I vasi da 12 cm sono abbastanza grandi per piante adulte.
  • Trapianto : preferibilmente in primavera.
  • Dormienza : la venus acchiappamosche e quasi tutte le piante da vaso richiedono una fredda dormienza invernale tra novembre e febbraio. Al contrario, la drosera può crescere durante tutto l’anno. Per fornire una letargia alle piante d’appartamento , spostale in un luogo più fresco. Le foglie della pianta diventeranno nere e moriranno, solo per ricominciare a crescere in primavera.

Cibo e altre cure

Può sembrare noioso, ma la tua pianta carnivora sarà molto più sana con un irrigazione adeguata, molta luce solare e buona cura durante la sua dormienza invernale , che con il cibo che metti nelle loro trappole .

Tuttavia, nutrire le piante carnivore è divertente e anche la pianta più sana rallenterà la sua crescita se non cattura alcuna preda.

Se la tua pianta vive all’aperto o la metti regolarmente all’aperto nei giorni di sole, non dovresti preoccuparti. Si prenderà cura di se stessa per procurarsi il cibo necessario.

Se, al contrario, ce l’hai dentro, ci sono alcune considerazioni che dovrai tenere in considerazione:

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.